Croce Rossa Napoli, l’assessore Trapanese consegna le uova di Pasqua ai bambini ucraini

da | Apr 15, 2022 | Cronaca

L’Assessore al Welfare del Comune di Napoli, Luca Trapanese, è stato questo pomeriggio in visita alla sede del CAS della Croce Rossa Italiana che ospita i profughi ucraini. Insieme al presidente Monorchio, ha consegnato le uova pasquali ai bambini presenti in struttura. La struttura ospita in questo momento 36 persone di cui 12 bambini di età diverse.

“Ringrazio la Croce Rossa Italiana che sin dal primo momento è stata al nostro fianco per rispondere operativamente all’accoglienza dei nostri fratelli Ucraini. Sono tante le attività di supporto ed accompagnamento che abbiamo attivato sin dal primo momento garantendo l’accoglienza e calore ai profughi di tutte le età” ha dichiarato l’Assessore Trapanese

Campania, obbligo di mascherine sui luoghi di lavoro

Campania, obbligo di mascherine sui luoghi di lavoro

Con provvedimento in corso di pubblicazione, il Presidente della Regione Campania  ha richiamato tutti i datori di lavoro, pubblico e privato, all'osservanza delle norme di prevenzione sanitaria, in particolare riferite all'uso delle mascherine. Sulla base di quanto...

Vomero, aggrediscono un rider vicino al McDonald’s

Vomero, aggrediscono un rider vicino al McDonald’s

Nella serata di martedì i Carabinieri della compagnia Vomero vengono allertati per un giovane ferito presso il McDonald?s di via Giovanni Merliani. Dai primi accertamenti ancora in corso pare che un 19enne rider, verso le 20:30, sia stato accerchiato da un gruppo di...

Torre Annunziata, incendiato il manifesto per Maurizio Cerrato

Torre Annunziata, incendiato il manifesto per Maurizio Cerrato

Nei giorni scorsi una gazzella della sezione  radiomobile della compagnia di Torre Annunziata era impegnata in un servizio alto impatto disposto dalla locale compagnia. La pattuglia mentre stava percorrendo  viale Pastore Raffaele ha notato che ignoti - non si sa...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te