Crollo al cimitero di Poggioreale: corsa contro il tempo per identificare i resti umani fra i detriti

da | Gen 8, 2022 | Primo piano

Intanto c’era stata una denuncia sullo stato di abbandono

Ancora sotto sequestro l’area del cimitero monumentale di Poggioreale interessata dal crollo di un edificio di tre piani, avvenuto nelle prime ore di mercoledì scorso,  con distruzione di centinaia di loculi delle congreghe di San Gioacchino e dei Dottori Bianchi e la fuoruscita di migliaia di resti mortali,  ora confusi  tra le macerie…  Tra domenica e lunedì dovrebbero riprendere le operazioni di polizia mortuaria (seppellimenti) che dal giorno 5 erano state sospese. Su disposizione del sindaco Manfredi, il Monumentale resterà interdetto al pubblico almeno fino al 19 gennaio. In corso le indagini della Procura per verificare le cause del crollo, avvenuto in prossimità di un cantiere della metropolitana (la società parla di un imprevisto afflusso d’acqua durante lo scavo di una galleria),  e per risalire alle singole responsabilità.

Per adesso non si può muovere una pietra, ma intanto i parenti dei defunti “premono” nella speranza di recuperare i resti dei propri cari. Le piogge previste nei prossimi giorni potrebbero rendere ancora più difficile quella che al momento sembra una  missione quasi impossibile: identificare i resti dei defunti. Saranno al lavoro anche gli specialisti del Racis dei carabinieri ma a Napoli, come ha spiegato “Il Mattino”, è ancora radicata l’abitudine di trasferire i corpi dei morti nei loculi avvolti soltanto in lenzuoli bianchi  (benché la legge preveda cassette di zinco con nome, cognome e date di nascita e di morte).  Eventuali oggetti inoltre – collanine, fedi nuziali – potrebbero essere finiti su altre salme. Gli esami del Dna sarebbero lunghi e costosi… Il Comune, di intesa con la Curia, ha reso noto un numero di telefono 081- 5516753 (ore 9-17) al quale i parenti dei defunti possono chiedere informazioni.

Uno sconcertante incidente che attira l’attenzione della magistratura sui lavori in corso per la tratta del metrò che dovrà collegare Poggioreale con l’aeroporto di Capodichino e che accende ulteriori “fari” sulle condizioni di incuria e di degrado in cui versa da tempo il cimitero Monumentale. Vegetazione selvaggia, buche sull’asfalto, marciapiedi e loculi spaccati, niente passamano per gli anziani, nessun  accorgimento per i disabili; furti, viavai di auto e motorini non autorizzati, parcheggi abusivi…  Una battaglia  contro questa  mancanza di sicurezza e di manutenzione che rende il cimitero “impraticabile, con rischio di cadute per cui ormai in  molti rinunciano proprio ad andare” è stata intrapresa anche dal padre di Ornella Pinto, la professoressa del Liceo Artistico uccisa nel marzo scorso dal compagno che non accettava la separazione. Giuseppe Pinto,  dirigente Uil Tucs, ha avuto il coraggio di denunciare e la Procura ha aperto un fascicolo. Battaglia sostenuta dal consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli  di Europa Verde. “Questo cimitero è un monumento, come il palazzo reale”, ricordava qualche settimana fa  Giuseppe Pinto, “sottoposto a tutela speciale con legge dello Stato. È protetto dalla legge 1089 del 1939 poi resa ancor più restrittiva  con l’articolo 12 comma 1 del 2004. C’è un  vincolo totale, anche per i lavori a una cappella è necessario il parere della Sovrintendenza…  Allora vorrei sapere di chi è la responsabilità di averlo ridotto in queste condizioni. Si parla di grandi progetti,  ma occorrono interventi immediati di manutenzione e di messa in sicurezza”.

E poi il gravissimo “incidente”. Adesso  Nino Simeone –  presidente della commissione mobilità, infrastrutture,  lavori pubblici e protezione civile del Consiglio comunale – rivolge un appello alla società Metropolitana spa  “a predisporre, o nel caso a ripetere,  tutte le verifiche strutturali in superficie su tutti i 7/10 km di questi scavi in falda già effettuati, per tranquillizzare i residenti di tutte le aree interessate a questi lavori”.

l. ru.

