Un lungomare non liberato

da | Gen 22, 2022 | Primo piano

Manfredi ha deciso: sarà portato a termine il vecchio progetto di De Magistris. Un’occasione sprecata

De Magistris ai tempi d’oro della bandana lo aveva innalzato a simbolo della sua rivoluzione. All’improvviso, dalla mattina alla sera, chiuse al traffico via Caracciolo e parte di via Partenope. Il “lungomare liberato” divenne il suo slogan preferito. Quell’iniziativa in qualunque altra parte del mondo, gratificata dalla possibilità di avere una bella strada a stretto contatto con la costa, sarebbe stata un’iniziativa affascinante e meritoria. Ma ben presto agli occhi attenti degli osservatori non sfuggì che chiudere senza aver attrezzato adeguatamente il litorale con luci, panchine, e con un arredo urbano consono era un non senso. Un azzardo. E infatti il lungomare fu liberato dalle auto, ma non fu liberato dall’angoscia. Perché al calar delle tenebre, dal lunedì al giovedì si trasformò (ed ora rischia di ritrasformarsi) in un luogo surreale, immerso nel silenzio più cupo e nell’oscurità. Un colpo al cuore per i tanti turisti che sbarcavano a via Caracciolo credendo di trovarvi i colori, l’effervescenza e la fantasia dei napoletani. E l’abbandono fu reso ancor più lugubre dai lunghi mesi di lockdown e di zona rossa, con i ristoratori chiusi o parzialmente aperti e quindi non più in grado di assicurare un minimo di presenza umana e di vita.
La chiusura della Galleria Vittoria indusse a malincuore l’ex sindaco, proprio alla fine del suo mandato, a ridare vita al lungomare. Ed ora il subentrato Manfredi, dopo un’iniziale apertura, appare orientato, invece, a sposare in pieno il progetto che aveva avviato il suo predecessore. Pista ciclabile e due corsie carrabili, marciapiede fruibile solo sul lato mare, uno spazio per bar e ristoranti ridotto rispetto a quello a disposizione oggi, wi-fi libero.

Sarà così il “nuovo” lungomare di via Partenophe, tratto del lungomare di Napoli a ridosso di Castel dell’Ovo con vista su Posillipo da un lato e Vesuvio e Capri dall’altro, secondo quanto previsto appunto dal progetto approvato dall’amministrazione de Magistris e che Edoardo Cosenza, assessore alle infrastrutture e alla mobilità della giunta comunale ha definito “un bel progetto”. Un bel progetto? Ma basteranno un po’ di spazio in più giustamente recuperato all’invadenza dei ristoratori e il wi-fi a ridare vita al “lungomare più bello del mondo”? Da sole queste due innovazioni certamente no.
Non a caso una decisione definitiva e particolareggiata ancora non è stata presa. Fiducioso appare il presidente della Commissione Mobilità del Comune Nino Simeone: “Il tema del lungomare di Napoli è un tema che riguarda tutti i napoletani e questa Amministrazione insieme alla Commissione Mobilità che mi onoro di presiedere, stanno dimostrando grande senso democratico, coinvolgendo tutte le associazioni di categoria, residenti, associazioni ambientaliste e comitati civici, cosa che in passato non è certamente avvenuta. Si dovranno fare scelte coraggiose, nell’interesse di tutti, superando le posizioni ideologiche che ci sono in campo”.
Scelte coraggiose, ma anche razionali. Con il ritorno alla normalità, che significa liberazione dal Covid, prevedibilmente il traffico riprenderà a mordere anche il litorale e non si capisce perché nei giorni appunto che vanno dal lunedì al giovedì, non si debba dare sfogo ai presumibili ingorghi utilizzando le due corsie carrabili del progetto. E magari creando una terza corsia per la sosta, con strisce blu presidiate e sottratte al controllo dei parcheggiatori abusivi. Utili per le disastrate casse del Comune e vantaggiose per i clienti dei ristoranti. Senza questi accorgimenti e senza gli interventi sull’arredo e sulle luci che il “bel progetto” non sembra prevedere, torneremo a confrontarci con la strada più mitizzata della città abbandonata nella più nera desolazione. Salvo a trasformarsi, nel fine settimana, in una sorta di grande sagra paesana, costellata di chincaglierie dei vu cumprà e di banchetti con zucchero filato. Che tristezza!

