A Spalletti servono gli insostituibili

da | Feb 26, 2022 | Primo piano

Campionato: nelle ultime dodici gare per il Napoli sarà importante avere la rosa al completo

L’ultimo turno, spalmato tra il venerdì ed il lunedì, ci ha regalato una sorpresa al giorno: venerdì sera la Juve che con il pareggio nel derby dà l’addio alla corsa scudetto, sabato il Milan che pareggia a Salerno contro l’ultima in classifica, domenica l’Inter finita ko col Sassuolo e lunedì il Napoli, salvato a pochi minuti dal novantesimo da una meritata sconfitta a Cagliari, con il gol del solito Osimhen. Da domani al 22 maggio si aprirà la volata scudetto a tre. A dodici giornate dalla fine del campionato i giochi sono apertissimi con Milan, Inter e Napoli nel giro di soli due punti: 56 i rossoneri, 54 azzurri e nerazzurri con questi ultimi che devono recuperare la gara di Bologna. L’Inter di Simone Inzaghi ha sulla carta il calendario più agevole. Lo scontro di Torino nel derby d’Italia contro la Juve (31esima giornata), due trasferte rischiose a Torino contro il Toro (29esima giornata) e Cagliari (37esima giornata) e due avversari scomodi in casa: Verona (32esima giornata) e Roma (34esima giornata). Nelle ultime partite, però, si è pure visto che Inzaghi deve fare i conti con un evidente problema. Infatti, il miglior attacco del campionato (55 gol) ha il suo attaccante più prolifico, Lautaro Martinez, a digiuno da ben sette settimane. Se sia un falso problema o se c’è qualcosa che si è inceppata nella manovra offensiva nerazzurra, lo sapremo presto. In casa Milan, nessuno discute il grande lavoro di Pioli che ha sicuramente la squadra più giovane e fresca delle tre, ma anche la più discontinua. Il pareggio di Salerno ha rimesso in discussione la capacità di concentrazione e di tenuta agonistica necessarie per vincere un tricolore che manca dalla stagione 2010/2011. Simbolo di questa leggerezza dell’essere… squadra è Rafael Leao, potenziale fuoriclasse, con evidenti miglioramenti sul piano tattico e della realizzazione, ma ancora assai superficiale nella gestione di troppe partite. I rossoneri hanno cinque trasferte insidiose: Cagliari (30esima giornata), Torino (32esima giornata), Lazio (34esima giornata), Verona (35esima giornata) e Sassuolo all’ultima giornata. Ma forse la trasferta più importante, la partita verità non solo per i rossoneri, si giocherà domenica 6 marzo a Fuorigrotta con lo scontro diretto col Napoli da dentro o fuori per entrambe.

E veniamo al Napoli, protagonista sin qui di una stagione di alto livello, che poteva diventare di altissimo profilo se non ci fossero state le sconfitte interne contro Empoli e Spezia o prestazioni opache come l’ultima nella trasferta di Cagliari. Dopo lo stop del Milan a Salerno e il ko dell’Inter contro il Sassuolo, già tutti immaginavano il Napoli in vetta alla classifica. Ma l’euforia precoce è una malattia pericolosa soprattutto a Napoli. Infatti, gli ossessi di Mazzarri in maglia rossoblu, uomo contro uomo, zolla su zolla, hanno fatto diventare subito il match fastidioso come un’emicrania, che nel secondo tempo con il gol subito poteva diventare incubo totale. Spalletti a venti minuti dal termine ha mandato in campo i titolarissimi Fabian Ruiz e soprattutto Osimhen che a tre minuti dal termine gli ha tolto le castagne dal fuoco con il solito stacco imperioso. Felice d’averla scampata, stressato dal non averci capito molto per settanta minuti, il tecnico ha fatto una disamina onesta che può sintetizzare la stagione fin qui disputata. Ovvio che non mancano le attenuanti per non aver avuto tutti disponibili in un momento importante della stagione da novembre fino a metà febbraio, però Spalletti ha a disposizione gente di qualità. Uomo intelligente e tecnico scafato, avrà sicuramente meditato sulla lezione sarda. Ha un undici di assoluto valore, indipendentemente dal modulo, che quando funziona produce un calcio esteticamente valido e soprattutto anche concreto. Ma quando vengono meno interpreti insostituibili (Lobotka, Anguissa, Politano e soprattutto Fabian Ruiz e Osimhen) i nodi vengono al pettine e riaffiorano antiche difficoltà anche caratteriali. A nostro sommesso avviso, il Napoli ha più volte dimostrato di essere la squadra più forte e dotata tecnicamente e tatticamente tuttavia l’arrendevolezza (o la paura? nda) mostrata troppe volte non può consentire di raggiungere traguardi ambiziosi. Quando mancano gli insostituibili, troppe variazioni tattiche, troppi cambi di strategia fanno perdere sicurezza alla squadra. Spalletti per le ultime dodici giornate, non impossibili, deve ritrovare una squadra più equilibrata nei reparti e nei movimenti e più convinta da un punto di vista mentale. Una domanda, però, sorge spontanea: siamo proprio certi che la società punti a vincere? Il piano, o il progetto del club di un forte taglio e riduzione del monte ingaggi, in un’ottica di assoluto rigore finanziario, per la migliore sostenibilità economica e calcistica nel prossimo futuro, mal si concilierebbe, infatti, con una vittoria attesa e anelata dai tifosi ormai da trentadue anni. Meditate gente…

