E ora Adl metta mano al portafoglio

da | Nov 20, 2021 | Primo piano

Il Napoli, a dispetto di quanto sostiene Spalletti, presenta gravi lacune di organico in difesa

Il Napoli negli anni scorsi (gestione De Laurentiis) per ben quattro volte si è piazzato al secondo posto e due volte ha conquistato il titolo di campione d’inverno. In tutte queste circostanze avrebbe potuto tentare di contrastare la Juventus e magari arrivare al titolo (con Sarri) lo sfiorò con adeguate campagne di potenziamento sul mercato di gennaio. Ma in tutte queste circostanze De Laurentiis venne meno all’appello. Ricordiamole quelle esperienze negative.

Nel 2012-2013 con Mazzarri gli acquisti di gennaio furono: Rolando, Armero, Radovanovic e Calaiò (che tornava dopo i fasti della serie B, ma non fu decisivo). Poi negli anni successivi un costante peggioramento qualitativo. Nel 2016-2016 acquistati a gennaio Regini e Grassi, nel 2017-2018 (l’anno in cui fu sfiorato il colpo) Machach e tal Bangoura (!), nel 2018.2019 con Ancelotti nessun acquisto.
Questa volta il Napoli è primo in classifica e si appresta a lottare con il Milan per il titolo di inverno. Purtroppo però tutto lascia presagire che può giocarsela fino alla fine. Ma purtroppo i segnali non sono incoraggianti. Per legittimare le aspirazioni, De Laurentiis è chiamato a mettere mano al portafoglio. Perché quest’organico, a dispetto degli strombazzamenti estivi del super aziendalista Spalletti, è carente in almeno due ruoli. Un deficit che potrebbe risultare decisivo, soprattutto a febbraio, quando contemporaneamente verranno meno per oltre un mese Koulibaly, Ounas, Anguissa e Osimhen.
I ruoli scoperti sono quelli del terzino sinistro e del centrale di difesa. Sulla carta in organico esistono infatti oltre ai titolari Di Lorenzo e Mario Rui le alternative: a destra Malcuit e a sinistra Ghoulam. Ma è evidente che non si può fare affidamento su nessuno dei due, come anche queste gare iniziali hanno confermato. Di Lorenzo sta compiendo autentici miracoli, non salta un match, che sia di campionato, di Coppa o della Nazionale. E a marzo sarà chiamato anche ai supplementari con la maglia dell’Italia, finita inopinatamente ai play off per accedere ai Mondiali. Ma fino a quando potrà reggere? Lo stesso dicasi per Mario Rui, recuperato da Spalletti ad un ottimo livello, ma anche lui esposto al superaffaticamento, a qualche infortunio e persino a qualche squalifica.
Ed è proprio la casella del terzino sinistro che richiede un immediato intervento. De Laurentiis non ha che l’imbarazzo della scelta: puntare sul navigato Mandava o sul giovane Parisi dell’Empoli. Non si tratta di fuoriclasse, ma entrambi potrebbero garantire quella copertura quantitativa che oggi risulta chiaramente debole. A meno che non si voglia optare per un ambidestro che possa così venire incontro a tutte le esigenze del reparto ed assicurare un sollievo anche a Di Lorenzo.
E veniamo alla questione del centrale difensivo. Anche in questo caso urge un rinforzo. Koulibaly andrà in Africa, Manolas sta più in infermeria che in campo, restano Rahamani e Jesus.
In sostanza tre operativi per due ruoli. Un’inezia di fronte agli impegni che attendono la squadra. De Laurentiis ha davanti a sé un ampio ventaglio di scelte: l’esperto Bremer del Torino, il già inseguito argentino Senesi o il promettente Gatti del Frosinone, una scommessa a costi ora accessibili (si parla di cinque milioni), che forse non sarebbe ottimale in ottica scudetto, ma che potrebbe rivelarsi però un ottimo investimento per il futuro se tutte le relazioni positive sul suo conto dovessero corrispondere poi al rendimento sul campo nella serie maggiore e all’interno di una compagine con obiettivi molto più ambiziosi. Su tutte e due i fronti si potrebbe anche virare su qualche vecchio campione al termine della carriera, in grado di assicurare un contributo nell’immediato. Qualche anno fa il Milan con una scelta del genere alla fine vinse il torneo.
Per il resto mercato fermo o quasi.
Nelle ultime ore si è parlato di uno scambio Lobotka-Vecino, con lo slovacco che verrebbe poi girato dall’Inter al Cagliari per avere in cambio Nandez. Giri complessi che quasi mai vanno a termine. Dallo scambio secco comunque il Napoli potrebbe riceverne un ceto vantaggio, visto che Lobotka sembrava essere rinato con la cura Spalletti e che poi, complice un infortunio, è sembrato perdere lo smalto di inizio stagione ed è ripiombato nella più assoluta mediocrità. Staremo a vedere.

Napoli, meno ansia

Napoli, meno ansia

Gli azzurri “tradiscono” quando aumenta la pressione Diciamolo francamente: a Napoli ce la suoniamo e ce la cantiamo come vogliamo a seconda dello spirare del vento, soprattutto quando l’oggetto o il sogno delle nostre fantasie, viene meno ribellandosi a etichette,...

