Nell’ex Lanificio di Porta Capuana nasce la Fondazione Raffaele Sava per aiutare i bisognosi

da | Mar 26, 2022 | Primo piano

La bella facciata rinascimentale della chiesa di Santa Caterina a Formiello – a Porta Capuana – è ancora nascosta da teloni da quando il 25 settembre 2017 cominciarono lavori nel segno dell’Unesco che sarebbero dovuti durare 309 giorni (ma sono trascorsi oltre quattro anni). A sinistra, seminascosto nella foto, c’è un portale ad arco sormontato da una iscrizione in rilievo: “LANIFICIO”. Oltrepassando questo ingresso, ci si ritrova in uno dei luoghi più sorprendenti e misconosciuti di Napoli: un’ampia corte, come una piazza all’aperto, circondata da antiche vestigia. Si tratta di uno dei due chiostri di un complesso monastico quattrocentesco (accorpato alla chiesa), trasformato nell’Ottocento in una fabbrica di tessuti e divise per l’esercito borbonico ad opera dell’imprenditore Raffaele Sava… Unico esempio di archeologia industriale nel cuore di Napoli. Una “cittadella” di 15mila metri quadri tuttora “viva” e vitale (abitazioni  private, studi professionali, botteghe artigiane, centri culturali).

 

E ora due discendenti di quell’imprenditore illuminato – Giancamillo Trani, vicedirettore della Caritas napoletana, e il fratello Marco, amministratore del condominio dell’ex Lanificio Sava – in ricordo dell’antenato stanno per costituire la Fondazione Sava, una fondazione a scopo benefico, a partire dal contrasto alla povertà alimentare  (intensificato, nel periodo del  lockdown, soprattutto a favore della gente del quartiere Vicaria, da una già esistente associazione Sava che sta trasferendo derrate anche in Ucraina).

Raffaele Sava apparteneva a una famiglia impegnata da generazioni nella lavorazione della lana. “Nel periodo della Repubblica Partenopea”, racconta Giancamillo Trani, “aveva nascosto un ministro borbonico che rischiava la decapitazione. Quando rientrò il re, Ferdinando I,  il ministro glielo presentò. Il re nel 1825 gli mise a disposizione quest’edificio, riconvertito in fabbrica e con macchinari tra i più avanzati dell’epoca”, in regime di enfiteusi ma esentandolo dal pagamento del canone annuo. “Quindi, le commesse per le divise dell’esercito borbonico…”.  Sava  fronteggiava bene la concorrenza della Francia “ma non quella degli Stati Uniti,  che utilizzavano  ancora la schiavitù, non pagando la manodopera…”. Allora il re gli concesse di  scegliere le maestranze tra i reclusi e tra gli ospiti dell’Albergo dei poveri (che erano comunque remunerati). Forme di protezionismo che contribuivano alla prosperità delle industrie del Sud.

Poi tutto cambiò. “Quando arrivò Garibaldi”, continua Trani, “ordinò anch’egli  le divise per i suoi uomini, assicurando che le avrebbe pagate lo Stato sabaudo”. Che, invece, non solo prese le distanze dall’iniziativa di Garibaldi ma non diede neanche esecuzione ai contratti stipulati da Sava col precedente governo borbonico;  non rinnovò le commesse (nel 1861 il lanificio dava lavoro a oltre 600 persone e produceva un fatturato da un milione e 600mila lire all’anno). Lo stop alla produzione nel 1869, dopo 44 anni di attività, nonostante le cause intentate dai  Sava allo Stato e al Demanio…

Poi  l’abbandono, il declino; e dopo oltre 130 anni l’avvio nell’ex lanificio di iniziative cultural imprenditoriali  come il “Lanificio 25” della Rendano Association;  o “Made in Cloister” nel chiostro piccolo.

E ora sta per nascere la Fondazione Sava  (la bisnonna paterna di Giancamillo e Marco Trani era Maria Sava), iniziativa apprezzata anche dal giornalista Alfonso Maffettone  la cui bisnonna paterna era Amalia Sava, figlia di Luigi: “Una storia da ricordare, quella di Raffaele e del figlio Luigi, che crearono occupazione e ricchezza. Un’opera di alto impatto sociale perché diede lavoro remunerato anche a reclusi e forzati”.

Una fondazione finalizzata  non solo al contrasto alla povertà alimentare (molto diffusa  in quest’area) ma che contempla anche una sorta di “segretariato sociale” per fare rete con abitanti, associazioni, istituzioni del quartiere… Si potrebbe arrivare a stilare una “anagrafe del bisogno”, ragiona Giancamillo Trani, “per esempio  a proposito delle certificazioni Isee utili ad ottenere prestazioni sociali e sociosanitarie agevolate, anche per capire se a fruire di certi benefici  sono soltanto le persone meglio informate; e per intercettare quelle che invece magari non sanno, degli aiuti che potrebbero avere,  come i malati cronici o gli anziani abbandonati…”.  Nel frattempo  si stanno anche radunando  documenti e oggetti antichi dei  Sava, da esporre eventualmente in un Museo, i  cui proventi andrebbero in  beneficenza.

Suor Orsola parla le “lingue” del lavoro

Suor Orsola parla le “lingue” del lavoro

di Giovanni Basile Innovazione didattica e placement dei laureati: la soddisfazione degli studenti dell’Ateneo napoletano La laurea conseguita all’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli risulta più efficace del 15% rispetto alla media nazionale. È quanto emerge...

E a Salvator Rosa i secchi ormai sono “decori”

E a Salvator Rosa i secchi ormai sono “decori”

Non appena piove a Napoli, nella stazione Salvator Rosa della Linea 1 della metropolitana, spuntano diversi secchi che vengono posizionati dal personale dell’Anm per raccogliere l’acqua piovana che cade dall’alto e arriva fino alla banchina. I secchi ormai sono...

La prima metro al mondo chiusa per umidità

La prima metro al mondo chiusa per umidità

Stop alla stazione Università fino al 15 ottobre. Pavimentazione da sostituire: “materiale non idoneo” A poco più di 11 anni dall’inaugurazione la stazione metropolitana di piazza Bovio necessita di 4 mesi di lavori per sostituire le “pregiate pavimentazioni” con un...

Napoli e la “deriva americana”

Napoli e la “deriva americana”

Finora esente dagli assalti a sfondo razziale che partono dai ghetti (come avvenuto il 2 giugno nel Milanese) L’escalation di risse, pestaggi, accoltellamenti, ragazzini che puntano le pistole contro le forze dell’ordine, ha fatto parlare di “deriva americana” a...

Una Cittadella universitaria da Oscar

Una Cittadella universitaria da Oscar

Da Leonardo Di Costanzo a Nicola Giuliano: straordinario successo ai David di Donatello 2022 per i “Grandi Maestri” del Cinema dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli Si può ormai definire una formazione accademica ‘da Oscar’ quella dell’Università Suor Orsola...

E ora il “branco” va in spiaggia…

E ora il “branco” va in spiaggia…

Non bastava la mala-movida. Ancora gravi i due minorenni accoltellati a Marechiaro. Il mare negato Non bastava la mala-movida notturna, adesso con l’arrivo della bella stagione c’è da fronteggiare anche la violenza collegata all’afflusso alle località balneari,...

Napoli, il futuro è da inventare

Napoli, il futuro è da inventare

Il terzo posto non può diventare il punto di arrivo per una società ambiziosa e per tifosi appassionati Sarà il Milan o l’Inter a fregiarsi del triangolino tricolore ai tifosi del Napoli interessa poco. La delusione, nonostante il terzo posto e la qualificazione...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te