Linea 1 tra ritardi e incubo Covid

da | Nov 20, 2021 | Cronaca

Corse dei treni col contagocce e assembramenti indotti dai guasti. Disagi in aumento per l’utenza

Un utente chiede spiegazioni al dipendente in servizio nella stazione della Linea 1 di Medaglie d’oro sul motivo del ritardo dell’arrivo del treno della metropolitana sulla banchina. La risposta arriva: “C’è un guasto, funziona a singhiozzo”. L’utente replica infastidito chiedendo perché non sia stato affisso almeno un avviso e il dipendente in servizio gli dice con fare tristemente scherzoso: “Non lo sapevamo. Ma questo è niente, ancora dovete vedere a cosa stiamo andando incontro!”. Una previsione che non fa presagire tempi migliori per i passeggeri della Linea 1 della metropolitana di Napoli, sempre più costretti a subire disagi e condizioni di viaggio al limite della decenza. Storia di tutti i giorni, purtroppo. Non si tratta più di casi isolati: ormai quando ci si accinge a prendere un treno della Linea 1 è impossibile sapere a che ora si possa davvero raggiungere la stazione di destinazione. E ovviamente gli utenti subiscono i disagi dei ritardi e degli stop alla circolazione dei treni.

Come capita anche ai turisti che hanno ripreso ad affollare la città e con essa anche i vagoni della metropolitana. Turisti che salgono sui treni con le valigie diretti alla Stazione Centrale ma che poi sono costretti a scendere a piazza Dante visto che spesso la tratta è limitata a questa fermata e poi da lì in poi devono farsela a piedi, arrangiarsi in pieno stile napoletano, però col rischio di perdere il treno in partenza da Napoli Centrale. Raggiungere piazza Garibaldi da piazza Dante, infatti, non è cosa semplice. Bisogna attendere l’arrivo di un autobus che passa col contagocce e quando passa è affollato. Oppure bisogna farsela a piedi con le valigie percorrendo tutto il tragitto da Dante a Garibaldi. In alternativa, per non perdere il treno, resta solo la possibilità di prendere un taxi, con una spesa non prevista e con il risultato di aver solo perso tempo prendendo la metropolitana perché, se ci fosse stato un avviso che annunciava l’obbligo di scendere a Dante, il turista magari avrebbe preso direttamente il taxi per raggiungere piazza Garibaldi senza attendere per circa venti minuti l’arrivo della metropolitana per poi dover scendere a Dante. Tra l’altro entrando in un treno stracolmo di passeggeri con persone stipate fino all’inverosimile con buona pace di ogni precauzione di distanziamento anti Covid. Sono lontani i tempi in cui, in piena emergenza per la pandemia, il Comune di Napoli mostrava fiero un video in cui veniva addirittura lavato e disinfettato un vagone della metropoliana e annunciava corse ogni 8 minuti per il 2021 in modo da impedire l’assembramento di persone sulle banchine e dentro ai convogli. Oggi la realtà è molto diversa e la frequenza delle corse è decisamente più lenta tanto che molti utenti che acquistano e timbrano biglietti oppure sono in possesso di un abbonamento sono spesso costretti a rinunciare alla lunga attesa e risalire le scale delle stazioni della Linea 1 per cercare un’alternativa come, per esempio, un autobus. Sì, proprio così: mentre dovunque si cerca di spingere i cittadini ad utilizzare il trasporto pubblico su rotaie, ovvero la metropolitana, e quello elettrico, come tram e filobus, a Napoli si fa il contrario, cioè si costringe l’utenza ad utilizzare i mezzi su gomma che inquinano.

Uno degli ultimi guasti registrati sulla Linea 1 ha scatenato il putiferio. L’ennesimo guasto ad un treno della metropolitana ha lasciato a piedi centinaia di persone dal momento che le corse erano limitate da Piscinola a Dante senza alcun preavviso e quindi restavano chiuse le altre stazioni Toledo, Municipio, Università, Duomo e Garibaldi. In tantissimi hanno affollato la banchina della Linea 2 alla fermata Museo per poter raggiungere la Stazione Centrale rendendo inaccessibili anche i treni delle Ferrovie dello Stato.

Così Vito Nocera ricorda Francesco Ruotolo

Così Vito Nocera ricorda Francesco Ruotolo

Ecco una poesia in ricordo di Francesco Ruotolo scritta il 15 novembre 2020 da Vito Nocera, uno dei maggiori esponenti della sinistra napoletana, fra i fondatori di Democrazia Proletaria (1977) e Rifondazione Comunista (1991). FRANCESCO RUOTOLO È MORTO Forse era...

Quarto, nascondeva armi e munizioni nel divano: arrestato

Quarto, nascondeva armi e munizioni nel divano: arrestato

I Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Napoli hanno arrestato un 39enne di Quarto già noto alle forze dell'ordine, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip del Tribunale di Napoli, su richiesta della Direzione...

Napoli, Manfredi riceve il nuovo prefetto Claudio Palomba

Napoli, Manfredi riceve il nuovo prefetto Claudio Palomba

Questa mattina il Sindaco di Napoli Gaetano Manfredi ha ricevuto a Palazzo San Giacomo il nuovo Prefetto di Napoli Claudio Palomba, napoletano di 61 anni, tornato nella città partenopea dopo aver guidato la prefettura di Torino  «Una figura di assoluto prestigio con...

Decumani, ruba in un bar: arrestato

Decumani, ruba in un bar: arrestato

Ieri notte gli agenti dell’Ufficio Prevenzione Generale, durante il servizio di controllo del territorio, nel transitare in via Conte di Ruvo sono stati avvicinati da un passante che ha segnalato loro un furto in atto ai danni di un bar in via Bellini. I poliziotti, ...

Napoli centrale, ruba un cellulare a una ragazza: arrestato

Napoli centrale, ruba un cellulare a una ragazza: arrestato

Gli agenti del Compartimento Polizia ferroviaria per la Campania, nell’ambito dei servizi di vigilanza predisposti in stazione, hanno arrestato un cittadino algerino 50enne per il reato di furto aggravato. L’uomo ha attirato l’attenzione degli operatori della Squadra...

Al via a Napoli la quarta edizione del Master in arti sceniche

Al via a Napoli la quarta edizione del Master in arti sceniche

Lo spazio culturale di eccellenza per la ricerca  pedagogica nell’assonanza tra teatro e insegnamento Il bisogno delle relazioni, dei rapporti con gli altri stimola anche la didattica universitaria post Covid: ritorna, infatti, in presenza, il 26 novembre, nel Teatro...

Napoli, sequestrato cantiere abusivo per rischio crollo

Napoli, sequestrato cantiere abusivo per rischio crollo

A seguito di una segnalazione, il personale della Polizia Locale di Napoli, dell’U.O. Avvocata, insieme al reparto specialistico di Tutela Edilizia, è intervenuto in Via Emanuele De Deo, dove, terzo piano di un grande condominio, il proprietario di un appartamento...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te