Femminicidio, serve una legge

da | Nov 20, 2021 | Primo piano

Appello del padre di Ornella Pinto al Capo dello Stato: “Norme specifiche ed efficaci”

Nella notte tra il 12 e il 13 marzo una professoressa di 39 anni, Ornella Pinto, fu massacrata a coltellate nel sonno dall’ex compagno Pinotto Iacopino, 43 anni, mentre il loro bambino di due anni era a letto terrorizzato nella stanzetta affianco: il primo femminicidio del 2021 in Campania. Giovedì prossimo, in occasione della Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, su iniziativa della direzione del Polo museale in ricordo di Ornella sarà installata una panchina rossa alla Certosa di San Martino, nello storico giardino della “Chiesa delle donne”.
Un evento particolarmente significativo anche per il papà di Ornella, Giuseppe Pinto, stimatissimo ex dipendente dei beni culturali nonché dirigente UIL TuCS (ha lavorato per vent’anni a Palazzo reale e poi proprio alla Certosa) il quale ha intrapreso una battaglia affinchè di tragedie come quella che ha devastato la sua famiglia non ne accadano più. E ora lancia un appello al Capo dello Stato affinchè “persuada” il Parlamento a varare una legge sul femminicidio (una legge specifica, incisiva, che inasprisca le pene e snellisca le procedure, a scopo deterrente). Quella del 2019 soprannominata “codice rosso” infatti non prevede pene specifiche (rispetto all’omicidio) ma si limita a definire alcune sfumature della violenza contro le donne e i reati-spia (maltrattamenti, minacce, persecuzione, lesioni, abusi) del pericolo… Ma in questo caso, non c’erano state avvisaglie. Fino al giorno prima di sferrare quelle 13 coltellate contro Ornella con una lama di 21 cm, introducendosi nella casa a due passi da via Foria, non c’erano state avvisaglie, anzi Iacopino (di Cercola, cogestore di un albergo a Ercolano) – che aveva ancora le chiavi di casa, alle quali non era stata cambiata la serratura – le aveva pure mandato un messaggino rassicurante. E lei aveva comprato per lui un dono che il figlioletto gli avrebbe consegnato alla festa del papà (giorno in cui il piccolo ha compiuto 3 anni). Ma evidentemente lui non accettava la separazione.
Poi Iacopino si costituì a Terni (dove pare abbia degli amici). Gli era stato contestato il reato di omicidio volontario aggravato da premeditazione, crudeltà e legame affettivo; adesso pare che gli avvocati parlino di raptus… Ma sarà la magistratura, che sta procedendo spedita, a fare chiarezza.

Giuseppe Pinto

Intanto, per i familiari straziati, lo stillicidio delle udienze; e quello della burocrazia: per quasi 8 mesi, pur avendo consegnato a marzo il certificato di morte al Liceo artistico (dove Ornella era docente di sostegno) è continuato l’accredito degli stipendi sul suo conto corrente e adesso bisognerà fare le pratiche per restituire tutto (con la complicazione dei contributi).
A Ornella (laurea con 110 e lode, due master, due abilitazioni; appartenente a una famiglia stimata e benvoluta) sono già state dedicate altre panchine rosse ma sempre frutto di iniziative spontanee. La messa funebre fu celebrata dall’arcivescovo don Mimmo Battaglia. Panchina anche davanti alla sede Uil (presente Loredana Raia vicepresidente del Consiglio regionale) col cui ente di formazione Erpaf la vittima, impegnata anche nel sociale, in passato aveva collaborato. “Era una funzionaria dello Stato ma il Ministero della P.I. non s’è fatto vivo in alcun modo”, racconta il padre, “e c’è stata solo una interrogazione della parlamentare Flora Frate in una Camera dei deputati distratta”. Adesso il moto spontaneo del Polo museale, particolarmente significativo per la storia e il prestigio del luogo.
“La politica ha dimostrato la sua pochezza. Le procedure attuali sono inefficaci”, sottolinea Giuseppe Pinto: “Quando l’autore di un reato è reo confesso e la Scientifica ha dimostrato come sono andati i fatti, ci vuole una sentenza netta, e la certezza della pena”. Urge una legge sul femminicidio. Dove sono i partiti? Che cosa facciamo noi affinchè queste tragedie non si ripetano? Una battaglia in nome di Ornella, cercando ragioni per sopravvivere.

