Nell’ex Lanificio di Porta Capuana nasce la Fondazione Raffaele Sava per aiutare i bisognosi

da | Mar 26, 2022 | Primo piano

La bella facciata rinascimentale della chiesa di Santa Caterina a Formiello – a Porta Capuana – è ancora nascosta da teloni da quando il 25 settembre 2017 cominciarono lavori nel segno dell’Unesco che sarebbero dovuti durare 309 giorni (ma sono trascorsi oltre quattro anni). A sinistra, seminascosto nella foto, c’è un portale ad arco sormontato da una iscrizione in rilievo: “LANIFICIO”. Oltrepassando questo ingresso, ci si ritrova in uno dei luoghi più sorprendenti e misconosciuti di Napoli: un’ampia corte, come una piazza all’aperto, circondata da antiche vestigia. Si tratta di uno dei due chiostri di un complesso monastico quattrocentesco (accorpato alla chiesa), trasformato nell’Ottocento in una fabbrica di tessuti e divise per l’esercito borbonico ad opera dell’imprenditore Raffaele Sava… Unico esempio di archeologia industriale nel cuore di Napoli. Una “cittadella” di 15mila metri quadri tuttora “viva” e vitale (abitazioni  private, studi professionali, botteghe artigiane, centri culturali).

 

E ora due discendenti di quell’imprenditore illuminato – Giancamillo Trani, vicedirettore della Caritas napoletana, e il fratello Marco, amministratore del condominio dell’ex Lanificio Sava – in ricordo dell’antenato stanno per costituire la Fondazione Sava, una fondazione a scopo benefico, a partire dal contrasto alla povertà alimentare  (intensificato, nel periodo del  lockdown, soprattutto a favore della gente del quartiere Vicaria, da una già esistente associazione Sava che sta trasferendo derrate anche in Ucraina).

Raffaele Sava apparteneva a una famiglia impegnata da generazioni nella lavorazione della lana. “Nel periodo della Repubblica Partenopea”, racconta Giancamillo Trani, “aveva nascosto un ministro borbonico che rischiava la decapitazione. Quando rientrò il re, Ferdinando I,  il ministro glielo presentò. Il re nel 1825 gli mise a disposizione quest’edificio, riconvertito in fabbrica e con macchinari tra i più avanzati dell’epoca”, in regime di enfiteusi ma esentandolo dal pagamento del canone annuo. “Quindi, le commesse per le divise dell’esercito borbonico…”.  Sava  fronteggiava bene la concorrenza della Francia “ma non quella degli Stati Uniti,  che utilizzavano  ancora la schiavitù, non pagando la manodopera…”. Allora il re gli concesse di  scegliere le maestranze tra i reclusi e tra gli ospiti dell’Albergo dei poveri (che erano comunque remunerati). Forme di protezionismo che contribuivano alla prosperità delle industrie del Sud.

Poi tutto cambiò. “Quando arrivò Garibaldi”, continua Trani, “ordinò anch’egli  le divise per i suoi uomini, assicurando che le avrebbe pagate lo Stato sabaudo”. Che, invece, non solo prese le distanze dall’iniziativa di Garibaldi ma non diede neanche esecuzione ai contratti stipulati da Sava col precedente governo borbonico;  non rinnovò le commesse (nel 1861 il lanificio dava lavoro a oltre 600 persone e produceva un fatturato da un milione e 600mila lire all’anno). Lo stop alla produzione nel 1869, dopo 44 anni di attività, nonostante le cause intentate dai  Sava allo Stato e al Demanio…

Poi  l’abbandono, il declino; e dopo oltre 130 anni l’avvio nell’ex lanificio di iniziative cultural imprenditoriali  come il “Lanificio 25” della Rendano Association;  o “Made in Cloister” nel chiostro piccolo.

E ora sta per nascere la Fondazione Sava  (la bisnonna paterna di Giancamillo e Marco Trani era Maria Sava), iniziativa apprezzata anche dal giornalista Alfonso Maffettone  la cui bisnonna paterna era Amalia Sava, figlia di Luigi: “Una storia da ricordare, quella di Raffaele e del figlio Luigi, che crearono occupazione e ricchezza. Un’opera di alto impatto sociale perché diede lavoro remunerato anche a reclusi e forzati”.

Una fondazione finalizzata  non solo al contrasto alla povertà alimentare (molto diffusa  in quest’area) ma che contempla anche una sorta di “segretariato sociale” per fare rete con abitanti, associazioni, istituzioni del quartiere… Si potrebbe arrivare a stilare una “anagrafe del bisogno”, ragiona Giancamillo Trani, “per esempio  a proposito delle certificazioni Isee utili ad ottenere prestazioni sociali e sociosanitarie agevolate, anche per capire se a fruire di certi benefici  sono soltanto le persone meglio informate; e per intercettare quelle che invece magari non sanno, degli aiuti che potrebbero avere,  come i malati cronici o gli anziani abbandonati…”.  Nel frattempo  si stanno anche radunando  documenti e oggetti antichi dei  Sava, da esporre eventualmente in un Museo, i  cui proventi andrebbero in  beneficenza.

