Napoli gelido a Mosca

da | Nov 24, 2021 | Calcio Napoli, InEvidenza

Napoli gelido a Mosca, contro lo Spartak finisce 2-1, gli azzurri si riscaldano nel secondo tempo ma non riescono a recuperare il risultato.

Napoli gelido a Mosca, nel pomeriggio freddo della partita contro lo Spartak, gli azzurri non si rialzano e incassano la seconda sconfitta consecutiva, delusione per aver rimandato (si spera) una qualificazione Europea che poteva togliere qualche pensiero dalla testa dello spogliatoio partenopeo, giĂ  pieno di problemi, dopo la maledetta notte di Milano. La squadra decimata dai tanti infortuni e dal covid, arriva a Mosca comunque con il favore dei pronostici, ma parte subito in salita il match con un rigore dubbio per i padroni di casa che la sbloccano dopo 3 minuti, nella partita di andata era stato il Napoli a trovare subito il vantaggio, solo 13 secondi,  ma le sorti di quel match furono le stesse. Napoli poco coraggioso nel primo tempo, come giĂ  evidenziato da Spalletti nel post-partita di Milano, gli azzurri sbagliano l’approccio alla gara facendosi trasportare per l’intero primo tempo, dalla incapacitĂ  di sfoderare la giusta concentrazione per riprendere il risultato e ribaltarlo. Addirittura subendo il secondo gol con la difesa schierata, Mario Rui che guarda inerme Moses che gli finta in faccia per poi crossare indisturbato, koulibaly che dimentica la marcatura e facendosi scavalcare dalla traiettoria permette all’avversario di colpire senza difficoltĂ  trovando il palo piĂą vicino, ma soprattutto trovando la risposta lentissima di Meret che non è reattivo su una palla per niente irresistibile.

Superato il primo tempo da 2 in pagella, ci si aspetta una reazione nella ripresa, infatti il secondo tempo è del Napoli molto piĂą coraggioso a rischiare la giocata, con palle per l’ariete Petagna che difende la sfera spalle alla porta e la smista per i compagni, il piĂą delle volte, spostandosi anche sulle fasce per effettuare quei cross che lui stesso in piĂą momente del match chiede ai compagni. Nonostante il gol che accorcia le distanze, un possesso palla del 70%, 19 tiri di cui 8 in porta e zero pericoli per Meret, che nei secondi 45 minuti non si sporca nemmeno i pantaloncini, il Napoli deve rassegnarsi alla seconda sconfitta consecutiva, la terza stagionale, con lo Spartak che in questo girone conquista 7 punti, 6 solo con il Napoli, un vero peccato se si pensa alla differenza sulla carta che c’è tra queste due squadre, ma soprattutto un peccato vedere il Napoli decimato dalle tante assenza non reagire subito, mostrando forza mentale e fisica dando prova che quella di Milano, è stata solo una serata storta, si una serata storta che ha portato via Osimhen per circa 2/3 mesi, Anguissa per un mese, Insigne per qualche giorno e sperand che non si sia portato via anche altro.

De Luca trasforma in positivi i primati negativi della regione

De Luca trasforma in positivi i primati negativi della regione

De Luca, dopo un periodo di “appannamento mediatico” sta tornando al proscenio con tutta la sua carica comunicativa. E lo fa, per non smentirsi, nel bene e nel male. Replica, ad esempio, alla stravagante inchiesta della Procura di Napoli sugli appalti durante la prima...

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Lo scudetto potrebbe essere assegnato sul filo di lana e allora quanti rimpianti Noi non sappiamo come andrà a finire. Oggi il Napoli ha tre punti di distacco dal Milan e forse anche dall’Inter, se i nerazzurri dovessero vincere la partita che devono recuperare. Ci...

Manfredi hai voluto la bicicletta? Ora pedala

Manfredi hai voluto la bicicletta? Ora pedala

Al sindaco il compito di ben sfruttare i soldi del patto per Napoli. E di darsi una svegliata La pompa è stata davvero magna. Sembrava che il miliardo e duecento milioni di euro consegnati virtualmente da Draghi a Manfredi (nella foto) fossero un grazioso regalo del...

A Napoli l’hub per gli ucraini

A Napoli l’hub per gli ucraini

Città mobilitata per aiutare i profughi. Via alla raccolta di beni per tutto il Sud Italia. Aperto un centro sanitario Decine di scatoloni con medicine, cibo e vestiti per i bambini ucraini. La disponibilità all’accoglienza dei profughi e anche a trovare un lavoro a...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te