Crollo al cimitero di Poggioreale: corsa contro il tempo per identificare i resti umani fra i detriti

da | Gen 8, 2022 | Primo piano

Intanto c’era stata una denuncia sullo stato di abbandono

Ancora sotto sequestro l’area del cimitero monumentale di Poggioreale interessata dal crollo di un edificio di tre piani, avvenuto nelle prime ore di mercoledì scorso,  con distruzione di centinaia di loculi delle congreghe di San Gioacchino e dei Dottori Bianchi e la fuoruscita di migliaia di resti mortali,  ora confusi  tra le macerie…  Tra domenica e lunedì dovrebbero riprendere le operazioni di polizia mortuaria (seppellimenti) che dal giorno 5 erano state sospese. Su disposizione del sindaco Manfredi, il Monumentale resterà interdetto al pubblico almeno fino al 19 gennaio. In corso le indagini della Procura per verificare le cause del crollo, avvenuto in prossimità di un cantiere della metropolitana (la società parla di un imprevisto afflusso d’acqua durante lo scavo di una galleria),  e per risalire alle singole responsabilità.

Per adesso non si può muovere una pietra, ma intanto i parenti dei defunti “premono” nella speranza di recuperare i resti dei propri cari. Le piogge previste nei prossimi giorni potrebbero rendere ancora più difficile quella che al momento sembra una  missione quasi impossibile: identificare i resti dei defunti. Saranno al lavoro anche gli specialisti del Racis dei carabinieri ma a Napoli, come ha spiegato “Il Mattino”, è ancora radicata l’abitudine di trasferire i corpi dei morti nei loculi avvolti soltanto in lenzuoli bianchi  (benché la legge preveda cassette di zinco con nome, cognome e date di nascita e di morte).  Eventuali oggetti inoltre – collanine, fedi nuziali – potrebbero essere finiti su altre salme. Gli esami del Dna sarebbero lunghi e costosi… Il Comune, di intesa con la Curia, ha reso noto un numero di telefono 081- 5516753 (ore 9-17) al quale i parenti dei defunti possono chiedere informazioni.

Uno sconcertante incidente che attira l’attenzione della magistratura sui lavori in corso per la tratta del metrò che dovrà collegare Poggioreale con l’aeroporto di Capodichino e che accende ulteriori “fari” sulle condizioni di incuria e di degrado in cui versa da tempo il cimitero Monumentale. Vegetazione selvaggia, buche sull’asfalto, marciapiedi e loculi spaccati, niente passamano per gli anziani, nessun  accorgimento per i disabili; furti, viavai di auto e motorini non autorizzati, parcheggi abusivi…  Una battaglia  contro questa  mancanza di sicurezza e di manutenzione che rende il cimitero “impraticabile, con rischio di cadute per cui ormai in  molti rinunciano proprio ad andare” è stata intrapresa anche dal padre di Ornella Pinto, la professoressa del Liceo Artistico uccisa nel marzo scorso dal compagno che non accettava la separazione. Giuseppe Pinto,  dirigente Uil Tucs, ha avuto il coraggio di denunciare e la Procura ha aperto un fascicolo. Battaglia sostenuta dal consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli  di Europa Verde. “Questo cimitero è un monumento, come il palazzo reale”, ricordava qualche settimana fa  Giuseppe Pinto, “sottoposto a tutela speciale con legge dello Stato. È protetto dalla legge 1089 del 1939 poi resa ancor più restrittiva  con l’articolo 12 comma 1 del 2004. C’è un  vincolo totale, anche per i lavori a una cappella è necessario il parere della Sovrintendenza…  Allora vorrei sapere di chi è la responsabilità di averlo ridotto in queste condizioni. Si parla di grandi progetti,  ma occorrono interventi immediati di manutenzione e di messa in sicurezza”.

E poi il gravissimo “incidente”. Adesso  Nino Simeone –  presidente della commissione mobilità, infrastrutture,  lavori pubblici e protezione civile del Consiglio comunale – rivolge un appello alla società Metropolitana spa  “a predisporre, o nel caso a ripetere,  tutte le verifiche strutturali in superficie su tutti i 7/10 km di questi scavi in falda già effettuati, per tranquillizzare i residenti di tutte le aree interessate a questi lavori”.

l. ru.

