Grazie a Maradona De Laurentiis ha fatto pace con la storia del Napoli

da | Nov 29, 2021 | Primo piano

C’è voluta l’inaugurazione della statua di Maradona, in un contesto strabiliante, per suggerire a De Laurentiis un passaggio che si era sempre ostinatamente rifiutato di percorrere: riconoscere che il Napoli è esistito ed ha scritto una storia gloriosa anche prima del suo avvento.
Il presidente si è sempre dimostrato poco incline a riconoscere la storia passata. Forte del cavillo giuridico, inizialmente si era inventato una nuova denominazione per la società, il Napoli soccer. Ma di fronte alle pressioni dell’opinione pubblica e dei tifosi, che non si riconoscevano in quel logo, fu costretto a fare subito marcia indietro. E il Napoli tornò a chiamarsi Napoli. Per quanto perfettamente integrato sin da subito nel nuovo scenario dei diritti televisivi, tanto da essere diventato oggi in Italia il leader assoluto tra i presidenti per conoscenza della materia, capì allora che se si fosse intestardito in quella direzione, cioè cancellare il passato e ripartire da zero, come se niente fosse, anche in termini di riconoscimento degli antichi successi, avrebbe provocato uno scollamento totale con la tifoseria (che comunque ancor oggi non lo ama in toto) che avrebbe generato ripercussioni negative anche dal punto di vista economico (vedi incassi). E a malincuore, lui che è mezzo americano, abbandonò il soccer.
Fatto questo passaggio mai c’era stata una volontà precisa di agganciarsi alla vecchia storia. Una sola eccezione, ospitare Maradona al suo fianco, durante un match con la Roma. Il presidente non era inizialmente troppo convinto, ma quella sera accadde qualcosa che gli fece capire quanto Diego fosse entrato nelle vene, nel sangue dei tifosi e non solo. Allo stadio Maradona arrivò in ritardo, a partita già iniziata. Era il Napoli di Benitez, la partita era aperta. Quando entrò in tribuna, come per incanto, tutto lo stadio, contestualmente lo venne a sapere e scoppiò un lungo coro, un boato, un applauso interminabile. Tremò l’impianto, i giocatori in campo rimasero un attimo perplessi, era come se avesse segnato il Napoli, non capirono subito che cosa fosse successo. Il Napoli, trascinato da Diego in tribuna, stravinse quella partita. In quel momento De Laurentiis dovette capire che il Napoli era esistito prima di lui. E capì anche che Maradona gli avrebbe davvero consentito di raggiungere uno dei suoi grandi obiettivi, esportare nel mondo il nome della squadra e della società. Ma non gli fu possibile andare oltre perché Diego aveva già impegni milionari a Dubai e già allora il suo stato di salute non era dei migliori.
Domenica sera, invece, proprio nel nome di Diego, De Laurentiis ha capito (o qualcuno glielo ha fatto capire) che era l’occasione buona per fare la pace con il passato del Napoli. E così si è piegato alle sollecitazioni dei vecchi campioni dello scudetto e li ha invitati alla cerimonia dell’inaugurazione della statua. C’erano Bruscolotti, Renica, Bagni, Giordano e anche Fabio Cannavaro, che con il Napoli non ha vinto, ma che è legato alla squadra da cui spiccò il volo per la sua straordinaria carriera. Ma soprattutto, in tribuna accanto a lui e ad Infantino, c’era Corrado Ferlaino, il presidente che pur tra polemiche e critiche più o meno con gli stessi anni di presidenza ha conquistato due scudetti, una Coppa Uefa e un paio di Coppe Italia. E’ stato un bel vedere, insomma. Ora forse anche i tifosi cominceranno a credere che il presidente, nel momento in cui ha fatto questo passaggio che non è solo simbolico, veramente abbia a cuore le sorti della squadra e non solo, come loro temono e lo accusano, le sorti del suo portafoglio.
Maresca: “Scelgo l’impegno”

Maresca: “Scelgo l’impegno”

L’ex candidato sindaco a capo dell’opposizione è da poco tornato a rivestire anche il ruolo di giudice Dopo la sconfitta alle amministrative di Napoli il magistrato Catello Maresca è da poco rientrato in servizio con funzione di giudice di Corte d’Appello a...

