Sconfitta amara con l’Atalanta: ecco quando cambia la partita

da | Dic 4, 2021 | Calcio Napoli, InEvidenza

Sconfitta amara contro l’Atalanta: la partita cambia quando gli azzurri perdono Lobotka.

Sconfitta amara – Sorpresa nella formazione ufficiale degli azzurri, Spalletti con una rosa decimata dai tanti infortuni schiera: Ospina; Di Lorenzo, Rrahmani, Juan Jesus; Malcuit, Lobotka, Zielinski, Mario Rui; Elmas, Lozano, Mertens. Dunque panchina per i neo guariti dal Covid, Demme e Politano, dal primo minuto si rivede Malcuit e ancora una volta panchina per Petagna che sicuramente con l’assenza di Osimhen sperava in qualche titolaritĂ  in piĂą.

Partita dura per il Napoli, i successi del Milan e dell’Inter impongono alla squadra partenopea di conquistare i tre punti per mantenere la vetta della classifica, purtroppo di fronte c’è una corazzata come l’Atalanta che con tutti i suoi effettivi, pratica quel calcio veloce ed organizza che può mettere in difficoltĂ  ogni squadra. Bastano pochi minuti alla squadra di Gasperini per trovare il vantaggio, un gol che arriva al primo tiro dopo soli 7 minuti, minuti in cui il Napoli aveva giĂ  dato prova di crederci e di non pensare minimamente a tutti gli infortuni che condizionano pesantemente le scelte del tecnico azzurro. Ottima la reazione di squadra del Napoli, senza farsi prendere dallo sconforto, continua nel suo giropalla cercando l’imbucata giusta. Lozano tra i piĂą in forma, sfiora il pareggio arrivando una frazione di secondo in ritardo su una bella palla di Mario Rui. Il gol del pari arriva al 40esimo, ma quello che piĂą da soddisfazione è la voglia con cui gli azzurri hanno cercato insistentemente il pari, con un pubblico che ha alzato continuamente i decibel dando un grosso aiuto ai propri beniamini. All’intervallo solo applausi per gli azzurri.

Secondo tempo ricco di emozioni, le squadre si affrontano a viso aperto e il Napoli va subito in vantaggio con una buona combinazione di prima che porta Mertens a tu per tu con Gollini, Dries non sbaglia e completa la rimonta azzurra. Il match cambia quando l’ennesimo infortunio priva gli azzurri del metronomo Lobotka, la squadra con la sua uscita non riesce piĂą a trovare le giuste misure e si abbassa come successo giĂ  con il Sassuolo. Bastano 8 minuti all’Atalanta per ribaltarla. Difficile dopo un contraccolpo così, trovare le forze per riprendere il risultato ma gli azzurri ci provano fino alla fine e questo il pubblico lo nota. Al termine una grossa occasione di Petagna fa sobbalzare tutti dalla sedia, ma clamorosamente la palla viene spedita in curva a pochi metri dalla porta.

Peccato per il Napoli che con questa sconfitta, si vede scavalcato da Milan e Inter in un solo colpo, con la Dea che si mette a 2 punti. Troppe le assenze anche se la squadra ha dimostrato di saper reagire e con un pò di fortuna, si poteva riuscire anche a domare una corazzata come la squadra bergamasca.

Dieci anni del Napoli femminile

Dieci anni del Napoli femminile

Una festa che meglio non poteva riuscire. I dieci anni del Napoli Femminile dalla prima promozione in A sono stati un tripudio di emozioni, ricordi, sfrenata allegria e anche calcio. Un evento organizzato con dovizia di particolari dal gruppo fondatore della societĂ ...

La prima metro al mondo chiusa per umiditĂ 

La prima metro al mondo chiusa per umiditĂ 

Stop alla stazione Università fino al 15 ottobre. Pavimentazione da sostituire: “materiale non idoneo” A poco più di 11 anni dall’inaugurazione la stazione metropolitana di piazza Bovio necessita di 4 mesi di lavori per sostituire le “pregiate pavimentazioni” con un...

Napoli, l’aria è pesante

Napoli, l’aria è pesante

Giocatori che vanno via, altri che vogliono andar via, il futuro azzurro è tutto da inventare, e Spalletti… Insigne emigrato d’oro in Canada, Ospina che stacca il telefono che manco “piange”, ricordando una bella canzone di Domenico Modugno, Ciro Mertens che dal...

Procuratori? No, mediatori

Procuratori? No, mediatori

Scandalo infinito, impazza il calciomercato e crescono gli affari. Il coraggio di Iervolino che si è ribellato Le vicende quasi parallele del divorzio di Sabatini dalla Salernitana e della richiesta dei legali di Mertens (4 milioni netti più 800 mila euro di...

De Laurentiis basta prendere in giro i tifosi

De Laurentiis basta prendere in giro i tifosi

Presidente De Laurentiis ora basta! Adesso stai esagerando, continuando a prendere in giro un popolo di tifosi calorosi e appassionati che hai anestetizzato con le tue controverse esternazioni prive di senso. Anzi, a senso unico: il tuo. Hai sempre messo in cattiva...

Santo subito

Santo subito

Gioite amori, amorini e Cupidi. Abbiamo un santo in piĂą che ci protegge e si espone all'umano sacrificio di sofferenze e critiche feroci come novello Salvatore. E' lui, San Aurelio da Roma, cittadino del mondo ora innamorato perso di Partenope e dei suoi abitanti,...

De Luca trasforma in positivi i primati negativi della regione

De Luca trasforma in positivi i primati negativi della regione

De Luca, dopo un periodo di “appannamento mediatico” sta tornando al proscenio con tutta la sua carica comunicativa. E lo fa, per non smentirsi, nel bene e nel male. Replica, ad esempio, alla stravagante inchiesta della Procura di Napoli sugli appalti durante la prima...

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Lo scudetto potrebbe essere assegnato sul filo di lana e allora quanti rimpianti Noi non sappiamo come andrà a finire. Oggi il Napoli ha tre punti di distacco dal Milan e forse anche dall’Inter, se i nerazzurri dovessero vincere la partita che devono recuperare. Ci...

Manfredi hai voluto la bicicletta? Ora pedala

Manfredi hai voluto la bicicletta? Ora pedala

Al sindaco il compito di ben sfruttare i soldi del patto per Napoli. E di darsi una svegliata La pompa è stata davvero magna. Sembrava che il miliardo e duecento milioni di euro consegnati virtualmente da Draghi a Manfredi (nella foto) fossero un grazioso regalo del...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te