Il Napoli spreca e la Fiorentina lo punisce severamente

da | Gen 13, 2022 | Calcio Napoli, InEvidenza

Il Napoli spreca e la Fiorentina lo punisce severamente, gli azzurri mollano nei tempi supplementari, il match termina 2-5.

Napoli spreca – Esordio in Coppa Italia per il Napoli, al Maradona nonostante i prezzi popolari dei biglietti, si registra una vendita al quanto fiacca, poco meno di 4 mila i tagliandi acquistati, sicuramente dovuto sia al momento pandemico che all’orario di un giorno lavorativo.

Mister Spalletti ancora in piena emergenza schiera i seguenti 11: Ospina; Di Lorenzo, Rrahmani, Tuanzebe, Ghoulam; Demme, Lobotka; Mertens, Elmas, Politano, Petagna. In panchina si rivedono Meret, Malcuit e Lozano appena guariti dal Covid.

Nei primi 45 minuti è partita vera, due squadre ben messe in campo che sanno palleggiare, sin dai primi minuti di gioco però sembra essere bloccato il risultato, infatti, sia da una parte che dall’altra si arriva spesso in zona offensiva ma manca l’ultimo passaggio. Col proseguire del match però, la tendenza cambia e iniziano ad entrare in scena anche i portieri, Ospina chiamato a un grande intervento su un tiro ben piazzato di Vlahovic, successivamente la viola colpisce anche una ytraversa con Nastasic, mentre dall’altra parte Dragowski ferma Elmas che calcia da posizione defilata. La partita si sblocca pochi minuti prima dell’intervallo, segno del grande equilibrio visto in campo, basta un minuto però a Mertens di raggiungere il pareggio con un’altra perla delle sue. Nei minuti di recupero la squadra di Italiano resta in 10 per l’espulsione di Dragowski, il 69 viola è costretto a fermare Elmas per evitare che il macedone depositasse la palla in rete a porta vuota.

Il Napoli rientra in campo nel secondo tempo con una novitĂ , Meret al posto di Ospina. Gli azzurri in superioritĂ  numerica per oltre 30 minuti, non riescono a sfruttare la ghiotta occasione, anzi, al minuto 57 va sotto, è il minuto in cui l’arbitro Ayroldi inizia a dare segnali piĂą evidenti della sua serata storta, infatti fischia un fallo inesistente per la viola dal limite dell’area e la squadra di Italiano passa. Con il passare dei minuti il Napoli non riesce a trovare la via del gol, Lozano, una delle poche pedine di Spalletti, colpisce il palo con Terracciano battuto. Ma gli azzurri hanno ci credono e nonostante le due espulsioni, Lozano e Ruiz, nei minuti di recupero trovano il gol di Petagna che manda il match ai supplementari.

Troppo stanca la squadra di Spalletti per resistere in più sono solo in 9 uomini, la viola nei primi 15 minuti supplementari, mette sotto il Napoli e allo scadere trova il gol del terzo vantaggio. La squadra molla nel secondo tempo di recupero quando arriva anche il quarto gol viola che chiude di fatto la partita eliminando il Napoli dalla Coppa Italia. Tutto in discesa poi per i viola che trovano anche il quinto gol. Mente a Bologna dove lunedì il Napoli affronterà la squadra di Mihailovic, bisognerà recuperare in fretta sperando che le fatiche fisiche e mentali di questa sera non abbiano ripercussioni sulla squadra.

 

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Lo scudetto potrebbe essere assegnato sul filo di lana e allora quanti rimpianti Noi non sappiamo come andrà a finire. Oggi il Napoli ha tre punti di distacco dal Milan e forse anche dall’Inter, se i nerazzurri dovessero vincere la partita che devono recuperare. Ci...

Manfredi hai voluto la bicicletta? Ora pedala

Manfredi hai voluto la bicicletta? Ora pedala

Al sindaco il compito di ben sfruttare i soldi del patto per Napoli. E di darsi una svegliata La pompa è stata davvero magna. Sembrava che il miliardo e duecento milioni di euro consegnati virtualmente da Draghi a Manfredi (nella foto) fossero un grazioso regalo del...

A Napoli l’hub per gli ucraini

A Napoli l’hub per gli ucraini

Città mobilitata per aiutare i profughi. Via alla raccolta di beni per tutto il Sud Italia. Aperto un centro sanitario Decine di scatoloni con medicine, cibo e vestiti per i bambini ucraini. La disponibilità all’accoglienza dei profughi e anche a trovare un lavoro a...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te