Wilson, laziale sì. Ma soprattutto napoletano

Wilson, laziale sì. Ma soprattutto napoletano

L’omaggio al grande difensore ex Internapoli morto nei giorni scorsi a Roma Se ne è andato all’improvviso, accompagnato dall’omaggio scontato e doveroso di tutto il mondo calcistico laziale. Prima la bara esposta nella camera ardente poi un funerale, a Roma, con la...

Morte di Ornella, a maggio la sentenza

Morte di Ornella, a maggio la sentenza

Il processo all’ex compagno della docente uccisa un anno fa. Lunedì incontri alla Uil e al Liceo artistico Un otto marzo trascorso col pensiero rivolto alle donne russe e ucraine… Intanto in Italia non si ferma la violenza di genere: 118 le vittime di femminicidi nel...

Errore medico: quando c’è il risarcimento

Errore medico: quando c’è il risarcimento

Lo Studio Rubinacci-Molaro spiega la normativa che regola la responsabilità sanitaria Con l’articolo di oggi lo Studio legale degli avvocati Giovanni Rubinacci ed Andrea Molaro, si occupa della tematica del risarcimento del danno derivante dall’errore del medico...

Una Coach in soccorso delle donne

Una Coach in soccorso delle donne

Victoria Logacheva ha coniugato la sua inclinazione per l’ascolto e l’aiuto agli altri con il lavoro Felicemente sposata, madre di due bambini di 1 e 4 anni, Victoria Logacheva ha da sempre notato di avere una particolare inclinazione per l’ascolto attivo e di essere...

Gli errori di Spalletti cominciano ad essere troppi

Gli errori di Spalletti cominciano ad essere troppi

Gli azzurri fuori dalle Coppe e l'allenatore insiste con moduli e cambi sbagliati Questi allenatori sono davvero strani. E se non proprio tutti almeno lo sono una buona parte di essi. Prendiamo Spalletti. Un amore a prima vista con De Laurentiis (ma il presidente non...

A Spalletti servono gli insostituibili

A Spalletti servono gli insostituibili

Campionato: nelle ultime dodici gare per il Napoli sarà importante avere la rosa al completo L’ultimo turno, spalmato tra il venerdì ed il lunedì, ci ha regalato una sorpresa al giorno: venerdì sera la Juve che con il pareggio nel derby dà l’addio alla corsa scudetto,...

Piazza Garibaldi, regna il degrado

Piazza Garibaldi, regna il degrado

Già scomparsi gli effetti positivi del restyling: ovunque illegalità, incuria ed abbandono Le macerie di dieci anni di amministrazione de Magistris sono rinvenibili facilmente in tutta la città. Ma il degrado, che per onestà intellettuale, dobbiamo ammetterlo,...

Le conquiste “rosa” a doppio taglio

Le conquiste “rosa” a doppio taglio

Ancora non siamo usciti dal flagello della pandemia (dovrebbe cessare il 31 marzo lo stato di emergenza) e già sentiamo parlare di guerra, la questione Ucraina… Crisi che hanno gravato e gravano soprattutto sulle donne - storicamente deputate alle funzioni di...

Riapre la chiesa di Portosalvo

Riapre la chiesa di Portosalvo

Odissea verso la conclusione: l’evento in primavera. Visita “segreta” del cardinale Finalmente verso una conclusione positiva la tormentata vicenda della cinquecentesca chiesa di Santa Maria di Portosalvo: la chiesetta “dei marinai”, a due passi dal Porto...

Un lungomare non liberato

Un lungomare non liberato

Manfredi ha deciso: sarà portato a termine il vecchio progetto di De Magistris. Un’occasione sprecata De Magistris ai tempi d’oro della bandana lo aveva innalzato a simbolo della sua rivoluzione. All’improvviso, dalla mattina alla sera, chiuse al traffico via...

Monumentale off limits, zona pericolosa

Monumentale off limits, zona pericolosa

Dopo il crollo del 5 gennaio ampliata l’area del sequestro. Salme esposte alle intemperie Morti ancora senza nome, strazio dei familiari e cimitero ancora off limits in conseguenza del crollo del 5 gennaio. Slitta a data da destinarsi la riapertura del cimitero...

Maresca: “Scelgo l’impegno”

Maresca: “Scelgo l’impegno”

L’ex candidato sindaco a capo dell’opposizione è da poco tornato a rivestire anche il ruolo di giudice Dopo la sconfitta alle amministrative di Napoli il magistrato Catello Maresca è da poco rientrato in servizio con funzione di giudice di Corte d’Appello a...

Da gennaio inizia lo sprint finale

Da gennaio inizia lo sprint finale

Le due ultime partite di andata contro Milan e Spezia possono rilanciare gli azzurri in vista del ritorno Dopo 17 giornate l’attuale classifica del massimo campionato crea non poco disagio e scompiglio nella testa di coloro che, addetti ai lavori, giornalisti e...

Filiali chiuse, disagi per i correntisti

Filiali chiuse, disagi per i correntisti

Ridotte le sedi di Intesa San Paolo. Difficile anche “raggiungere” le postazioni per i prelievi di contante “La banca” ormai è distante e prelevare soldi col bancomat è diventata una impresa, con maggior rischio - rientrando verso casa - di essere rapinati. Una...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te