Da gennaio inizia lo sprint finale

Da gennaio inizia lo sprint finale

Le due ultime partite di andata contro Milan e Spezia possono rilanciare gli azzurri in vista del ritorno Dopo 17 giornate l’attuale classifica del massimo campionato crea non poco disagio e scompiglio nella testa di coloro che, addetti ai lavori, giornalisti e...

Filiali chiuse, disagi per i correntisti

Filiali chiuse, disagi per i correntisti

Ridotte le sedi di Intesa San Paolo. Difficile anche “raggiungere” le postazioni per i prelievi di contante “La banca” ormai è distante e prelevare soldi col bancomat è diventata una impresa, con maggior rischio - rientrando verso casa - di essere rapinati. Una...

“Sbagliato rimuovere le luminarie al Vomero”

“Sbagliato rimuovere le luminarie al Vomero”

A colloquio con Nino Simeone, presidente della Commissione che dovrà occuparsi anche dell’arredo urbano È un figlio d’arte, il padre, Carmine Simeone è stato a lungo protagonista della vita politica cittadina tra le fila del partito socialista. Nino Simeone ha...

Quell’albero pericoloso  in piazza degli Artisti

Quell’albero pericoloso in piazza degli Artisti

A vederlo fa davvero paura. Basta sollevare gli occhi al cielo per accorgersi di quanto sia alto e fronzuto. Svetta nel pieno di piazza degli Artisti, un luogo frequentatissimo. Guardandolo da lontano e da vicino se ne ricava netta la sensazione di imminente pericolo....

E ora Adl metta mano al portafoglio

E ora Adl metta mano al portafoglio

Il Napoli, a dispetto di quanto sostiene Spalletti, presenta gravi lacune di organico in difesa Il Napoli negli anni scorsi (gestione De Laurentiis) per ben quattro volte si è piazzato al secondo posto e due volte ha conquistato il titolo di campione d’inverno. In...

È un’Italia da rifondare

È un’Italia da rifondare

La delusione per la mancata qualificazione fa rivivere periodi bui come l’esclusione ai Mondiali russi Lettori manzoniani, tifosi di calcio potrebbero chiedersi: “Fu vera gloria?”. Sembra passato un secolo dall’Europeo vinto a luglio. E la sentenza, purtroppo, non...

Femminicidio, serve una legge

Femminicidio, serve una legge

Appello del padre di Ornella Pinto al Capo dello Stato: “Norme specifiche ed efficaci” Nella notte tra il 12 e il 13 marzo una professoressa di 39 anni, Ornella Pinto, fu massacrata a coltellate nel sonno dall’ex compagno Pinotto Iacopino, 43 anni, mentre il loro...

Napoli nella top ten dei comuni più social d’Italia

Napoli nella top ten dei comuni più social d’Italia

È stata presentata ieri l’indagine di FPA sull’utilizzo dei social network in 107 comuni capoluogo che ha preso in esame una serie di indicatori per valutare l’efficacia della comunicazione social delle maggiori città italiane. In particolare, la ricerca ha...

Screening gratuiti, al Vomero il Camper della Salute

Screening gratuiti, al Vomero il Camper della Salute

Da questa mattina al Vomero a piazza degli artisti fino alle 18 il Camper della Salute dell’ASL Napoli 1 Centro offre gratuitamente, e senza prenotazione, visite ed esami per la prevenzione di eventuali patologie tumorali con la partecipazione di medici esperti del...

Galleria della Vittoria, il regalo di Natale

Galleria della Vittoria, il regalo di Natale

Potrebbe essere il vero regalo di Natale per tutti i napoletani, la riapertura della galleria della Vittoria. L’infrastruttura, chiusa da oltre un anno, ha rappresentato uno dei temi trainanti della campagna elettorale. Per gli automobilisti è una sorta di incubo e...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te