Primo tempo al Napoli, secondo all’Inter. Pari giusto

da | Feb 12, 2022 | Calcio Napoli, InEvidenza

Napoli Inter pari giusto, primo tempo agli azzurri e secondo agli ospiti. Il Napoli resta a meno 1.

Napoli Inter 1-1. Clima infuocato allo stadio Diego Armando Maradona, i tagliandi in vendita per il 50% della capienza dell’impianto, sono andati polverizzati in poco tempo, partita sentita e aspettata da tempo dal tifo partenopeo che ritorna a gran voce a sostenere i propri beniamini. I titolari scelti da mister Luciano Spalletti sono: Ospina; Di Lorenzo, Koulibaly, Rrahmani, Mario Rui; Lobotka, Fabian Ruiz; Zielinski, Insigne, Politano; Osimhen. Grande ovazione alla pronuncia da parte dello speaker Decibel Bellini, al nome di Kalidou Koulibaly reduce dalla vittori della Coppa d’Africa.

Primi 45 minuti di gioco appena un punto sotto la perfezione per il Napoli, squadra compatta e attenta nell’impostazione del gioco, mentre in fase difensiva sono zero gli spazi lasciati dagli azzurri. Sprint iniziale dove l’Intier va in difficoltĂ , giro palla veloce con Osimhen, Insigne e Politano che servita da un ottimo centrocampo, si trovano come un tuffo sincronizzato da medaglia d’oro. Il direttore di gara, Doveri, si perde nella foga iniziale degli azzurri, il fallo da rigore su Osimhen, il Var interviene per assegnare il penalty trasformato da Insigne. Peccato per il palo colpito da Zielinski che poteva portare sul doppio vantaggio. Molto bravi i ragazzi di Spalletti nel contenere anche le poche folate offensive dei nerazzurri, qualche sbavatura per Koulibaly che si fa perdonare però, con la chiusura montre su Doumfies. Punteggio piĂą che giusato all’intervallo, ma che comunque sta un po stretto al Napoli per quello che si è visto in campo.

Secondo tempo che è l’opposto del primo, il Napoli entra in campo con poca concentrazione e viene subito punito, un gol di Dzeko con un rimpallo sfortunato di Di Lorenzo che accomoda sull’attaccante bosniaco un cioccolattino da scaraventare in rete. Dopo il gol il Napoli sembra accusare il colpo senza riuscire piĂą ad essere incisivo. Con il passare del tempo, i padroni di casa, calano i ritmi limitandosi solo a controllare il risultato. Conferma poi Spalletti con i cambi, passando a un 5-3-2 coprendosi e mettendo in cassaforte un pareggio che contro la prima in classifica, resta comunque un risultato positivo, mentre il Napoli resta bello a metĂ .

A Napoli l’hub per gli ucraini

A Napoli l’hub per gli ucraini

Città mobilitata per aiutare i profughi. Via alla raccolta di beni per tutto il Sud Italia. Aperto un centro sanitario Decine di scatoloni con medicine, cibo e vestiti per i bambini ucraini. La disponibilità all’accoglienza dei profughi e anche a trovare un lavoro a...

Vomero, controlli movida dei carabinieri

Vomero, controlli movida dei carabinieri

Tra mercoledì e venerdì, nell'ambito dei servizi predisposti dalla Questura di Napoli nelle aree della “movida”,  i poliziotti del Commissariato Vomero, i militari dell’Arma dei Carabinieri, i finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza, con il...

E servono sempre terzino e centrale di difesa

E servono sempre terzino e centrale di difesa

L’arrivo del solo Tuanzebe non ha risolto i problemi strutturali dell’organico degli azzurri Nel momento di maggior fulgore, dopo le otto vittorie consecutive ad inizio di campionato, osservatori e tifosi, sull’onda dell’entusiasmo, avevano già indicato il Napoli...

Napoli, un futuro da inventare

Napoli, un futuro da inventare

I vuoti del Maradona non dipendono solo dal Covid.Tifosi sempre più spaesati e meno innamorati Un giorno, neanche tanto all’improvviso, sembra che l’amore dei tifosi azzurri per la loro squadra sia evaporato in modo pressochè totale e definitivo. L’avvio di Insigne,...

Ounas fermo: indagini sul suo cuore

Ounas fermo: indagini sul suo cuore

Problemi al cuore per Adam Ounas, folletto azzurro che è rientrato dalla Coppa d’Africa ma non sarà a disposizione di Luciano Spalletti. Il commissario tecnico dell’Algeria, Djamel Belmadi, all’indomani dell’eliminazione dalla Coppa d’Africa ha spiegato che il...

La metro a singhiozzo

La metro a singhiozzo

Corse a rilento, tratta limitata Piscinola-Dante e assenza di biglietti in stazione: il servizio di trasporto pubblico ha offerto un’altra pagina nera ai napoletani e ai turisti che, nonostante tutto, affollano anche in questi giorni la città. Tanti di loro, però,...

Il Napoli ritorna a sorridere al Maradona

Il Napoli ritorna a sorridere al Maradona

Il Napoli ritorna a sorridere al Maradona, dopo tre sconfitte consecutive tra le mura amiche, gli azzurri battono la Sampdoria per 1-0 grazie al gol di Petagna.   Il Napoli ritorna a sorridere - Stadio desolatamente deserto, pocchissimi i sostenitori per questa...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te