Grazie a Maradona De Laurentiis ha fatto pace con la storia del Napoli

da | Nov 29, 2021 | Primo piano

C’è voluta l’inaugurazione della statua di Maradona, in un contesto strabiliante, per suggerire a De Laurentiis un passaggio che si era sempre ostinatamente rifiutato di percorrere: riconoscere che il Napoli è esistito ed ha scritto una storia gloriosa anche prima del suo avvento.
Il presidente si è sempre dimostrato poco incline a riconoscere la storia passata. Forte del cavillo giuridico, inizialmente si era inventato una nuova denominazione per la società, il Napoli soccer. Ma di fronte alle pressioni dell’opinione pubblica e dei tifosi, che non si riconoscevano in quel logo, fu costretto a fare subito marcia indietro. E il Napoli tornò a chiamarsi Napoli. Per quanto perfettamente integrato sin da subito nel nuovo scenario dei diritti televisivi, tanto da essere diventato oggi in Italia il leader assoluto tra i presidenti per conoscenza della materia, capì allora che se si fosse intestardito in quella direzione, cioè cancellare il passato e ripartire da zero, come se niente fosse, anche in termini di riconoscimento degli antichi successi, avrebbe provocato uno scollamento totale con la tifoseria (che comunque ancor oggi non lo ama in toto) che avrebbe generato ripercussioni negative anche dal punto di vista economico (vedi incassi). E a malincuore, lui che è mezzo americano, abbandonò il soccer.
Fatto questo passaggio mai c’era stata una volontà precisa di agganciarsi alla vecchia storia. Una sola eccezione, ospitare Maradona al suo fianco, durante un match con la Roma. Il presidente non era inizialmente troppo convinto, ma quella sera accadde qualcosa che gli fece capire quanto Diego fosse entrato nelle vene, nel sangue dei tifosi e non solo. Allo stadio Maradona arrivò in ritardo, a partita già iniziata. Era il Napoli di Benitez, la partita era aperta. Quando entrò in tribuna, come per incanto, tutto lo stadio, contestualmente lo venne a sapere e scoppiò un lungo coro, un boato, un applauso interminabile. Tremò l’impianto, i giocatori in campo rimasero un attimo perplessi, era come se avesse segnato il Napoli, non capirono subito che cosa fosse successo. Il Napoli, trascinato da Diego in tribuna, stravinse quella partita. In quel momento De Laurentiis dovette capire che il Napoli era esistito prima di lui. E capì anche che Maradona gli avrebbe davvero consentito di raggiungere uno dei suoi grandi obiettivi, esportare nel mondo il nome della squadra e della società. Ma non gli fu possibile andare oltre perché Diego aveva già impegni milionari a Dubai e già allora il suo stato di salute non era dei migliori.
Domenica sera, invece, proprio nel nome di Diego, De Laurentiis ha capito (o qualcuno glielo ha fatto capire) che era l’occasione buona per fare la pace con il passato del Napoli. E così si è piegato alle sollecitazioni dei vecchi campioni dello scudetto e li ha invitati alla cerimonia dell’inaugurazione della statua. C’erano Bruscolotti, Renica, Bagni, Giordano e anche Fabio Cannavaro, che con il Napoli non ha vinto, ma che è legato alla squadra da cui spiccò il volo per la sua straordinaria carriera. Ma soprattutto, in tribuna accanto a lui e ad Infantino, c’era Corrado Ferlaino, il presidente che pur tra polemiche e critiche più o meno con gli stessi anni di presidenza ha conquistato due scudetti, una Coppa Uefa e un paio di Coppe Italia. E’ stato un bel vedere, insomma. Ora forse anche i tifosi cominceranno a credere che il presidente, nel momento in cui ha fatto questo passaggio che non è solo simbolico, veramente abbia a cuore le sorti della squadra e non solo, come loro temono e lo accusano, le sorti del suo portafoglio.
Suor Orsola parla le “lingue” del lavoro

Suor Orsola parla le “lingue” del lavoro

di Giovanni Basile Innovazione didattica e placement dei laureati: la soddisfazione degli studenti dell’Ateneo napoletano La laurea conseguita all’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli risulta più efficace del 15% rispetto alla media nazionale. È quanto emerge...

E a Salvator Rosa i secchi ormai sono “decori”

E a Salvator Rosa i secchi ormai sono “decori”

Non appena piove a Napoli, nella stazione Salvator Rosa della Linea 1 della metropolitana, spuntano diversi secchi che vengono posizionati dal personale dell’Anm per raccogliere l’acqua piovana che cade dall’alto e arriva fino alla banchina. I secchi ormai sono...

La prima metro al mondo chiusa per umidità

La prima metro al mondo chiusa per umidità

Stop alla stazione Università fino al 15 ottobre. Pavimentazione da sostituire: “materiale non idoneo” A poco più di 11 anni dall’inaugurazione la stazione metropolitana di piazza Bovio necessita di 4 mesi di lavori per sostituire le “pregiate pavimentazioni” con un...

Napoli e la “deriva americana”

Napoli e la “deriva americana”

Finora esente dagli assalti a sfondo razziale che partono dai ghetti (come avvenuto il 2 giugno nel Milanese) L’escalation di risse, pestaggi, accoltellamenti, ragazzini che puntano le pistole contro le forze dell’ordine, ha fatto parlare di “deriva americana” a...

Una Cittadella universitaria da Oscar

Una Cittadella universitaria da Oscar

Da Leonardo Di Costanzo a Nicola Giuliano: straordinario successo ai David di Donatello 2022 per i “Grandi Maestri” del Cinema dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli Si può ormai definire una formazione accademica ‘da Oscar’ quella dell’Università Suor Orsola...

E ora il “branco” va in spiaggia…

E ora il “branco” va in spiaggia…

Non bastava la mala-movida. Ancora gravi i due minorenni accoltellati a Marechiaro. Il mare negato Non bastava la mala-movida notturna, adesso con l’arrivo della bella stagione c’è da fronteggiare anche la violenza collegata all’afflusso alle località balneari,...

Napoli, il futuro è da inventare

Napoli, il futuro è da inventare

Il terzo posto non può diventare il punto di arrivo per una società ambiziosa e per tifosi appassionati Sarà il Milan o l’Inter a fregiarsi del triangolino tricolore ai tifosi del Napoli interessa poco. La delusione, nonostante il terzo posto e la qualificazione...

Il cinema napoletano in cattedra ai David di Donatello

Il cinema napoletano in cattedra ai David di Donatello

Da Leonardo Di Costanzo a Nicola Giuliano: ben 12 nomination ai “Grandi Maestri” dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli Questa sera (diretta su Rai Uno dalle 21.25) negli studi di Cinecittà per la cerimonia di premiazione della 67esima edizione dei David di...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te