Il cinema napoletano in cattedra ai David di Donatello

Il cinema napoletano in cattedra ai David di Donatello

Da Leonardo Di Costanzo a Nicola Giuliano: ben 12 nomination ai “Grandi Maestri” dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli Questa sera (diretta su Rai Uno dalle 21.25) negli studi di Cinecittà per la cerimonia di premiazione della 67esima edizione dei David di...

Lavoro, è il boom dell’archeologo tecnologico

Lavoro, è il boom dell’archeologo tecnologico

di Federico Marazzi * In Campania l’eccellenza della formazione è all’Università Suor Orsola Benincasa Immaginate di vedere per la strada un’auto d’epoca, esteticamente affascinante, capace di ottime performances, ma a prezzo di consumi di carburante decisamente...

Come tutelare il nostro “oro blu”

Come tutelare il nostro “oro blu”

Iniziativa per la candidatura Unesco delle acque sorgive del Golfo a “patrimonio dell'Umanità”. I dati, le ipotesi “Facile aprire il rubinetto ed avere a disposizione una delle acque più pregiate, più controllate d’Italia. Ma ciò richiede un grosso sforzo tecnico, una...

Calcio, l’Italia s’è persa

Calcio, l’Italia s’è persa

Come ripartire dopo la delusione della Nazionale Riparte il campionato e sarà volata tutta d’un fiato fino al 22 maggio quando conosceremo l’esito del torneo più incerto ed emozionante da 10 stagioni a questa parte. Si riparte con gare importantissime ai fini della...

La figuraccia di Milano e l’esempio di Napoli

La figuraccia di Milano e l’esempio di Napoli

Il direttore d’orchestra russo Valery Gergiev cacciato dalla Scala di Milano solo perché non ha accettato l’imposizione di dire due parole contro Putin e contro la sua guerra prima di un’esibizione. Un corso sul grande scrittore russo Fedor Dostoevskij annullato alla...

La stazione che fa acqua da tutte le parti

La stazione che fa acqua da tutte le parti

Metropolitana, Salvator Rosa tra secchi di plastica e “portoghesi”. Una vergogna continua Il battagliero consigliere comunale Nino Simeone ne ha fatto, giustamente, un caso. Non si è mai visto, da nessuna parte al mondo, che per collaudare treni nuovi da immettere in...

Napoli, via Domenico Fontana: residenti in pericolo

Napoli, via Domenico Fontana: residenti in pericolo

È da venerdì 18 marzo che in via Domenico Fontana, all’altezza del civico 115, tra l’ingresso pedonale della Parrocchia di Santa Maria Antesaecula e l’accesso alto del Parco Montedonzelli, staziona un “senza fissa dimora”. Per quanto commossi dal senso di Pietas e dal...

Napoli, meno ansia

Napoli, meno ansia

Gli azzurri “tradiscono” quando aumenta la pressione Diciamolo francamente: a Napoli ce la suoniamo e ce la cantiamo come vogliamo a seconda dello spirare del vento, soprattutto quando l’oggetto o il sogno delle nostre fantasie, viene meno ribellandosi a etichette,...

Wilson, laziale sì. Ma soprattutto napoletano

Wilson, laziale sì. Ma soprattutto napoletano

L’omaggio al grande difensore ex Internapoli morto nei giorni scorsi a Roma Se ne è andato all’improvviso, accompagnato dall’omaggio scontato e doveroso di tutto il mondo calcistico laziale. Prima la bara esposta nella camera ardente poi un funerale, a Roma, con la...

Morte di Ornella, a maggio la sentenza

Morte di Ornella, a maggio la sentenza

Il processo all’ex compagno della docente uccisa un anno fa. Lunedì incontri alla Uil e al Liceo artistico Un otto marzo trascorso col pensiero rivolto alle donne russe e ucraine… Intanto in Italia non si ferma la violenza di genere: 118 le vittime di femminicidi nel...

Errore medico: quando c’è il risarcimento

Errore medico: quando c’è il risarcimento

Lo Studio Rubinacci-Molaro spiega la normativa che regola la responsabilità sanitaria Con l’articolo di oggi lo Studio legale degli avvocati Giovanni Rubinacci ed Andrea Molaro, si occupa della tematica del risarcimento del danno derivante dall’errore del medico...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te