La Parthenope “plastic free”

da | Nov 20, 2021 | Cronaca

Intervista all’architetto Luciano Esposito, curatore dell’iniziativa di distribuzione borracce

In questi giorni l’Università degli Studi di Napoli Parthenope sta regalando ai suoi studenti centinaia di borracce in alluminio per supportare la campagna nazionale Plastic Free del Ministero dell’Ambiente.
Abbiamo intervistato l’architetto Luciano Esposito che ha curato l’iniziativa.

Come nasce questa iniziativa?
“Dovrei fare un passo indietro. Due anni fa il nostro Ateneo era impegnato in seminari e ricerche sul problema delle microplastiche nel mare, che rappresentano un insidioso rischio per la salute, ancora in fase di determinazione. Proposi al professor Alberto Carotenuto, il nostro rettore, di attivarci per far ridurre il consumo delle tante bottigliette di plastica usate nei nostri punti ristoro. La nostra Università fa parte della Rus Rete Universitaria per lo sviluppo Sostenibile, ed il rettore appoggiò subito la mia idea. Quindi facemmo installare alcuni distributori di acqua microfiltrata ed ordinammo 3500 borracce col logo del Centenario”.

Quale Centenario?
“Il nostro. Nata a Napoli nel 1920 come Istituto Superiore Navale, l’Università degli Studi di Napoli Parthenope ha evoluto diverse volte la sua offerta didattica e si è ampliata nei cento anni seguenti, assumendo lo status di Università a partire dal 1999”.

Quindi la borraccia è stata anche un’occasione per festeggiare questo traguardo?
“Esatto. Purtroppo il 2020 è coinciso con la pandemia da Covid, per cui la distribuzione delle borracce è stata rallentata dalla procedure di sicurezza e dalla riduzione delle lezioni in presenza. Ma da qualche mese gli studenti sono tornati a frequentare ed abbiamo potuto consegnare le ultime borracce”.

Come hanno giudicato gli studenti questa iniziativa?
“Molto favorevolmente. Sono stato contattato dalle associazioni degli studenti presenti alla Parthenope e mi hanno offerto un valido supporto per la distribuzione. Anche Legambiente ci ha dato una mano con entusiasmo ed ha fatto un po’ d’informazione ambientale per gli studenti che ritiravano le borracce”.

Quindi il bilancio è positivo?
“Sì, soprattutto quello ambientale. Voglio dire che ho analizzato i volumi di acqua erogati finora dai distributori e, nonostante i rallentamenti di cui parlavo, già sono state effettuate migliaia di ricariche. Con degli algoritmi è possibile convertire le bottigliette di plastica equivalenti nell’anidride carbonica che sarebbe stata emessa per la loro produzione e per il loro trasporto. Considerando che gli alberi assorbono con le loro foglie una certa quantità di CO2, per schematizzare al massimo, ho spiegato agli studenti che in questi primi mesi di uso dei distributori è come se avessimo già piantato 60 alberi”.

E qual è l’obiettivo finale, in termini di CO2 evitata o di alberi virtuali?
“Difficile calcolarlo esattamente, ma possiamo dire che ogni cittadino che rinuncia all’acqua minerale in plastica per tutto l’anno equivale approssimativamente ad un nuovo albero. Abbiamo oltre16mila studenti e contiamo anche sulla attività di informazione e persuasione che possono fare nelle loro famiglie, in modo da moltiplicare gli effetti positivi. È importante infatti che tutti facciano qualcosa per l’ambiente: ormai gli effetti nefasti dell’effetto serra e del cambiamento climatico sono una realtà inoppugnabile”.

 

Così Vito Nocera ricorda Francesco Ruotolo

Così Vito Nocera ricorda Francesco Ruotolo

Ecco una poesia in ricordo di Francesco Ruotolo scritta il 15 novembre 2020 da Vito Nocera, uno dei maggiori esponenti della sinistra napoletana, fra i fondatori di Democrazia Proletaria (1977) e Rifondazione Comunista (1991). FRANCESCO RUOTOLO È MORTO Forse era...

Quarto, nascondeva armi e munizioni nel divano: arrestato

Quarto, nascondeva armi e munizioni nel divano: arrestato

I Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Napoli hanno arrestato un 39enne di Quarto già noto alle forze dell'ordine, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip del Tribunale di Napoli, su richiesta della Direzione...

Napoli, Manfredi riceve il nuovo prefetto Claudio Palomba

Napoli, Manfredi riceve il nuovo prefetto Claudio Palomba

Questa mattina il Sindaco di Napoli Gaetano Manfredi ha ricevuto a Palazzo San Giacomo il nuovo Prefetto di Napoli Claudio Palomba, napoletano di 61 anni, tornato nella città partenopea dopo aver guidato la prefettura di Torino  «Una figura di assoluto prestigio con...

Decumani, ruba in un bar: arrestato

Decumani, ruba in un bar: arrestato

Ieri notte gli agenti dell’Ufficio Prevenzione Generale, durante il servizio di controllo del territorio, nel transitare in via Conte di Ruvo sono stati avvicinati da un passante che ha segnalato loro un furto in atto ai danni di un bar in via Bellini. I poliziotti, ...

Napoli centrale, ruba un cellulare a una ragazza: arrestato

Napoli centrale, ruba un cellulare a una ragazza: arrestato

Gli agenti del Compartimento Polizia ferroviaria per la Campania, nell’ambito dei servizi di vigilanza predisposti in stazione, hanno arrestato un cittadino algerino 50enne per il reato di furto aggravato. L’uomo ha attirato l’attenzione degli operatori della Squadra...

Al via a Napoli la quarta edizione del Master in arti sceniche

Al via a Napoli la quarta edizione del Master in arti sceniche

Lo spazio culturale di eccellenza per la ricerca  pedagogica nell’assonanza tra teatro e insegnamento Il bisogno delle relazioni, dei rapporti con gli altri stimola anche la didattica universitaria post Covid: ritorna, infatti, in presenza, il 26 novembre, nel Teatro...

Napoli, sequestrato cantiere abusivo per rischio crollo

Napoli, sequestrato cantiere abusivo per rischio crollo

A seguito di una segnalazione, il personale della Polizia Locale di Napoli, dell’U.O. Avvocata, insieme al reparto specialistico di Tutela Edilizia, è intervenuto in Via Emanuele De Deo, dove, terzo piano di un grande condominio, il proprietario di un appartamento...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te