Filiali chiuse, disagi per i correntisti

da | Dic 18, 2021 | Primo piano

Ridotte le sedi di Intesa San Paolo. Difficile anche “raggiungere” le postazioni per i prelievi di contante

“La banca” ormai è distante e prelevare soldi col bancomat è diventata una impresa, con maggior rischio – rientrando verso casa – di essere rapinati. Una anziana signora, poi, qualche giorno fa è andata alla filiale di via Merliani per accedere alla cassetta di sicurezza ma le è stato detto che era impossibile, in quanto in quel momento non c’era l’impiegato addetto ad aprire le cassette. Al suo posto, avrebbe potuto farlo un altro, ma gli altri dipendenti erano occupati e né in quel momento né per tutta la giornata era prevedibile che si liberassero. Allora la cliente è riuscita a contattare il proprio referente e gli ha chiesto un appuntamento, per essere accompagnata da lui ad aprire la cassetta (dove custodisce un oggetto che vuol donare alla figlia per Natale). E speriamo che sia la volta buona…

Disagi a non finire per gli utenti di Intesa San Paolo (ex Banco di Napoli) dopo la chiusura in contemporanea due mesi fa di quattro filiali del Vomero – piazza degli Artisti, piazza Muzii, via Girolamo Santacroce e via Aniello Falcone (vedi quotidianonapoli.it del 16 ottobre) – cui è seguita la chiusura delle filiali di via Tribunali, via Francesco Giordani (alla fine del corso Vittorio Emanuele) di via Manzoni e di via Crispi. Impiegati e funzionari d’esperienza sballottati da una filiale all’altra in attesa dei tempi per andare in pensione (o in prepensionamento). Sovraccarico di lavoro nelle restanti filiali, per cui è prevedibile che, anche in caso di urgenze (per esempio per il rinnovo di una carta bancomat smagnetizzata o perduta) bisognerà attendere per avere un appuntamento. Si immagini il disagio in occasione di scadenze fiscali, con rischio di assembramenti… Anche se le sedi principali (nella zona collinare: quelle di via Merliani e di via San Giacomo dei Capri) sono state ampliate e potenziate con l’arrivo di altro personale, proveniente dalle filiali che sono state chiuse.

La pandemia da Coronavirus è stata l’occasione per spingere al massimo l’acceleratore della digitalizzazione. Anche se, naturalmente, si nega la perdita di posti di lavoro… “I dipendenti non perdono il posto”, questo il ragionamento, “ma vengono ricollocati in altre filiali, in quanto già adesso i posti non sono sufficienti ad ospitare tutti gli impiegati e quindi parecchi dovranno lavorare in smart working”. Per esempio, in una filiale di 20 dipendenti con sole 15 postazioni (scrivanie), cinque impiegati a rotazione, ogni giorno, saranno in smart working… “Adesso c’è un canale diretto, la via informatica, per fare quasi tutte le operazioni. La gente va in banca solo in determinate occasioni”. Si va verso la digitalizzazione e questo ragionamento giustifica la chiusura delle filiali.
Per non dire dei tantissimi dipendenti mantenuti ancora a lavorare da casa in smart working dall’inizio della pandemia e cioè da due anni. Si tratta dei lavoratori “fragili”, invalidi o che hanno comunque delle patologie.
La banca risparmia (niente buoni pasto né indennità varie) anche se per questioni propriamente tecniche ci sono delle operazioni – il lavoro preparatorio per mutui, titoli – che da casa non si possono fare. La digitalizzazione spinge verso la marginalità soprattutto i più sprovveduti (i piccoli risparmiatori) e gli anziani con difficoltà a spostarsi e poco avvezzi alle operazioni per via telematica.
L’emergenza sanitaria è stata l’occasione per sperimentare – anche in altri settori – una organizzazione del lavoro “ibrida”, con attività in presenza e da remoto, decantando il beneficio per i lavoratori di essere svincolati da orari e luoghi fisici delle attività, l’opportunità di un migliore bilanciamento tra la vita privata e quella lavorativa e addirittura proponendo lo smart working come la soluzione al problema dei trasporti! Ma il lavoro è identità . E resta il tema della relazione: l’arricchimento umano e professionale, le idee, non nascono via email ma dagli incontri, dalla comunicazione.

Suor Orsola parla le “lingue” del lavoro

Suor Orsola parla le “lingue” del lavoro

di Giovanni Basile Innovazione didattica e placement dei laureati: la soddisfazione degli studenti dell’Ateneo napoletano La laurea conseguita all’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli risulta più efficace del 15% rispetto alla media nazionale. È quanto emerge...

E a Salvator Rosa i secchi ormai sono “decori”

E a Salvator Rosa i secchi ormai sono “decori”

Non appena piove a Napoli, nella stazione Salvator Rosa della Linea 1 della metropolitana, spuntano diversi secchi che vengono posizionati dal personale dell’Anm per raccogliere l’acqua piovana che cade dall’alto e arriva fino alla banchina. I secchi ormai sono...

La prima metro al mondo chiusa per umidità

La prima metro al mondo chiusa per umidità

Stop alla stazione Università fino al 15 ottobre. Pavimentazione da sostituire: “materiale non idoneo” A poco più di 11 anni dall’inaugurazione la stazione metropolitana di piazza Bovio necessita di 4 mesi di lavori per sostituire le “pregiate pavimentazioni” con un...

Napoli e la “deriva americana”

Napoli e la “deriva americana”

Finora esente dagli assalti a sfondo razziale che partono dai ghetti (come avvenuto il 2 giugno nel Milanese) L’escalation di risse, pestaggi, accoltellamenti, ragazzini che puntano le pistole contro le forze dell’ordine, ha fatto parlare di “deriva americana” a...

Una Cittadella universitaria da Oscar

Una Cittadella universitaria da Oscar

Da Leonardo Di Costanzo a Nicola Giuliano: straordinario successo ai David di Donatello 2022 per i “Grandi Maestri” del Cinema dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli Si può ormai definire una formazione accademica ‘da Oscar’ quella dell’Università Suor Orsola...

E ora il “branco” va in spiaggia…

E ora il “branco” va in spiaggia…

Non bastava la mala-movida. Ancora gravi i due minorenni accoltellati a Marechiaro. Il mare negato Non bastava la mala-movida notturna, adesso con l’arrivo della bella stagione c’è da fronteggiare anche la violenza collegata all’afflusso alle località balneari,...

Napoli, il futuro è da inventare

Napoli, il futuro è da inventare

Il terzo posto non può diventare il punto di arrivo per una società ambiziosa e per tifosi appassionati Sarà il Milan o l’Inter a fregiarsi del triangolino tricolore ai tifosi del Napoli interessa poco. La delusione, nonostante il terzo posto e la qualificazione...

Il cinema napoletano in cattedra ai David di Donatello

Il cinema napoletano in cattedra ai David di Donatello

Da Leonardo Di Costanzo a Nicola Giuliano: ben 12 nomination ai “Grandi Maestri” dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli Questa sera (diretta su Rai Uno dalle 21.25) negli studi di Cinecittà per la cerimonia di premiazione della 67esima edizione dei David di...

Napoli, riapre al pubblico la passeggiata al Molo San Vincenzo

Napoli, riapre al pubblico la passeggiata al Molo San Vincenzo

Una meravigliosa e poco conosciuta area di Napoli verrà gradualmente aperta ai cittadini, così come promesso dal Sindaco di Napoli Gaetano Manfredi fin dall'inizio. L'intervento fa parte di un progetto più ampio di passeggiata sul mare, finanziato dal Contratto...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te