Crollo al cimitero di Poggioreale: corsa contro il tempo per identificare i resti umani fra i detriti

da | Gen 8, 2022 | Primo piano

Intanto c’era stata una denuncia sullo stato di abbandono

Ancora sotto sequestro l’area del cimitero monumentale di Poggioreale interessata dal crollo di un edificio di tre piani, avvenuto nelle prime ore di mercoledì scorso,  con distruzione di centinaia di loculi delle congreghe di San Gioacchino e dei Dottori Bianchi e la fuoruscita di migliaia di resti mortali,  ora confusi  tra le macerie…  Tra domenica e lunedì dovrebbero riprendere le operazioni di polizia mortuaria (seppellimenti) che dal giorno 5 erano state sospese. Su disposizione del sindaco Manfredi, il Monumentale resterà interdetto al pubblico almeno fino al 19 gennaio. In corso le indagini della Procura per verificare le cause del crollo, avvenuto in prossimità di un cantiere della metropolitana (la società parla di un imprevisto afflusso d’acqua durante lo scavo di una galleria),  e per risalire alle singole responsabilità.

Per adesso non si può muovere una pietra, ma intanto i parenti dei defunti “premono” nella speranza di recuperare i resti dei propri cari. Le piogge previste nei prossimi giorni potrebbero rendere ancora più difficile quella che al momento sembra una  missione quasi impossibile: identificare i resti dei defunti. Saranno al lavoro anche gli specialisti del Racis dei carabinieri ma a Napoli, come ha spiegato “Il Mattino”, è ancora radicata l’abitudine di trasferire i corpi dei morti nei loculi avvolti soltanto in lenzuoli bianchi  (benché la legge preveda cassette di zinco con nome, cognome e date di nascita e di morte).  Eventuali oggetti inoltre – collanine, fedi nuziali – potrebbero essere finiti su altre salme. Gli esami del Dna sarebbero lunghi e costosi… Il Comune, di intesa con la Curia, ha reso noto un numero di telefono 081- 5516753 (ore 9-17) al quale i parenti dei defunti possono chiedere informazioni.

Uno sconcertante incidente che attira l’attenzione della magistratura sui lavori in corso per la tratta del metrò che dovrà collegare Poggioreale con l’aeroporto di Capodichino e che accende ulteriori “fari” sulle condizioni di incuria e di degrado in cui versa da tempo il cimitero Monumentale. Vegetazione selvaggia, buche sull’asfalto, marciapiedi e loculi spaccati, niente passamano per gli anziani, nessun  accorgimento per i disabili; furti, viavai di auto e motorini non autorizzati, parcheggi abusivi…  Una battaglia  contro questa  mancanza di sicurezza e di manutenzione che rende il cimitero “impraticabile, con rischio di cadute per cui ormai in  molti rinunciano proprio ad andare” è stata intrapresa anche dal padre di Ornella Pinto, la professoressa del Liceo Artistico uccisa nel marzo scorso dal compagno che non accettava la separazione. Giuseppe Pinto,  dirigente Uil Tucs, ha avuto il coraggio di denunciare e la Procura ha aperto un fascicolo. Battaglia sostenuta dal consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli  di Europa Verde. “Questo cimitero è un monumento, come il palazzo reale”, ricordava qualche settimana fa  Giuseppe Pinto, “sottoposto a tutela speciale con legge dello Stato. È protetto dalla legge 1089 del 1939 poi resa ancor più restrittiva  con l’articolo 12 comma 1 del 2004. C’è un  vincolo totale, anche per i lavori a una cappella è necessario il parere della Sovrintendenza…  Allora vorrei sapere di chi è la responsabilità di averlo ridotto in queste condizioni. Si parla di grandi progetti,  ma occorrono interventi immediati di manutenzione e di messa in sicurezza”.

E poi il gravissimo “incidente”. Adesso  Nino Simeone –  presidente della commissione mobilità, infrastrutture,  lavori pubblici e protezione civile del Consiglio comunale – rivolge un appello alla società Metropolitana spa  “a predisporre, o nel caso a ripetere,  tutte le verifiche strutturali in superficie su tutti i 7/10 km di questi scavi in falda già effettuati, per tranquillizzare i residenti di tutte le aree interessate a questi lavori”.

l. ru.