Una Cittadella universitaria da Oscar

Una Cittadella universitaria da Oscar

Da Leonardo Di Costanzo a Nicola Giuliano: straordinario successo ai David di Donatello 2022 per i “Grandi Maestri” del Cinema dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli Si può ormai definire una formazione accademica ‘da Oscar’ quella dell’Università Suor Orsola...

E ora il “branco” va in spiaggia…

E ora il “branco” va in spiaggia…

Non bastava la mala-movida. Ancora gravi i due minorenni accoltellati a Marechiaro. Il mare negato Non bastava la mala-movida notturna, adesso con l’arrivo della bella stagione c’è da fronteggiare anche la violenza collegata all’afflusso alle località balneari,...

Napoli, il futuro è da inventare

Napoli, il futuro è da inventare

Il terzo posto non può diventare il punto di arrivo per una società ambiziosa e per tifosi appassionati Sarà il Milan o l’Inter a fregiarsi del triangolino tricolore ai tifosi del Napoli interessa poco. La delusione, nonostante il terzo posto e la qualificazione...

Il cinema napoletano in cattedra ai David di Donatello

Il cinema napoletano in cattedra ai David di Donatello

Da Leonardo Di Costanzo a Nicola Giuliano: ben 12 nomination ai “Grandi Maestri” dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli Questa sera (diretta su Rai Uno dalle 21.25) negli studi di Cinecittà per la cerimonia di premiazione della 67esima edizione dei David di...

Lavoro, è il boom dell’archeologo tecnologico

Lavoro, è il boom dell’archeologo tecnologico

di Federico Marazzi * In Campania l’eccellenza della formazione è all’Università Suor Orsola Benincasa Immaginate di vedere per la strada un’auto d’epoca, esteticamente affascinante, capace di ottime performances, ma a prezzo di consumi di carburante decisamente...

Come tutelare il nostro “oro blu”

Come tutelare il nostro “oro blu”

Iniziativa per la candidatura Unesco delle acque sorgive del Golfo a “patrimonio dell'Umanità”. I dati, le ipotesi “Facile aprire il rubinetto ed avere a disposizione una delle acque più pregiate, più controllate d’Italia. Ma ciò richiede un grosso sforzo tecnico, una...

Calcio, l’Italia s’è persa

Calcio, l’Italia s’è persa

Come ripartire dopo la delusione della Nazionale Riparte il campionato e sarà volata tutta d’un fiato fino al 22 maggio quando conosceremo l’esito del torneo più incerto ed emozionante da 10 stagioni a questa parte. Si riparte con gare importantissime ai fini della...

La figuraccia di Milano e l’esempio di Napoli

La figuraccia di Milano e l’esempio di Napoli

Il direttore d’orchestra russo Valery Gergiev cacciato dalla Scala di Milano solo perché non ha accettato l’imposizione di dire due parole contro Putin e contro la sua guerra prima di un’esibizione. Un corso sul grande scrittore russo Fedor Dostoevskij annullato alla...

La stazione che fa acqua da tutte le parti

La stazione che fa acqua da tutte le parti

Metropolitana, Salvator Rosa tra secchi di plastica e “portoghesi”. Una vergogna continua Il battagliero consigliere comunale Nino Simeone ne ha fatto, giustamente, un caso. Non si è mai visto, da nessuna parte al mondo, che per collaudare treni nuovi da immettere in...

Napoli, via Domenico Fontana: residenti in pericolo

Napoli, via Domenico Fontana: residenti in pericolo

È da venerdì 18 marzo che in via Domenico Fontana, all’altezza del civico 115, tra l’ingresso pedonale della Parrocchia di Santa Maria Antesaecula e l’accesso alto del Parco Montedonzelli, staziona un “senza fissa dimora”. Per quanto commossi dal senso di Pietas e dal...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te