Una Cittadella universitaria da Oscar

Una Cittadella universitaria da Oscar

Da Leonardo Di Costanzo a Nicola Giuliano: straordinario successo ai David di Donatello 2022 per i “Grandi Maestri” del Cinema dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli Si può ormai definire una formazione accademica ‘da Oscar’ quella dell’Università Suor Orsola...

E ora il “branco” va in spiaggia…

E ora il “branco” va in spiaggia…

Non bastava la mala-movida. Ancora gravi i due minorenni accoltellati a Marechiaro. Il mare negato Non bastava la mala-movida notturna, adesso con l’arrivo della bella stagione c’è da fronteggiare anche la violenza collegata all’afflusso alle località balneari,...

Napoli, il futuro è da inventare

Napoli, il futuro è da inventare

Il terzo posto non può diventare il punto di arrivo per una società ambiziosa e per tifosi appassionati Sarà il Milan o l’Inter a fregiarsi del triangolino tricolore ai tifosi del Napoli interessa poco. La delusione, nonostante il terzo posto e la qualificazione...

Il cinema napoletano in cattedra ai David di Donatello

Il cinema napoletano in cattedra ai David di Donatello

Da Leonardo Di Costanzo a Nicola Giuliano: ben 12 nomination ai “Grandi Maestri” dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli Questa sera (diretta su Rai Uno dalle 21.25) negli studi di Cinecittà per la cerimonia di premiazione della 67esima edizione dei David di...

Lavoro, è il boom dell’archeologo tecnologico

Lavoro, è il boom dell’archeologo tecnologico

di Federico Marazzi * In Campania l’eccellenza della formazione è all’Università Suor Orsola Benincasa Immaginate di vedere per la strada un’auto d’epoca, esteticamente affascinante, capace di ottime performances, ma a prezzo di consumi di carburante decisamente...

Come tutelare il nostro “oro blu”

Come tutelare il nostro “oro blu”

Iniziativa per la candidatura Unesco delle acque sorgive del Golfo a “patrimonio dell'Umanità”. I dati, le ipotesi “Facile aprire il rubinetto ed avere a disposizione una delle acque più pregiate, più controllate d’Italia. Ma ciò richiede un grosso sforzo tecnico, una...

Calcio, l’Italia s’è persa

Calcio, l’Italia s’è persa

Come ripartire dopo la delusione della Nazionale Riparte il campionato e sarà volata tutta d’un fiato fino al 22 maggio quando conosceremo l’esito del torneo più incerto ed emozionante da 10 stagioni a questa parte. Si riparte con gare importantissime ai fini della...

La figuraccia di Milano e l’esempio di Napoli

La figuraccia di Milano e l’esempio di Napoli

Il direttore d’orchestra russo Valery Gergiev cacciato dalla Scala di Milano solo perché non ha accettato l’imposizione di dire due parole contro Putin e contro la sua guerra prima di un’esibizione. Un corso sul grande scrittore russo Fedor Dostoevskij annullato alla...

La stazione che fa acqua da tutte le parti

La stazione che fa acqua da tutte le parti

Metropolitana, Salvator Rosa tra secchi di plastica e “portoghesi”. Una vergogna continua Il battagliero consigliere comunale Nino Simeone ne ha fatto, giustamente, un caso. Non si è mai visto, da nessuna parte al mondo, che per collaudare treni nuovi da immettere in...

Napoli, via Domenico Fontana: residenti in pericolo

Napoli, via Domenico Fontana: residenti in pericolo

È da venerdì 18 marzo che in via Domenico Fontana, all’altezza del civico 115, tra l’ingresso pedonale della Parrocchia di Santa Maria Antesaecula e l’accesso alto del Parco Montedonzelli, staziona un “senza fissa dimora”. Per quanto commossi dal senso di Pietas e dal...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te