Femminicidio, serve una legge

da | Nov 20, 2021 | Primo piano

Appello del padre di Ornella Pinto al Capo dello Stato: “Norme specifiche ed efficaci”

Nella notte tra il 12 e il 13 marzo una professoressa di 39 anni, Ornella Pinto, fu massacrata a coltellate nel sonno dall’ex compagno Pinotto Iacopino, 43 anni, mentre il loro bambino di due anni era a letto terrorizzato nella stanzetta affianco: il primo femminicidio del 2021 in Campania. Giovedì prossimo, in occasione della Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, su iniziativa della direzione del Polo museale in ricordo di Ornella sarà installata una panchina rossa alla Certosa di San Martino, nello storico giardino della “Chiesa delle donne”.
Un evento particolarmente significativo anche per il papà di Ornella, Giuseppe Pinto, stimatissimo ex dipendente dei beni culturali nonché dirigente UIL TuCS (ha lavorato per vent’anni a Palazzo reale e poi proprio alla Certosa) il quale ha intrapreso una battaglia affinchè di tragedie come quella che ha devastato la sua famiglia non ne accadano più. E ora lancia un appello al Capo dello Stato affinchè “persuada” il Parlamento a varare una legge sul femminicidio (una legge specifica, incisiva, che inasprisca le pene e snellisca le procedure, a scopo deterrente). Quella del 2019 soprannominata “codice rosso” infatti non prevede pene specifiche (rispetto all’omicidio) ma si limita a definire alcune sfumature della violenza contro le donne e i reati-spia (maltrattamenti, minacce, persecuzione, lesioni, abusi) del pericolo… Ma in questo caso, non c’erano state avvisaglie. Fino al giorno prima di sferrare quelle 13 coltellate contro Ornella con una lama di 21 cm, introducendosi nella casa a due passi da via Foria, non c’erano state avvisaglie, anzi Iacopino (di Cercola, cogestore di un albergo a Ercolano) – che aveva ancora le chiavi di casa, alle quali non era stata cambiata la serratura – le aveva pure mandato un messaggino rassicurante. E lei aveva comprato per lui un dono che il figlioletto gli avrebbe consegnato alla festa del papà (giorno in cui il piccolo ha compiuto 3 anni). Ma evidentemente lui non accettava la separazione.
Poi Iacopino si costituì a Terni (dove pare abbia degli amici). Gli era stato contestato il reato di omicidio volontario aggravato da premeditazione, crudeltà e legame affettivo; adesso pare che gli avvocati parlino di raptus… Ma sarà la magistratura, che sta procedendo spedita, a fare chiarezza.

Giuseppe Pinto

Intanto, per i familiari straziati, lo stillicidio delle udienze; e quello della burocrazia: per quasi 8 mesi, pur avendo consegnato a marzo il certificato di morte al Liceo artistico (dove Ornella era docente di sostegno) è continuato l’accredito degli stipendi sul suo conto corrente e adesso bisognerà fare le pratiche per restituire tutto (con la complicazione dei contributi).
A Ornella (laurea con 110 e lode, due master, due abilitazioni; appartenente a una famiglia stimata e benvoluta) sono già state dedicate altre panchine rosse ma sempre frutto di iniziative spontanee. La messa funebre fu celebrata dall’arcivescovo don Mimmo Battaglia. Panchina anche davanti alla sede Uil (presente Loredana Raia vicepresidente del Consiglio regionale) col cui ente di formazione Erpaf la vittima, impegnata anche nel sociale, in passato aveva collaborato. “Era una funzionaria dello Stato ma il Ministero della P.I. non s’è fatto vivo in alcun modo”, racconta il padre, “e c’è stata solo una interrogazione della parlamentare Flora Frate in una Camera dei deputati distratta”. Adesso il moto spontaneo del Polo museale, particolarmente significativo per la storia e il prestigio del luogo.
“La politica ha dimostrato la sua pochezza. Le procedure attuali sono inefficaci”, sottolinea Giuseppe Pinto: “Quando l’autore di un reato è reo confesso e la Scientifica ha dimostrato come sono andati i fatti, ci vuole una sentenza netta, e la certezza della pena”. Urge una legge sul femminicidio. Dove sono i partiti? Che cosa facciamo noi affinchè queste tragedie non si ripetano? Una battaglia in nome di Ornella, cercando ragioni per sopravvivere.

