La stazione che fa acqua da tutte le parti

da | Apr 2, 2022 | Primo piano

Metropolitana, Salvator Rosa tra secchi di plastica e “portoghesi”. Una vergogna continua

Il battagliero consigliere comunale Nino Simeone ne ha fatto, giustamente, un caso. Non si è mai visto, da nessuna parte al mondo, che per collaudare treni nuovi da immettere in servizio si blocchi il servizio stesso per due giorni. Alla metropolitana di Napoli si preferisce lavorare invece alla luce del giorno piuttosto che nelle tenebre. Ed anche questo è un mistero, visto che comunque il percorso avviene tutto in galleria, cioè al buio.
Dappertutto queste prove avvengono nei giorni festivi o parafestivi e di notte. Quando gli altri treni non circolano e vi sono sei sette ore in cui si possono fare tutti i collaudi, anche i più complessi e prudenti, come quelli appunto scattati giovedì e venerdì scorso. Una scelta incomprensibile, che ha creato gravi difficoltà agli utenti, soprattutto studenti e lavoratori, nel bel mezzo della settimana. Ora c’è solo da sperare che i collaudi di pieno giorno siano risultati positivi, visto che in precedenti circostanze e alla presenza dei tecnici ministeriali a bordo, i treni stessi, nuovo di zecca, si incendiarono.
Superata questa fase ci si augura che i nuovi convogli possano entrare quanto prima in circolazione, sia per dare decoro ai passeggeri che per offrire un servizio più frequente. Oggi in talune ore del giorno siamo arrivati a 25 minuti di attesa tra un treno e l’altro. Una vergogna.

Come una vergogna assolutamente ingiustificabile è rappresentata dalla stazione più sgarrupata della Metro, quella di Salvator Rosa. Premesso che qui non esistono controlli e ognuno che vuole passa a sbafo (“Dobbiamo lasciare aperto il varco per i disabili”, la stupefacente risposta), l’uscita che dà su via Girolamo Santacroce è comunque chiusa da prima del Covid e nessuno vi pone rimedio. Con grandi disagi per chi abita in zona, costretto a defatiganti risalite. C’è una infiltrazione da condotta fognaria che blocca il percorso e quindi basta chiudere per risolvere. All’interno della stazione, invece, continua a piovere, indipendentemente dai fenomeni piovosi esterni. E così, quasi davanti ai binari, in prossimità delle vecchie Cinquecento color ruggine, sono stati sistemati da tempo un po’ di secchi di plastica per raccogliere l’acqua che cola dal soffitto. Uno spettacolo indegno. È vero che a Salvator Rosa scendono pochi turisti, ma quelli che hanno la ventura di farlo certo non si faranno un buon giudizio sulle capacità amministrative dei responsabili dell’Anm e della città nella sua accezione più vasta. Quanto ai napoletani ormai sono rassegnati, nemmeno se ne accorgono.

Suor Orsola parla le “lingue” del lavoro

Suor Orsola parla le “lingue” del lavoro

di Giovanni Basile Innovazione didattica e placement dei laureati: la soddisfazione degli studenti dell’Ateneo napoletano La laurea conseguita all’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli risulta più efficace del 15% rispetto alla media nazionale. È quanto emerge...

E a Salvator Rosa i secchi ormai sono “decori”

E a Salvator Rosa i secchi ormai sono “decori”

Non appena piove a Napoli, nella stazione Salvator Rosa della Linea 1 della metropolitana, spuntano diversi secchi che vengono posizionati dal personale dell’Anm per raccogliere l’acqua piovana che cade dall’alto e arriva fino alla banchina. I secchi ormai sono...

La prima metro al mondo chiusa per umidità

La prima metro al mondo chiusa per umidità

Stop alla stazione Università fino al 15 ottobre. Pavimentazione da sostituire: “materiale non idoneo” A poco più di 11 anni dall’inaugurazione la stazione metropolitana di piazza Bovio necessita di 4 mesi di lavori per sostituire le “pregiate pavimentazioni” con un...

Napoli e la “deriva americana”

Napoli e la “deriva americana”

Finora esente dagli assalti a sfondo razziale che partono dai ghetti (come avvenuto il 2 giugno nel Milanese) L’escalation di risse, pestaggi, accoltellamenti, ragazzini che puntano le pistole contro le forze dell’ordine, ha fatto parlare di “deriva americana” a...

Una Cittadella universitaria da Oscar

Una Cittadella universitaria da Oscar

Da Leonardo Di Costanzo a Nicola Giuliano: straordinario successo ai David di Donatello 2022 per i “Grandi Maestri” del Cinema dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli Si può ormai definire una formazione accademica ‘da Oscar’ quella dell’Università Suor Orsola...

E ora il “branco” va in spiaggia…

E ora il “branco” va in spiaggia…

Non bastava la mala-movida. Ancora gravi i due minorenni accoltellati a Marechiaro. Il mare negato Non bastava la mala-movida notturna, adesso con l’arrivo della bella stagione c’è da fronteggiare anche la violenza collegata all’afflusso alle località balneari,...

Napoli, il futuro è da inventare

Napoli, il futuro è da inventare

Il terzo posto non può diventare il punto di arrivo per una società ambiziosa e per tifosi appassionati Sarà il Milan o l’Inter a fregiarsi del triangolino tricolore ai tifosi del Napoli interessa poco. La delusione, nonostante il terzo posto e la qualificazione...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te