Il cinema napoletano in cattedra ai David di Donatello

Il cinema napoletano in cattedra ai David di Donatello

Da Leonardo Di Costanzo a Nicola Giuliano: ben 12 nomination ai “Grandi Maestri” dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli Questa sera (diretta su Rai Uno dalle 21.25) negli studi di Cinecittà per la cerimonia di premiazione della 67esima edizione dei David di...

Lavoro, è il boom dell’archeologo tecnologico

Lavoro, è il boom dell’archeologo tecnologico

di Federico Marazzi * In Campania l’eccellenza della formazione è all’Università Suor Orsola Benincasa Immaginate di vedere per la strada un’auto d’epoca, esteticamente affascinante, capace di ottime performances, ma a prezzo di consumi di carburante decisamente...

Come tutelare il nostro “oro blu”

Come tutelare il nostro “oro blu”

Iniziativa per la candidatura Unesco delle acque sorgive del Golfo a “patrimonio dell'Umanità”. I dati, le ipotesi “Facile aprire il rubinetto ed avere a disposizione una delle acque più pregiate, più controllate d’Italia. Ma ciò richiede un grosso sforzo tecnico, una...

Calcio, l’Italia s’è persa

Calcio, l’Italia s’è persa

Come ripartire dopo la delusione della Nazionale Riparte il campionato e sarà volata tutta d’un fiato fino al 22 maggio quando conosceremo l’esito del torneo più incerto ed emozionante da 10 stagioni a questa parte. Si riparte con gare importantissime ai fini della...

La figuraccia di Milano e l’esempio di Napoli

La figuraccia di Milano e l’esempio di Napoli

Il direttore d’orchestra russo Valery Gergiev cacciato dalla Scala di Milano solo perché non ha accettato l’imposizione di dire due parole contro Putin e contro la sua guerra prima di un’esibizione. Un corso sul grande scrittore russo Fedor Dostoevskij annullato alla...

La stazione che fa acqua da tutte le parti

La stazione che fa acqua da tutte le parti

Metropolitana, Salvator Rosa tra secchi di plastica e “portoghesi”. Una vergogna continua Il battagliero consigliere comunale Nino Simeone ne ha fatto, giustamente, un caso. Non si è mai visto, da nessuna parte al mondo, che per collaudare treni nuovi da immettere in...

Napoli, via Domenico Fontana: residenti in pericolo

Napoli, via Domenico Fontana: residenti in pericolo

È da venerdì 18 marzo che in via Domenico Fontana, all’altezza del civico 115, tra l’ingresso pedonale della Parrocchia di Santa Maria Antesaecula e l’accesso alto del Parco Montedonzelli, staziona un “senza fissa dimora”. Per quanto commossi dal senso di Pietas e dal...

Napoli, meno ansia

Napoli, meno ansia

Gli azzurri “tradiscono” quando aumenta la pressione Diciamolo francamente: a Napoli ce la suoniamo e ce la cantiamo come vogliamo a seconda dello spirare del vento, soprattutto quando l’oggetto o il sogno delle nostre fantasie, viene meno ribellandosi a etichette,...

Wilson, laziale sì. Ma soprattutto napoletano

Wilson, laziale sì. Ma soprattutto napoletano

L’omaggio al grande difensore ex Internapoli morto nei giorni scorsi a Roma Se ne è andato all’improvviso, accompagnato dall’omaggio scontato e doveroso di tutto il mondo calcistico laziale. Prima la bara esposta nella camera ardente poi un funerale, a Roma, con la...

Morte di Ornella, a maggio la sentenza

Morte di Ornella, a maggio la sentenza

Il processo all’ex compagno della docente uccisa un anno fa. Lunedì incontri alla Uil e al Liceo artistico Un otto marzo trascorso col pensiero rivolto alle donne russe e ucraine… Intanto in Italia non si ferma la violenza di genere: 118 le vittime di femminicidi nel...

Errore medico: quando c’è il risarcimento

Errore medico: quando c’è il risarcimento

Lo Studio Rubinacci-Molaro spiega la normativa che regola la responsabilità sanitaria Con l’articolo di oggi lo Studio legale degli avvocati Giovanni Rubinacci ed Andrea Molaro, si occupa della tematica del risarcimento del danno derivante dall’errore del medico...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te