E servono sempre terzino e centrale di difesa

da | Gen 22, 2022 | Calcio Napoli

L’arrivo del solo Tuanzebe non ha risolto i problemi strutturali dell’organico degli azzurri

Nel momento di maggior fulgore, dopo le otto vittorie consecutive ad inizio di campionato, osservatori e tifosi, sull’onda dell’entusiasmo, avevano già indicato il Napoli quale serio candidato al successo finale. Era un’esagerazione. Perché quell’organico, a dispetto delle dichiarazioni di Spalletti, era tutt’altro che competitivo, almeno a livello di lotta per lo scudetto. Mancavano all’appello un quinto centrale di difesa e il famoso terzino sinistro, che Giuntoli tenta, invano, di acquistare da quattro-cinque anni. Le bizze di Manolas, la Coppa d’Africa (prevista) e il Covid (non previsto) hanno ulteriormente complicato la situazione e il Napoli ha pagato duramente queste carenze strutturali.

Accantonato, almeno per il momento, il sogno scudetto ora la squadra di Spalletti e soprattutto De Laurentiis puntano al quarto posto. Lo steso obiettivo della stagione scorsa non centrato per un soffio, all’ultimo minuto, con il pareggio contro il Verona (resta un mistero colpevolmente non chiarito). Ma anche per il quarto posto la lotta non sarà semplice, perché Atalanta e Juventus, ora minimamente attardate, sono avversari temibili e non molleranno fino alla fine. Sarebbe stato quindi opportuno colmare le lacune. Ma era un auspicio, e tale, probabilmente, resterà. Perché è vero che è stato prelevato in prestito il difensore Tuanzebe (nella foto), ma il suo arrivo è servito solo numericamente a coprire la partenza di Manolas, prescindendo dal giudizio di merito sul calciatore. Il debutto non è stato entusiasmante e d’altronde il rischio che non lo fosse era altissimo, considerando che proveniva da un campionato diverso, dove peraltro negli ultimi tempi aveva giocato pochissimo, e che non aveva avuto il tempo nemmeno di affiatarsi con i compagni di reparto. Tuanzebe va rivisto all’opera e si spera che possa offrire lo stesso contributo che, inaspettatamente, ha fornito Anguissa, anche lui ingaggiato in prestito. Diamo quindi per buono il suo acquisto, ma resta il buco numerico. Koulibaly prevedibilmente sarà impegnato fino a metà febbraio con il suo fortissimo Senegal. Restano Rrahamani e Juan Jesus. Infortuni, squalifiche e facendo gli opportuni scongiuri Covid sono sempre in agguato. Alla ripresa dopo la sosta se il Napoli vorrà puntare deciso all’obiettivo non potrà più concedersi infortuni tipo Venezia e Spezia. Dovrà puntare diritto al maggior numero di vittorie, per tenere a bada Juve e Atalanta e per tener d’occhio in avanti quel Milan che comincia ad a dare segni di stanchezza. Non perché il secondo posto possa costituire un obiettivo, ma perché attuando la squadra di Pioli nella lotta Champions per possibilità statistiche di farcela crescono evidentemente.

Il segnale di allarme è stato lanciato. Ma De Laurentiis si guarderà bene dal percepirlo. Quanto al terzino il recupero di Ghoulam, in appoggio al diligente Mario Rui potrebbe anche risultare sufficiente per le ambizioni da quarto posto. In queste ore Giuntoli sta facendo la corte all’argentino Tagliafico, che vorrebbe però solo in prestito. Ha quasi trenta anni non sarebbe certo una scelta per il futuro. Probabilmente gli sforzi si concentreranno quest’estate su Parisi dell’Empoli, un’autentica forza della natura, un giovane sul quale sarebbe logico puntare. Ma per farlo forse De Laurentiis dovrebbe affrettarsi. Corre il rischio di arrivare tardi. E sarebbe l’ennesima beffa subita a causa dei suoi tentennamenti.
Loris Buffardi

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Lo scudetto potrebbe essere assegnato sul filo di lana e allora quanti rimpianti Noi non sappiamo come andrà a finire. Oggi il Napoli ha tre punti di distacco dal Milan e forse anche dall’Inter, se i nerazzurri dovessero vincere la partita che devono recuperare. Ci...

Vomero, controlli movida dei carabinieri

Vomero, controlli movida dei carabinieri

Tra mercoledì e venerdì, nell'ambito dei servizi predisposti dalla Questura di Napoli nelle aree della “movida”,  i poliziotti del Commissariato Vomero, i militari dell’Arma dei Carabinieri, i finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza, con il...

Napoli, un futuro da inventare

Napoli, un futuro da inventare

I vuoti del Maradona non dipendono solo dal Covid.Tifosi sempre più spaesati e meno innamorati Un giorno, neanche tanto all’improvviso, sembra che l’amore dei tifosi azzurri per la loro squadra sia evaporato in modo pressochè totale e definitivo. L’avvio di Insigne,...

Ounas fermo: indagini sul suo cuore

Ounas fermo: indagini sul suo cuore

Problemi al cuore per Adam Ounas, folletto azzurro che è rientrato dalla Coppa d’Africa ma non sarà a disposizione di Luciano Spalletti. Il commissario tecnico dell’Algeria, Djamel Belmadi, all’indomani dell’eliminazione dalla Coppa d’Africa ha spiegato che il...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te