Maresca: “Scelgo l’impegno”

Maresca: “Scelgo l’impegno”

L’ex candidato sindaco a capo dell’opposizione è da poco tornato a rivestire anche il ruolo di giudice Dopo la sconfitta alle amministrative di Napoli il magistrato Catello Maresca è da poco rientrato in servizio con funzione di giudice di Corte d’Appello a...

Da gennaio inizia lo sprint finale

Da gennaio inizia lo sprint finale

Le due ultime partite di andata contro Milan e Spezia possono rilanciare gli azzurri in vista del ritorno Dopo 17 giornate l’attuale classifica del massimo campionato crea non poco disagio e scompiglio nella testa di coloro che, addetti ai lavori, giornalisti e...

Filiali chiuse, disagi per i correntisti

Filiali chiuse, disagi per i correntisti

Ridotte le sedi di Intesa San Paolo. Difficile anche “raggiungere” le postazioni per i prelievi di contante “La banca” ormai è distante e prelevare soldi col bancomat è diventata una impresa, con maggior rischio - rientrando verso casa - di essere rapinati. Una...

“Sbagliato rimuovere le luminarie al Vomero”

“Sbagliato rimuovere le luminarie al Vomero”

A colloquio con Nino Simeone, presidente della Commissione che dovrà occuparsi anche dell’arredo urbano È un figlio d’arte, il padre, Carmine Simeone è stato a lungo protagonista della vita politica cittadina tra le fila del partito socialista. Nino Simeone ha...

Quell’albero pericoloso  in piazza degli Artisti

Quell’albero pericoloso in piazza degli Artisti

A vederlo fa davvero paura. Basta sollevare gli occhi al cielo per accorgersi di quanto sia alto e fronzuto. Svetta nel pieno di piazza degli Artisti, un luogo frequentatissimo. Guardandolo da lontano e da vicino se ne ricava netta la sensazione di imminente pericolo....

E ora Adl metta mano al portafoglio

E ora Adl metta mano al portafoglio

Il Napoli, a dispetto di quanto sostiene Spalletti, presenta gravi lacune di organico in difesa Il Napoli negli anni scorsi (gestione De Laurentiis) per ben quattro volte si è piazzato al secondo posto e due volte ha conquistato il titolo di campione d’inverno. In...

È un’Italia da rifondare

È un’Italia da rifondare

La delusione per la mancata qualificazione fa rivivere periodi bui come l’esclusione ai Mondiali russi Lettori manzoniani, tifosi di calcio potrebbero chiedersi: “Fu vera gloria?”. Sembra passato un secolo dall’Europeo vinto a luglio. E la sentenza, purtroppo, non...

Femminicidio, serve una legge

Femminicidio, serve una legge

Appello del padre di Ornella Pinto al Capo dello Stato: “Norme specifiche ed efficaci” Nella notte tra il 12 e il 13 marzo una professoressa di 39 anni, Ornella Pinto, fu massacrata a coltellate nel sonno dall’ex compagno Pinotto Iacopino, 43 anni, mentre il loro...

Napoli nella top ten dei comuni più social d’Italia

Napoli nella top ten dei comuni più social d’Italia

È stata presentata ieri l’indagine di FPA sull’utilizzo dei social network in 107 comuni capoluogo che ha preso in esame una serie di indicatori per valutare l’efficacia della comunicazione social delle maggiori città italiane. In particolare, la ricerca ha...

Screening gratuiti, al Vomero il Camper della Salute

Screening gratuiti, al Vomero il Camper della Salute

Da questa mattina al Vomero a piazza degli artisti fino alle 18 il Camper della Salute dell’ASL Napoli 1 Centro offre gratuitamente, e senza prenotazione, visite ed esami per la prevenzione di eventuali patologie tumorali con la partecipazione di medici esperti del...

Galleria della Vittoria, il regalo di Natale

Galleria della Vittoria, il regalo di Natale

Potrebbe essere il vero regalo di Natale per tutti i napoletani, la riapertura della galleria della Vittoria. L’infrastruttura, chiusa da oltre un anno, ha rappresentato uno dei temi trainanti della campagna elettorale. Per gli automobilisti è una sorta di incubo e...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te