Monumentale off limits, zona pericolosa

da | Gen 22, 2022 | Primo piano

Dopo il crollo del 5 gennaio ampliata l’area del sequestro. Salme esposte alle intemperie

Morti ancora senza nome, strazio dei familiari e cimitero ancora off limits in conseguenza del crollo del 5 gennaio. Slitta a data da destinarsi la riapertura del cimitero monumentale di Poggioreale (che era stata annunciata per mercoledĂŹ scorso). L’area interessata dal crollo di un edificio di tre piani – con distruzione di circa 200 loculi delle confraternite dei Dottori, dell’Immacolata e di San Gioacchino – è ancora sotto sequestro in quanto “risulta soggetta a fenomeni di cedimento con quadri fessurativi che interessano sia gli immobili sia il piano di calpestio dei viali pedonali” ma – poichĂŠ risulta difficile delimitare la zona del pericolo – in pratica l’intero cimitero è potenzialmente a rischio, come si deduce dall’informativa di polizia giudiziaria trasmessa dalla Procura al gip che ha accolto la richiesta di sequestro. Per cui è stata ampliata l’area interdetta al pubblico.

I resti dei defunti sono ancora confusi tra le macerie, esposti alle intemperie, tra lo sgomento e l’amarezza dei familiari che premono affinchè possano iniziare le attività per l’identificazione. Negato anche il permesso di coprire con dei teli le salme (nessuno può accedere, per motivi di sicurezza). Problematiche poi le operazioni di polizia mortuaria (seppellimento delle salme e sistemazione delle urne funerarie), che erano ripartite il 10 ma sono state subito bloccate. Domani in Duomo l’arcivescovo Battaglia celebrerà una messa in ricordo dei morti.

Intanto la magistratura sta acquisendo documenti su progetti, permessi, relazioni tecniche necessari per verificare le cause e per cercare di ottenere un quadro preciso sulle responsabilità dell’evento (avvenuto alle 3 di notte, il che probabilmente ha concorso ad evitare che ci fossero vittime); al lavoro anche i periti. L’ipotesi è quella di crollo o disastro colposo (al momento, contro ignoti).
Il crollo, come noto, è avvenuto a poca distanza da un cantiere della linea 1 del metrò, che a tratti passa anche sotto il cimitero. Subito dopo il fatto, la società Metropolitana di Napoli Spa diffuse un comunicato: “Alle 20.40 di mercoledì si è verificato un imprevisto ed intenso afflusso d’acqua durante lo scavo della seconda galleria che dalla stazione di Poggioreale sale verso Capodichino. Fino a quel momento tutte le attività di controllo dei cedimenti non avevano evidenziato nessuna criticità. Il flusso d’acqua e detriti ha causato l’allagamento del cantiere della stazione in costruzione e cedimenti al terreno nella parte inferiore del cimitero di Poggioreale con importanti danni alle strutture cimiteriali. Gli sforzi per arginare il flusso sono durati tutta la notte e la mattinata e ora la situazione è sotto controllo. La Metropolitana di Napoli e le imprese esecutrici dell’opera sono impegnate da subito a mettere in sicurezza l’intera area con interventi di terra…”. E poi: “L’incidente si è verificato negli ultimi metri di scavo in acqua della metropolitana, dopo oltre 7 chilometri di scavo in falda”. Seguivano espressioni di vicinanza alle famiglie colpite nel ricordo dei loro cari e “l’impegno a riparare al più presto i danni arrecati”. Adesso i tecnici stanno cercando di capire se si è “svuotata” solo quella piccola parte di collina sotto l’edificio crollato o se ci sono altre zone a rischio.

Al di lĂ  del caso specifico, in genere – anche in altre cittĂ  – per scavare sotto le falde acquifere vengono utilizzate delle pompe che allontanano circa 12 litri d’acqua al secondo. Vengono costruite delle casse e palizzate, possenti barriere di cemento armato, che servono per tenere a bada l’acqua e poi, quando la falda viene ritenuta sotto controllo, si procede con la lavorazione, utilizzando la “talpa”, macchinario che scava nelle viscere delle cittĂ .

 

Il cinema napoletano in cattedra ai David di Donatello

Il cinema napoletano in cattedra ai David di Donatello

Da Leonardo Di Costanzo a Nicola Giuliano: ben 12 nomination ai “Grandi Maestri” dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli Questa sera (diretta su Rai Uno dalle 21.25) negli studi di Cinecittà per la cerimonia di premiazione della 67esima edizione dei David di...