Galleria della Vittoria, il regalo di Natale

Galleria della Vittoria, il regalo di Natale

Potrebbe essere il vero regalo di Natale per tutti i napoletani, la riapertura della galleria della Vittoria. L’infrastruttura, chiusa da oltre un anno, ha rappresentato uno dei temi trainanti della campagna elettorale. Per gli automobilisti è una sorta di incubo e...

La paura del vaccino? È irrazionale

La paura del vaccino? È irrazionale

di Alberto Vito * La contrapposizione del pensiero tra chi valuta la profilassi come una salvezza e chi è perplesso Nel nostro Paese è iniziata la somministrazione della terza dose di vaccino anti-Covid per le persone “fragili”, affette da patologie importanti, e a...

Non spaventate l’aggressore!

Non spaventate l’aggressore!

Criminalità “diffusa” e camorristica. Troppi giovani tra le vittime. È emergenza armi ed educativa Qualora vi aggredisse un uomo armato, state attenti a non spaventarlo, perché magari non ha alcuna intenzione di sparare ma, se fate qualche gesto che potrebbe...

Napoli, lavora e sogna!

Napoli, lavora e sogna!

Spalletti ha rivitalizzato un ambiente che sembrava in piena crisi dopo il Verona Convinto e determinato, diretto come mai e con il suo sguardo, a tratti luciferino, Luciano Spalletti si era presentato così da allenatore di un Napoli dell’anno zero dopo la delusione...

La missione del nuovo sindaco

La missione del nuovo sindaco

Tutti i compiti di Manfredi per riparare dieci anni di guasti Come sempre accade quando ci si appresta a scrivere un articolo affiora la necessità di riordinare preliminarmente le idee, prima di passare a “mettere penna su carta”. Ma mai come in questa circostanza...

Manfredi, vittoria annunciata. E c’è un perché

Manfredi, vittoria annunciata. E c’è un perché

Spentosi l’entusiasmo per la schiacciante vittoria di Gaetano Manfredi, neo sindaco di Napoli, appare opportuna, per non dire obbligatoria, una riflessione più serena sull’esito della competizione elettorale. Sine ira ac studio, avrebbe detto Tacito. Quindi più...

Allarme Covid nelle scuole

Allarme Covid nelle scuole

In una settimana 47 contagi negli istituti superiori Quattro morti e 348 positivi: sono i dati dell’ultimo giorno (venerdì 24 settembre) di rilevazione dell’andamento dell’emergenza Covid-19 in Campania. Dati che indicano che l’indice di contagio resta stabile al...

Il voto? Ecco come andrà a finire

Il voto? Ecco come andrà a finire

Il candidato Manfredi è favorito nella corsa alla poltrona di sindaco… grazie al reddito di cittadinanza A Napoli, com’è noto, si vota il prossimo 3 ottobre per scegliere il nuovo sindaco, che governerà la città dopo dieci anni di disastrosa gestione di de Magistris....

Sport e salute col progetto Nalab

Sport e salute col progetto Nalab

A piazza Municipio quattro giorni di iniziative promosse dall’Ortopedia Meridionale Salvio Zungri Promuovere l’attività sportiva gratuita rivolta alla popolazione locale e valorizzare lo sport, incrementandone la funzione sociale, educativa ed etica, anche innalzando...

Campania, open day vaccinale per le donne in gravidanza

Campania, open day vaccinale per le donne in gravidanza

In occasione della Giornata nazionale per la sicurezza delle cure e della persona assistita, promossa dal Ministero della Salute, che quest’anno è dedicata alle cure materne e neonatali sicure con il claim “Agisci adesso per un parto sicuro e rispettoso”, Venerdì 17...

Napoli incompleto. Inutile cullare sogni di gloria

Napoli incompleto. Inutile cullare sogni di gloria

Salvatore Bagni è sempre stato un inguaribile ottimista. Ma questa volta è proprio andato oltre ogni limite: è bastato che diventasse ufficiale l’acquisto del misconosciuto Anguissa per fargli dichiarare che il Napoli è da scudetto. Anzi a sentirlo quasi il campionato...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te