Allarme Covid nelle scuole

Allarme Covid nelle scuole

In una settimana 47 contagi negli istituti superiori Quattro morti e 348 positivi: sono i dati dell’ultimo giorno (venerdì 24 settembre) di rilevazione dell’andamento dell’emergenza Covid-19 in Campania. Dati che indicano che l’indice di contagio resta stabile al...

Il voto? Ecco come andrà a finire

Il voto? Ecco come andrà a finire

Il candidato Manfredi è favorito nella corsa alla poltrona di sindaco… grazie al reddito di cittadinanza A Napoli, com’è noto, si vota il prossimo 3 ottobre per scegliere il nuovo sindaco, che governerà la città dopo dieci anni di disastrosa gestione di de Magistris....

Sport e salute col progetto Nalab

Sport e salute col progetto Nalab

A piazza Municipio quattro giorni di iniziative promosse dall’Ortopedia Meridionale Salvio Zungri Promuovere l’attività sportiva gratuita rivolta alla popolazione locale e valorizzare lo sport, incrementandone la funzione sociale, educativa ed etica, anche innalzando...

Campania, open day vaccinale per le donne in gravidanza

Campania, open day vaccinale per le donne in gravidanza

In occasione della Giornata nazionale per la sicurezza delle cure e della persona assistita, promossa dal Ministero della Salute, che quest’anno è dedicata alle cure materne e neonatali sicure con il claim “Agisci adesso per un parto sicuro e rispettoso”, Venerdì 17...

Napoli incompleto. Inutile cullare sogni di gloria

Napoli incompleto. Inutile cullare sogni di gloria

Salvatore Bagni è sempre stato un inguaribile ottimista. Ma questa volta è proprio andato oltre ogni limite: è bastato che diventasse ufficiale l’acquisto del misconosciuto Anguissa per fargli dichiarare che il Napoli è da scudetto. Anzi a sentirlo quasi il campionato...

Le t-shirt firmate Gomorra vanno a ruba sul web

Le t-shirt firmate Gomorra vanno a ruba sul web

Albert Bandura, recentemente scomparso, ammoniva sugli effetti modellanti della tv  di Cinzia Rosaria Baldi * L’ultima moda è indossare le magliette  ispirate ai personaggi di Gomorra, la celebre serie tv ideata da Roberto Saviano.  Vanno a ruba sul web felpe e...

Napoli-Verona, altro che dimenticare. Vogliamo sapere

Napoli-Verona, altro che dimenticare. Vogliamo sapere

La chiusura della prima fase di preparazione al campionato suggerisce una prima serie di considerazioni e di rilievi. La parentesi di Dimaro ha confermato quanto già si sapeva sul carattere forte e carismatico del nuovo allenatore. È il suo grande pregio, unito alla...

Giuntoli tra Adl e Spalletti

Giuntoli tra Adl e Spalletti

Il ds ha il compito di abbassare il tetto degli ingaggi e dare al tecnico una rosa comunque competitiva Passata la sbornia europea, testa al mercato e soprattutto al campionato. “Ricomincia da tre” la stagione 2021/22, per tre ottimi motivi che la rendono già...

Cosa spinge le persone ad essere cattive?

Cosa spinge le persone ad essere cattive?

di Cinzia Rosaria Baldi * La psicologia può spiegare perché accadono fenomeni di estrema crudeltà come le violenze nel carcere a S.M. Capua Vetere Le atroci  violenze avvenute nel carcere a S.M. Capua Vetere lo scorso anno in pieno lock down e portate alla ribalta...

Il caso di Chiara, 15 anni, uccisa da un amico di 16 anni

Il caso di Chiara, 15 anni, uccisa da un amico di 16 anni

I giovani bombardati dal brutto e dal male che toglie la speranza. Genitori distratti, il silenzio degli scienziati L’omicida  sedicenne  ora racconta che sentiva la voce del diavolo,  turbato dalla serie  televisiva  “Lucifer”,  ma la razionalità dimostrata con i...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te