Napoli: stop a San Siro, la spunta l’Inter

da | Nov 21, 2021 | Calcio Napoli, InEvidenza

Napoli: stop a San Siro, la spunta l’Inter per 3-2. Azzurri in vantaggio con Zielinski ma si fanno rimontare dai padroni di casa, sul 3 a 1 entra Mertens che riapre la partita e sfiora il clamoroso pareggio allo scadere.

Napoli: stop a San Siro, la squadra di Spalletti, dopo un inizio di match equilibrato, ha la bravura di sbloccare il risultato, purtroppo dopo il gol, Insigne e compagni hanno il capogiro che molto spesso si avverte in alta quota, invece di continuare a spingere sull’accelleratore si fermano uscendo colpo dopo colpo dalla partita. Doveva essere il match della prova, quella prova che dava conferma della grande maturitĂ  raggiunta dal Napoli sotto la guida di mister Luciano, effettivamente gli azzurri sono tutti rimandati nonostante un finale di partita che lascia l’amaro in bocca. Se per lunghi tratti la squadra di Inzaghi ha avuto la forza e la giusta grinta di mettere sotto il Napoli, facendolo barcollare spaventosamente sotto i colpi di Calhanoglu, Perisic e Lautaro, complice anche l’infotunio di Osimhen costretto a lasciare il campo, la reazione degli azzurri lascia ben sperare, con un Dries Mertens che entra e suona la carica firmando subito il gol che riapre la partita. Solo la sfortuna, nella circostanza della traversa di Mario Rui e l’imprecisione sottoporta dello stesso Mertens, negano al Napoli di portare via da Milano un pareggio che avrebbe avuto tutti i contorni di una grande vittoria.

Così non è stato e purtroppo si è permesso alla squadra campione d’Italia in carica, di accorciare le distanza rientrando così, se mai ne fosse stata fuori, nella corsa scudetto. Ovviemente gli azzurri da domani dovranno leccarsi le ferite, facendo mea culpa degli errori evidenziati dal tecnico nel post partita, “poco coraggio nell’affrontare questo grande match”, è questa la sintesi delle parole di Spalletti, in effetti quando il Napoli non ha avuto nulla piĂą da perdere, ha messo alle corde l’Inter rischiando di riacciuffarla clamorosamente in extremis. Nulla è perduto e guai a fare drammi, prima o poi la sconfitta doveva arrivare non si può vincerle tutte, poi se pensiamo che il primo KO arriva in casa dei campioni d’Italia in carica, alla tredicesima giornata e che nonostante tutto gli azzurri tornano da Milano conservando la vetta della classifica, è veramente il caso di voltare subito pagina e restare positivi. Tra pochi giorni bisogna volare a Mosca per l’Eurpoa League e c’è bisogno di dare subito una risposta forte dopo la sconfitta di questa sera, è questa la vera prova per il Napoli, quando si vince il gruppo è unito e si vola sulle ali dell’entusiasmo, ma è alla prima difficoltĂ  che si vede la vera squadra, quindi gruppo unito testa bassa e pedalare.

De Luca trasforma in positivi i primati negativi della regione

De Luca trasforma in positivi i primati negativi della regione

De Luca, dopo un periodo di “appannamento mediatico” sta tornando al proscenio con tutta la sua carica comunicativa. E lo fa, per non smentirsi, nel bene e nel male. Replica, ad esempio, alla stravagante inchiesta della Procura di Napoli sugli appalti durante la prima...

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Lo scudetto potrebbe essere assegnato sul filo di lana e allora quanti rimpianti Noi non sappiamo come andrà a finire. Oggi il Napoli ha tre punti di distacco dal Milan e forse anche dall’Inter, se i nerazzurri dovessero vincere la partita che devono recuperare. Ci...

Manfredi hai voluto la bicicletta? Ora pedala

Manfredi hai voluto la bicicletta? Ora pedala

Al sindaco il compito di ben sfruttare i soldi del patto per Napoli. E di darsi una svegliata La pompa è stata davvero magna. Sembrava che il miliardo e duecento milioni di euro consegnati virtualmente da Draghi a Manfredi (nella foto) fossero un grazioso regalo del...

A Napoli l’hub per gli ucraini

A Napoli l’hub per gli ucraini

Città mobilitata per aiutare i profughi. Via alla raccolta di beni per tutto il Sud Italia. Aperto un centro sanitario Decine di scatoloni con medicine, cibo e vestiti per i bambini ucraini. La disponibilità all’accoglienza dei profughi e anche a trovare un lavoro a...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te