Il cinema napoletano in cattedra ai David di Donatello

Il cinema napoletano in cattedra ai David di Donatello

Da Leonardo Di Costanzo a Nicola Giuliano: ben 12 nomination ai “Grandi Maestri” dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli Questa sera (diretta su Rai Uno dalle 21.25) negli studi di Cinecittà per la cerimonia di premiazione della 67esima edizione dei David di...

Lavoro, è il boom dell’archeologo tecnologico

Lavoro, è il boom dell’archeologo tecnologico

di Federico Marazzi * In Campania l’eccellenza della formazione è all’Università Suor Orsola Benincasa Immaginate di vedere per la strada un’auto d’epoca, esteticamente affascinante, capace di ottime performances, ma a prezzo di consumi di carburante decisamente...

Come tutelare il nostro “oro blu”

Come tutelare il nostro “oro blu”

Iniziativa per la candidatura Unesco delle acque sorgive del Golfo a “patrimonio dell'Umanità”. I dati, le ipotesi “Facile aprire il rubinetto ed avere a disposizione una delle acque più pregiate, più controllate d’Italia. Ma ciò richiede un grosso sforzo tecnico, una...

Calcio, l’Italia s’è persa

Calcio, l’Italia s’è persa

Come ripartire dopo la delusione della Nazionale Riparte il campionato e sarà volata tutta d’un fiato fino al 22 maggio quando conosceremo l’esito del torneo più incerto ed emozionante da 10 stagioni a questa parte. Si riparte con gare importantissime ai fini della...

La figuraccia di Milano e l’esempio di Napoli

La figuraccia di Milano e l’esempio di Napoli

Il direttore d’orchestra russo Valery Gergiev cacciato dalla Scala di Milano solo perché non ha accettato l’imposizione di dire due parole contro Putin e contro la sua guerra prima di un’esibizione. Un corso sul grande scrittore russo Fedor Dostoevskij annullato alla...

La stazione che fa acqua da tutte le parti

La stazione che fa acqua da tutte le parti

Metropolitana, Salvator Rosa tra secchi di plastica e “portoghesi”. Una vergogna continua Il battagliero consigliere comunale Nino Simeone ne ha fatto, giustamente, un caso. Non si è mai visto, da nessuna parte al mondo, che per collaudare treni nuovi da immettere in...

Napoli, via Domenico Fontana: residenti in pericolo

Napoli, via Domenico Fontana: residenti in pericolo

È da venerdì 18 marzo che in via Domenico Fontana, all’altezza del civico 115, tra l’ingresso pedonale della Parrocchia di Santa Maria Antesaecula e l’accesso alto del Parco Montedonzelli, staziona un “senza fissa dimora”. Per quanto commossi dal senso di Pietas e dal...

Napoli, meno ansia

Napoli, meno ansia

Gli azzurri “tradiscono” quando aumenta la pressione Diciamolo francamente: a Napoli ce la suoniamo e ce la cantiamo come vogliamo a seconda dello spirare del vento, soprattutto quando l’oggetto o il sogno delle nostre fantasie, viene meno ribellandosi a etichette,...

Wilson, laziale sì. Ma soprattutto napoletano

Wilson, laziale sì. Ma soprattutto napoletano

L’omaggio al grande difensore ex Internapoli morto nei giorni scorsi a Roma Se ne è andato all’improvviso, accompagnato dall’omaggio scontato e doveroso di tutto il mondo calcistico laziale. Prima la bara esposta nella camera ardente poi un funerale, a Roma, con la...

Morte di Ornella, a maggio la sentenza

Morte di Ornella, a maggio la sentenza

Il processo all’ex compagno della docente uccisa un anno fa. Lunedì incontri alla Uil e al Liceo artistico Un otto marzo trascorso col pensiero rivolto alle donne russe e ucraine… Intanto in Italia non si ferma la violenza di genere: 118 le vittime di femminicidi nel...

Errore medico: quando c’è il risarcimento

Errore medico: quando c’è il risarcimento

Lo Studio Rubinacci-Molaro spiega la normativa che regola la responsabilità sanitaria Con l’articolo di oggi lo Studio legale degli avvocati Giovanni Rubinacci ed Andrea Molaro, si occupa della tematica del risarcimento del danno derivante dall’errore del medico...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te