Filiali chiuse, disagi per i correntisti

da | Dic 18, 2021 | Primo piano

Ridotte le sedi di Intesa San Paolo. Difficile anche “raggiungere” le postazioni per i prelievi di contante

“La banca” ormai è distante e prelevare soldi col bancomat è diventata una impresa, con maggior rischio – rientrando verso casa – di essere rapinati. Una anziana signora, poi, qualche giorno fa è andata alla filiale di via Merliani per accedere alla cassetta di sicurezza ma le è stato detto che era impossibile, in quanto in quel momento non c’era l’impiegato addetto ad aprire le cassette. Al suo posto, avrebbe potuto farlo un altro, ma gli altri dipendenti erano occupati e né in quel momento né per tutta la giornata era prevedibile che si liberassero. Allora la cliente è riuscita a contattare il proprio referente e gli ha chiesto un appuntamento, per essere accompagnata da lui ad aprire la cassetta (dove custodisce un oggetto che vuol donare alla figlia per Natale). E speriamo che sia la volta buona…

Disagi a non finire per gli utenti di Intesa San Paolo (ex Banco di Napoli) dopo la chiusura in contemporanea due mesi fa di quattro filiali del Vomero – piazza degli Artisti, piazza Muzii, via Girolamo Santacroce e via Aniello Falcone (vedi quotidianonapoli.it del 16 ottobre) – cui è seguita la chiusura delle filiali di via Tribunali, via Francesco Giordani (alla fine del corso Vittorio Emanuele) di via Manzoni e di via Crispi. Impiegati e funzionari d’esperienza sballottati da una filiale all’altra in attesa dei tempi per andare in pensione (o in prepensionamento). Sovraccarico di lavoro nelle restanti filiali, per cui è prevedibile che, anche in caso di urgenze (per esempio per il rinnovo di una carta bancomat smagnetizzata o perduta) bisognerà attendere per avere un appuntamento. Si immagini il disagio in occasione di scadenze fiscali, con rischio di assembramenti… Anche se le sedi principali (nella zona collinare: quelle di via Merliani e di via San Giacomo dei Capri) sono state ampliate e potenziate con l’arrivo di altro personale, proveniente dalle filiali che sono state chiuse.

La pandemia da Coronavirus è stata l’occasione per spingere al massimo l’acceleratore della digitalizzazione. Anche se, naturalmente, si nega la perdita di posti di lavoro… “I dipendenti non perdono il posto”, questo il ragionamento, “ma vengono ricollocati in altre filiali, in quanto già adesso i posti non sono sufficienti ad ospitare tutti gli impiegati e quindi parecchi dovranno lavorare in smart working”. Per esempio, in una filiale di 20 dipendenti con sole 15 postazioni (scrivanie), cinque impiegati a rotazione, ogni giorno, saranno in smart working… “Adesso c’è un canale diretto, la via informatica, per fare quasi tutte le operazioni. La gente va in banca solo in determinate occasioni”. Si va verso la digitalizzazione e questo ragionamento giustifica la chiusura delle filiali.
Per non dire dei tantissimi dipendenti mantenuti ancora a lavorare da casa in smart working dall’inizio della pandemia e cioè da due anni. Si tratta dei lavoratori “fragili”, invalidi o che hanno comunque delle patologie.
La banca risparmia (niente buoni pasto né indennità varie) anche se per questioni propriamente tecniche ci sono delle operazioni – il lavoro preparatorio per mutui, titoli – che da casa non si possono fare. La digitalizzazione spinge verso la marginalità soprattutto i più sprovveduti (i piccoli risparmiatori) e gli anziani con difficoltà a spostarsi e poco avvezzi alle operazioni per via telematica.
L’emergenza sanitaria è stata l’occasione per sperimentare – anche in altri settori – una organizzazione del lavoro “ibrida”, con attività in presenza e da remoto, decantando il beneficio per i lavoratori di essere svincolati da orari e luoghi fisici delle attività, l’opportunità di un migliore bilanciamento tra la vita privata e quella lavorativa e addirittura proponendo lo smart working come la soluzione al problema dei trasporti! Ma il lavoro è identità . E resta il tema della relazione: l’arricchimento umano e professionale, le idee, non nascono via email ma dagli incontri, dalla comunicazione.

