Gli errori di Spalletti cominciano ad essere troppi

da | Feb 26, 2022 | Primo piano

Gli azzurri fuori dalle Coppe e l’allenatore insiste con moduli e cambi sbagliati

Questi allenatori sono davvero strani. E se non proprio tutti almeno lo sono una buona parte di essi. Prendiamo Spalletti. Un amore a prima vista con De Laurentiis (ma il presidente non è la prima volta che si lascia abbacinare dai colpi di fulmine), otto vittorie di seguito ad inizio di campionato, osanna e peana generalizzati. Poi a piano a piano son venuti i tempi duri. E con i tempi duri vengono a galla, diciamo, le stranezze. La piazza è esigente, è risaputo. Spalletti però non è uno di primo pelo, ha giostrato in carriera in piazze importanti, certi meccanismi non dovrebbero sfuggirgli. Ed invece che fa, di fronte ad una domanda un po’ fuori delle righe di un giornalista che gli chiedeva se Ospina era il titolare o meno, sbotta, si lascia prendere dalla foga e dalla ragione passa al torto. Una reazione alla Gattuso, il burbanzoso Gattuso che pretendeva di dare lezioni calcistiche ai giornalisti, anche a quelli che masticavano pallone da ancor prima che lui nascesse.

Quello di Spalletti è comunque il segno di un nervosismo evidentissimo, figlio di un periodo non proprio entusiasmante, scandito dal melanconico pareggio contro l’Inter e soprattutto dalla squallida prestazione di Cagliari. Certo Spalletti ha le sue buone scusanti: una serie così lunga e tribolata di infortuni a Napoli non se la ricordava nessuno. Ma nell’analisi delle negatività non si può non ammettere che il tecnico certamente ci ha messo del suo. Vedi i cambi completamente sballati contro l’Inter e la formazione altrettanto sballata schierata contro il Cagliari.
Fatto sta che ora a dieci giornate dal termine del campionato il Napoli è fuori dalle Coppe e deve assolutamente mantenersi in zona Champions per evitare che l’anno prossimo De Laurentiis sia costretto a ridimensionare ulteriormente gli obiettivi, in termini di campagna acquisti e di ingaggi a quelli che rimarranno.
Dicevamo fuori delle Coppe. L’ultima serata da brivido il Napoli l’ha vissuta giovedì sera. Il Barcellona sottovalutato era al di sopra delle possibilità degli azzurri. Ma Spalletti ha contribuito al tracollo. Con il centrocampo a due contro gli indiavolati tre avversari era come alzare bandiera bianca già prima di scendere in campo. E infatti Demme e Fabian hanno fatto la figura dei polli. Erano talmente imbambolati che hanno perso tutte le palle in ripartenza ed hanno offerto agli spagnoli almeno tre o quattro occasioni da gol.
La verità è che non si può giocare con il 4-2-3-1 se i due di centrocampo non sono al livello del primo Anguissa. Soprattutto se il terzo, che gioca a supporto degli attaccanti, è lo spento Zielinski, che su dieci partite ne imbrocca al massimo due. Contro il Barcellona comunque l’errore è stato anche insistere sulla famigerata partenza dal basso, un male che risale al solito Gattuso e dal quale il Napoli non pare più liberarsene. Con il Barcellona che ti aggrediva alto a mille allora e con il supporto di tutti e tre i centrocampisti ripartire dal basso era pura follia. Questo infernale meccanismo oltre a toglierci punti ha rovinato, speriamo non per sempre, un grande portiere che era Meret, pagato da De Laurentiis trenta milioni. Spalletti sta ripercorrendo la stessa strada appunto di Gattuso. E i suoi errori adesso cominciano ad essere troppi.
Lino Zaccaria

Suor Orsola parla le “lingue” del lavoro

Suor Orsola parla le “lingue” del lavoro

di Giovanni Basile Innovazione didattica e placement dei laureati: la soddisfazione degli studenti dell’Ateneo napoletano La laurea conseguita all’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli risulta più efficace del 15% rispetto alla media nazionale. È quanto emerge...

E a Salvator Rosa i secchi ormai sono “decori”

E a Salvator Rosa i secchi ormai sono “decori”

Non appena piove a Napoli, nella stazione Salvator Rosa della Linea 1 della metropolitana, spuntano diversi secchi che vengono posizionati dal personale dell’Anm per raccogliere l’acqua piovana che cade dall’alto e arriva fino alla banchina. I secchi ormai sono...

La prima metro al mondo chiusa per umidità

La prima metro al mondo chiusa per umidità

Stop alla stazione Università fino al 15 ottobre. Pavimentazione da sostituire: “materiale non idoneo” A poco più di 11 anni dall’inaugurazione la stazione metropolitana di piazza Bovio necessita di 4 mesi di lavori per sostituire le “pregiate pavimentazioni” con un...

Napoli e la “deriva americana”

Napoli e la “deriva americana”

Finora esente dagli assalti a sfondo razziale che partono dai ghetti (come avvenuto il 2 giugno nel Milanese) L’escalation di risse, pestaggi, accoltellamenti, ragazzini che puntano le pistole contro le forze dell’ordine, ha fatto parlare di “deriva americana” a...

Una Cittadella universitaria da Oscar

Una Cittadella universitaria da Oscar

Da Leonardo Di Costanzo a Nicola Giuliano: straordinario successo ai David di Donatello 2022 per i “Grandi Maestri” del Cinema dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli Si può ormai definire una formazione accademica ‘da Oscar’ quella dell’Università Suor Orsola...

E ora il “branco” va in spiaggia…

E ora il “branco” va in spiaggia…

Non bastava la mala-movida. Ancora gravi i due minorenni accoltellati a Marechiaro. Il mare negato Non bastava la mala-movida notturna, adesso con l’arrivo della bella stagione c’è da fronteggiare anche la violenza collegata all’afflusso alle località balneari,...

Napoli, il futuro è da inventare

Napoli, il futuro è da inventare

Il terzo posto non può diventare il punto di arrivo per una società ambiziosa e per tifosi appassionati Sarà il Milan o l’Inter a fregiarsi del triangolino tricolore ai tifosi del Napoli interessa poco. La delusione, nonostante il terzo posto e la qualificazione...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te