Napoli, riapre al pubblico la passeggiata al Molo San Vincenzo

Napoli, riapre al pubblico la passeggiata al Molo San Vincenzo

Una meravigliosa e poco conosciuta area di Napoli verrà gradualmente aperta ai cittadini, cosÏ come promesso dal Sindaco di Napoli Gaetano Manfredi fin dall'inizio. L'intervento fa parte di un progetto piÚ ampio di passeggiata sul mare, finanziato dal Contratto...

Lavoro, è il boom dell’archeologo tecnologico

Lavoro, è il boom dell’archeologo tecnologico

di Federico Marazzi * In Campania l’eccellenza della formazione è all’Università Suor Orsola Benincasa Immaginate di vedere per la strada un’auto d’epoca, esteticamente affascinante, capace di ottime performances, ma a prezzo di consumi di carburante decisamente...

Come tutelare il nostro “oro blu”

Come tutelare il nostro “oro blu”

Iniziativa per la candidatura Unesco delle acque sorgive del Golfo a “patrimonio dell'Umanità”. I dati, le ipotesi “Facile aprire il rubinetto ed avere a disposizione una delle acque più pregiate, più controllate d’Italia. Ma ciò richiede un grosso sforzo tecnico, una...

Calcio, l’Italia s’è persa

Calcio, l’Italia s’è persa

Come ripartire dopo la delusione della Nazionale Riparte il campionato e sarà volata tutta d’un fiato fino al 22 maggio quando conosceremo l’esito del torneo più incerto ed emozionante da 10 stagioni a questa parte. Si riparte con gare importantissime ai fini della...

La figuraccia di Milano e l’esempio di Napoli

La figuraccia di Milano e l’esempio di Napoli

Il direttore d’orchestra russo Valery Gergiev cacciato dalla Scala di Milano solo perché non ha accettato l’imposizione di dire due parole contro Putin e contro la sua guerra prima di un’esibizione. Un corso sul grande scrittore russo Fedor Dostoevskij annullato alla...

La stazione che fa acqua da tutte le parti

La stazione che fa acqua da tutte le parti

Metropolitana, Salvator Rosa tra secchi di plastica e “portoghesi”. Una vergogna continua Il battagliero consigliere comunale Nino Simeone ne ha fatto, giustamente, un caso. Non si è mai visto, da nessuna parte al mondo, che per collaudare treni nuovi da immettere in...

Napoli, via Domenico Fontana: residenti in pericolo

Napoli, via Domenico Fontana: residenti in pericolo

È da venerdì 18 marzo che in via Domenico Fontana, all’altezza del civico 115, tra l’ingresso pedonale della Parrocchia di Santa Maria Antesaecula e l’accesso alto del Parco Montedonzelli, staziona un “senza fissa dimora”. Per quanto commossi dal senso di Pietas e dal...

Napoli, meno ansia

Napoli, meno ansia

Gli azzurri “tradiscono” quando aumenta la pressione Diciamolo francamente: a Napoli ce la suoniamo e ce la cantiamo come vogliamo a seconda dello spirare del vento, soprattutto quando l’oggetto o il sogno delle nostre fantasie, viene meno ribellandosi a etichette,...

Wilson, laziale sĂŹ. Ma soprattutto napoletano

Wilson, laziale sĂŹ. Ma soprattutto napoletano

L’omaggio al grande difensore ex Internapoli morto nei giorni scorsi a Roma Se ne è andato all’improvviso, accompagnato dall’omaggio scontato e doveroso di tutto il mondo calcistico laziale. Prima la bara esposta nella camera ardente poi un funerale, a Roma, con la...

Morte di Ornella, a maggio la sentenza

Morte di Ornella, a maggio la sentenza

Il processo all’ex compagno della docente uccisa un anno fa. Lunedì incontri alla Uil e al Liceo artistico Un otto marzo trascorso col pensiero rivolto alle donne russe e ucraine… Intanto in Italia non si ferma la violenza di genere: 118 le vittime di femminicidi nel...

Errore medico: quando c’è il risarcimento

Errore medico: quando c’è il risarcimento

Lo Studio Rubinacci-Molaro spiega la normativa che regola la responsabilità sanitaria Con l’articolo di oggi lo Studio legale degli avvocati Giovanni Rubinacci ed Andrea Molaro, si occupa della tematica del risarcimento del danno derivante dall’errore del medico...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te