A Napoli l’hub per gli ucraini

da | Mar 12, 2022 | InEvidenza

Città mobilitata per aiutare i profughi. Via alla raccolta di beni per tutto il Sud Italia. Aperto un centro sanitario

Decine di scatoloni con medicine, cibo e vestiti per i bambini ucraini. La disponibilità all’accoglienza dei profughi e anche a trovare un lavoro a chi fugge dalla guerra e arriva nel capoluogo campano.
Questo ed altro è l’abbraccio di Napoli al popolo ucraino che si sta manifestando dall’inizio della guerra con la Russia. Non solo: Napoli sarà anche l’hub nazionale per il Sud Italia di raccolta e stoccaggio dei beni di prima necessità per l’Ucraina. Gli altri due, per il Centro e per il Nord, saranno a Roma e Verona. La decisione di rendere centro di smistamento Napoli ha un valore non solo simbolico, ma anche funzionale. La città partenopea, infatti, ospita una delle più grandi comunità ucraine in Italia. Tantissimi sono i profughi arrivati dall’inizio della guerra, che hanno deciso di raggiungere amici e parenti sotto l’ombra del Vesuvio. Il Comune e la regione stanno mettendo a punto una macchina per l’accoglienza che si sta perfezionando di giorno in giorno anche grazie all’aiuto dei cittadini e di associazioni di beneficenza. Molte onlus stanno lavorando attivamente per mettere a disposizione strutture e aiuti per coloro che sono scappati da territori in guerra, ma anche per offrire un lavoro alle donne che arrivano a Napoli. Nella giornata di ieri, inoltre, è stato inaugurato così il centro sanitario dell’Asl Napoli 1 per i profughi ucraini alla Mostra d’Oltremare, dove sono risultati positivi già ieri mattina alcuni di loro nel centro in cui medici e infermieri operano sul Covid ma anche sull’organizzazione di assistenza a chi viene dall’Ucraina con altre malattie.
La struttura è stata divisa: da una parte vaccinazioni per cittadini italiani, ormai ridottissimi nel numero, e dall’altra per gli ucraini che si sottopongono al tampone e poi se vogliono alla dose di Pfizer o Moderna. In più gli ucraini prendono la loro tessera Stp (codice straniero temporaneamente presente) per l’assistenza medica nelle Asl sul territorio della Campania.

Manfredi hai voluto la bicicletta? Ora pedala

Manfredi hai voluto la bicicletta? Ora pedala

Al sindaco il compito di ben sfruttare i soldi del patto per Napoli. E di darsi una svegliata La pompa è stata davvero magna. Sembrava che il miliardo e duecento milioni di euro consegnati virtualmente da Draghi a Manfredi (nella foto) fossero un grazioso regalo del...

La metro a singhiozzo

La metro a singhiozzo

Corse a rilento, tratta limitata Piscinola-Dante e assenza di biglietti in stazione: il servizio di trasporto pubblico ha offerto un’altra pagina nera ai napoletani e ai turisti che, nonostante tutto, affollano anche in questi giorni la città. Tanti di loro, però,...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te