Terza sconfitta consecutiva al Maradona, le mura amiche non sono più tanto amiche degli azzurri, lo Spezia vince senza mai tirare in porta.

Terza sconfitta consecutiva in casa – Dare continuità alla vittoria di Milano, vincere contro lo Spezia e chiudere il 2021 al secondo posto, è questo l’obbiettivo degli azzurri, contro uno Spezia che lo scorso anno con Italiano in panchina espugnò l’impianto di Fuorigrotta. Spalletti si affida a sette degli undici che sono partiti dal primo minuto nella trasfera vincente contro i rossoneri, cambiando Malcuit per Mario Rui, Demme per l’ormai metronomo di centrocampo Lobotka, Elmas per Politano e Petagna per Mertens.

Match che inizia con gli azzurri subito padroni del campo, ottimo giro palla veloce da parte degli uomini di Spalletti, mentre lo Spezia si limita a difendere e ripartire. Purtroppo il possesso palla del Napoli risulta sin da subito sterile, difficoltà nell’affondare il colpo decisivo, ma senza subire alcun pericolo per la porta di Ospina. L’episodio sorprendente arriva al 39esimo, dopo che in quest’arco di tempo gli unici a rendersi pericolosi sono Politano e Mertens, entrambi con un tiro da fuori area che finisce di poco fuori, Juan Jesus va in gol ma purtroppo lo fa nella porta sbagliata, nell’unico pericolo capitato dalle parti di Ospina su un cross da calcio di punizione, è proprio il migliore in campo dell’ultimo match di Milano, a sorprendere il proprio portiere con un colpo di testa che docile finisce in rete. La reazione azzurra sembra esserci, ma all’intervallo è vantaggio Spezia.

Spalletti prova a scuotere il match fin dall’inizio della ripresa con l’ingresso di Petagna per Mertens. Purtroppo la squadra crea occasioni ma non mette la giusta cattiveria per riprendere la partita, troppo molli in fase offensiva con un Lozano che, lo ricordiamo vuole giocare in una grande squadra, nell’unica vera occasione a porta vuota da zero metri colpisce il difensore. Il resto è tutto un provarci senza mai riuscire a mettere paura seriamente ad uno Spezia che fa bottino pieno, facendo anche registrare nelle statistiche zero tiri in porta. La partita finisce sulla traversa colpita da Elmas nei minuti di recupero, il macedone, entrato troppo tardi, di testa gira una palla crossata da Ounas, a Provedel battuto la sfera si stampa sulla traversa.

Finisce il 2021 con una sconfitta che difficilmente sarà digerita, contro una squadra in difficoltà e con un allenatore sul punto dell’esonero, il Napoli lanciatissimo dalla vittoria di Milano si ferma collezionando la terza sconfitta consecutiva in casa.