Maresca: “Scelgo l’impegno”

Maresca: “Scelgo l’impegno”

L’ex candidato sindaco a capo dell’opposizione è da poco tornato a rivestire anche il ruolo di giudice Dopo la sconfitta alle amministrative di Napoli il magistrato Catello Maresca è da poco rientrato in servizio con funzione di giudice di Corte d’Appello a...

Da gennaio inizia lo sprint finale

Da gennaio inizia lo sprint finale

Le due ultime partite di andata contro Milan e Spezia possono rilanciare gli azzurri in vista del ritorno Dopo 17 giornate l’attuale classifica del massimo campionato crea non poco disagio e scompiglio nella testa di coloro che, addetti ai lavori, giornalisti e...

“Sbagliato rimuovere le luminarie al Vomero”

“Sbagliato rimuovere le luminarie al Vomero”

A colloquio con Nino Simeone, presidente della Commissione che dovrà occuparsi anche dell’arredo urbano È un figlio d’arte, il padre, Carmine Simeone è stato a lungo protagonista della vita politica cittadina tra le fila del partito socialista. Nino Simeone ha...

Quell’albero pericoloso  in piazza degli Artisti

Quell’albero pericoloso in piazza degli Artisti

A vederlo fa davvero paura. Basta sollevare gli occhi al cielo per accorgersi di quanto sia alto e fronzuto. Svetta nel pieno di piazza degli Artisti, un luogo frequentatissimo. Guardandolo da lontano e da vicino se ne ricava netta la sensazione di imminente pericolo....

E ora Adl metta mano al portafoglio

E ora Adl metta mano al portafoglio

Il Napoli, a dispetto di quanto sostiene Spalletti, presenta gravi lacune di organico in difesa Il Napoli negli anni scorsi (gestione De Laurentiis) per ben quattro volte si è piazzato al secondo posto e due volte ha conquistato il titolo di campione d’inverno. In...

È un’Italia da rifondare

È un’Italia da rifondare

La delusione per la mancata qualificazione fa rivivere periodi bui come l’esclusione ai Mondiali russi Lettori manzoniani, tifosi di calcio potrebbero chiedersi: “Fu vera gloria?”. Sembra passato un secolo dall’Europeo vinto a luglio. E la sentenza, purtroppo, non...

Femminicidio, serve una legge

Femminicidio, serve una legge

Appello del padre di Ornella Pinto al Capo dello Stato: “Norme specifiche ed efficaci” Nella notte tra il 12 e il 13 marzo una professoressa di 39 anni, Ornella Pinto, fu massacrata a coltellate nel sonno dall’ex compagno Pinotto Iacopino, 43 anni, mentre il loro...

Napoli nella top ten dei comuni più social d’Italia

Napoli nella top ten dei comuni più social d’Italia

È stata presentata ieri l’indagine di FPA sull’utilizzo dei social network in 107 comuni capoluogo che ha preso in esame una serie di indicatori per valutare l’efficacia della comunicazione social delle maggiori città italiane. In particolare, la ricerca ha...

Screening gratuiti, al Vomero il Camper della Salute

Screening gratuiti, al Vomero il Camper della Salute

Da questa mattina al Vomero a piazza degli artisti fino alle 18 il Camper della Salute dell’ASL Napoli 1 Centro offre gratuitamente, e senza prenotazione, visite ed esami per la prevenzione di eventuali patologie tumorali con la partecipazione di medici esperti del...

Galleria della Vittoria, il regalo di Natale

Galleria della Vittoria, il regalo di Natale

Potrebbe essere il vero regalo di Natale per tutti i napoletani, la riapertura della galleria della Vittoria. L’infrastruttura, chiusa da oltre un anno, ha rappresentato uno dei temi trainanti della campagna elettorale. Per gli automobilisti è una sorta di incubo e...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te