Il derby campano è azzurro, bottino pieno contro la Salernitana

da | Gen 23, 2022 | Calcio Napoli, InEvidenza

Il derby campano è azzurro, bottino pieno contro la Salernitana, match mai in bilico e poker a firma di Jesus, Mertens, Rrahmani e Insigne.

Il derby campano è azzurro – Per il Derby Campano Spalletti ritrova il capitano azzurro, rientro anche per Ospina dopo le noie muscolari dei giorni scorsi, ma il mister decide di non rischiarli dal primo minuto e si affida ai seguenti 11: Meret; Di Lorenzo, Juan Jesus, Rrahmani, Mario Rui; Lobotka, Fabian Ruiz, Zielinski; Mertens, Elmas, Lozano. Molteplici, finalmente, le scelte dalla panchina; Ospina, Marfella, Malcuit, Tuanzebe, Demme, Osimhen, Politano, Insigne, Ghoulam, Petagna, Zanoli.

Il match ha ben poco da dire, ovviamente almeno sulla carta, il Napoli è nettamente superiore alla squadra di Colantuono. Tantissimo possesso palla e un Meret mai impegnato, se non a raccogliere la sfera dalla rete per il momentaneo pareggio degli ospiti, caratterizzano i primi 45 minuti.

Il Napoli macina gioco e chiude la Salernitana nella proprio metà campo, ma il punteggio viene sbloccato da un difensore che, prima di esultare, deve fare ancora una volta i conti con la terna arbitrale che annulla in un primo momento la rete per presunto fuorigioco, ma dopo il check del Var, Juan Jesus e il Maradona possono esultare.

Gare del genere possono però nascondere qualche tranello, infatti Colantuono ha preparato il match con il classico catenaccio per poi tentare di sfruttare le ripartenze, proprio su una ripartenza gli azzurri si fanno trovare disordinati e subiscono un gol assurdo in una partita dominata. C’è bisogno di tanta attenzione, ma soprattutto di tenere alta la tensione, il  Napoli ritrova il vantaggio grazie a un rigore procurato da un’ottima incursione solitaria di Elmas, Ciro Mertens trasforma e manda tutti negli spogliatoi.

Nel secondo tempo azzurri a valanga, Spalletti inserisce Insigne per uno spento Lozano, reduce dalla doppietta di Bologna. Bastano pochi minuti per mettere la parola fine alla partita, prima Rrahmani su invito di Mertens, poi Insigne su un calcio di rigore procurato dallo stesso 24 azzurro, con giallo per il difensore Veseli che già ammonito lascia la sua squadra in 10, firmano il poker che mette in cassaforte i tre punti. La partita scivola via con i padroni di casa che tirano i remi in barca, senza affondare più il colpo, Spalletti da minutaggio ad Osimhen e al giovane Zanoli nell’attesa del posticipo serale, dove i partenopei dovranno solo capire su quale squadra hanno guadagnato punti.  

Dieci anni del Napoli femminile

Dieci anni del Napoli femminile

Una festa che meglio non poteva riuscire. I dieci anni del Napoli Femminile dalla prima promozione in A sono stati un tripudio di emozioni, ricordi, sfrenata allegria e anche calcio. Un evento organizzato con dovizia di particolari dal gruppo fondatore della società...

La prima metro al mondo chiusa per umidità

La prima metro al mondo chiusa per umidità

Stop alla stazione Università fino al 15 ottobre. Pavimentazione da sostituire: “materiale non idoneo” A poco più di 11 anni dall’inaugurazione la stazione metropolitana di piazza Bovio necessita di 4 mesi di lavori per sostituire le “pregiate pavimentazioni” con un...

Napoli, l’aria è pesante

Napoli, l’aria è pesante

Giocatori che vanno via, altri che vogliono andar via, il futuro azzurro è tutto da inventare, e Spalletti… Insigne emigrato d’oro in Canada, Ospina che stacca il telefono che manco “piange”, ricordando una bella canzone di Domenico Modugno, Ciro Mertens che dal...

Procuratori? No, mediatori

Procuratori? No, mediatori

Scandalo infinito, impazza il calciomercato e crescono gli affari. Il coraggio di Iervolino che si è ribellato Le vicende quasi parallele del divorzio di Sabatini dalla Salernitana e della richiesta dei legali di Mertens (4 milioni netti più 800 mila euro di...

De Laurentiis basta prendere in giro i tifosi

De Laurentiis basta prendere in giro i tifosi

Presidente De Laurentiis ora basta! Adesso stai esagerando, continuando a prendere in giro un popolo di tifosi calorosi e appassionati che hai anestetizzato con le tue controverse esternazioni prive di senso. Anzi, a senso unico: il tuo. Hai sempre messo in cattiva...

Santo subito

Santo subito

Gioite amori, amorini e Cupidi. Abbiamo un santo in più che ci protegge e si espone all'umano sacrificio di sofferenze e critiche feroci come novello Salvatore. E' lui, San Aurelio da Roma, cittadino del mondo ora innamorato perso di Partenope e dei suoi abitanti,...

De Luca trasforma in positivi i primati negativi della regione

De Luca trasforma in positivi i primati negativi della regione

De Luca, dopo un periodo di “appannamento mediatico” sta tornando al proscenio con tutta la sua carica comunicativa. E lo fa, per non smentirsi, nel bene e nel male. Replica, ad esempio, alla stravagante inchiesta della Procura di Napoli sugli appalti durante la prima...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te