E ora Adl metta mano al portafoglio

da | Nov 20, 2021 | Primo piano

Il Napoli, a dispetto di quanto sostiene Spalletti, presenta gravi lacune di organico in difesa

Il Napoli negli anni scorsi (gestione De Laurentiis) per ben quattro volte si è piazzato al secondo posto e due volte ha conquistato il titolo di campione d’inverno. In tutte queste circostanze avrebbe potuto tentare di contrastare la Juventus e magari arrivare al titolo (con Sarri) lo sfiorò con adeguate campagne di potenziamento sul mercato di gennaio. Ma in tutte queste circostanze De Laurentiis venne meno all’appello. Ricordiamole quelle esperienze negative.

Nel 2012-2013 con Mazzarri gli acquisti di gennaio furono: Rolando, Armero, Radovanovic e Calaiò (che tornava dopo i fasti della serie B, ma non fu decisivo). Poi negli anni successivi un costante peggioramento qualitativo. Nel 2016-2016 acquistati a gennaio Regini e Grassi, nel 2017-2018 (l’anno in cui fu sfiorato il colpo) Machach e tal Bangoura (!), nel 2018.2019 con Ancelotti nessun acquisto.
Questa volta il Napoli è primo in classifica e si appresta a lottare con il Milan per il titolo di inverno. Purtroppo però tutto lascia presagire che può giocarsela fino alla fine. Ma purtroppo i segnali non sono incoraggianti. Per legittimare le aspirazioni, De Laurentiis è chiamato a mettere mano al portafoglio. Perché quest’organico, a dispetto degli strombazzamenti estivi del super aziendalista Spalletti, è carente in almeno due ruoli. Un deficit che potrebbe risultare decisivo, soprattutto a febbraio, quando contemporaneamente verranno meno per oltre un mese Koulibaly, Ounas, Anguissa e Osimhen.
I ruoli scoperti sono quelli del terzino sinistro e del centrale di difesa. Sulla carta in organico esistono infatti oltre ai titolari Di Lorenzo e Mario Rui le alternative: a destra Malcuit e a sinistra Ghoulam. Ma è evidente che non si può fare affidamento su nessuno dei due, come anche queste gare iniziali hanno confermato. Di Lorenzo sta compiendo autentici miracoli, non salta un match, che sia di campionato, di Coppa o della Nazionale. E a marzo sarà chiamato anche ai supplementari con la maglia dell’Italia, finita inopinatamente ai play off per accedere ai Mondiali. Ma fino a quando potrà reggere? Lo stesso dicasi per Mario Rui, recuperato da Spalletti ad un ottimo livello, ma anche lui esposto al superaffaticamento, a qualche infortunio e persino a qualche squalifica.
Ed è proprio la casella del terzino sinistro che richiede un immediato intervento. De Laurentiis non ha che l’imbarazzo della scelta: puntare sul navigato Mandava o sul giovane Parisi dell’Empoli. Non si tratta di fuoriclasse, ma entrambi potrebbero garantire quella copertura quantitativa che oggi risulta chiaramente debole. A meno che non si voglia optare per un ambidestro che possa così venire incontro a tutte le esigenze del reparto ed assicurare un sollievo anche a Di Lorenzo.
E veniamo alla questione del centrale difensivo. Anche in questo caso urge un rinforzo. Koulibaly andrà in Africa, Manolas sta più in infermeria che in campo, restano Rahamani e Jesus.
In sostanza tre operativi per due ruoli. Un’inezia di fronte agli impegni che attendono la squadra. De Laurentiis ha davanti a sé un ampio ventaglio di scelte: l’esperto Bremer del Torino, il già inseguito argentino Senesi o il promettente Gatti del Frosinone, una scommessa a costi ora accessibili (si parla di cinque milioni), che forse non sarebbe ottimale in ottica scudetto, ma che potrebbe rivelarsi però un ottimo investimento per il futuro se tutte le relazioni positive sul suo conto dovessero corrispondere poi al rendimento sul campo nella serie maggiore e all’interno di una compagine con obiettivi molto più ambiziosi. Su tutte e due i fronti si potrebbe anche virare su qualche vecchio campione al termine della carriera, in grado di assicurare un contributo nell’immediato. Qualche anno fa il Milan con una scelta del genere alla fine vinse il torneo.
Per il resto mercato fermo o quasi.
Nelle ultime ore si è parlato di uno scambio Lobotka-Vecino, con lo slovacco che verrebbe poi girato dall’Inter al Cagliari per avere in cambio Nandez. Giri complessi che quasi mai vanno a termine. Dallo scambio secco comunque il Napoli potrebbe riceverne un ceto vantaggio, visto che Lobotka sembrava essere rinato con la cura Spalletti e che poi, complice un infortunio, è sembrato perdere lo smalto di inizio stagione ed è ripiombato nella più assoluta mediocrità. Staremo a vedere.

Allarme Covid nelle scuole

Allarme Covid nelle scuole

In una settimana 47 contagi negli istituti superiori Quattro morti e 348 positivi: sono i dati dell’ultimo giorno (venerdì 24 settembre) di rilevazione dell’andamento dell’emergenza Covid-19 in Campania. Dati che indicano che l’indice di contagio resta stabile al...

Il voto? Ecco come andrà a finire

Il voto? Ecco come andrà a finire

Il candidato Manfredi è favorito nella corsa alla poltrona di sindaco… grazie al reddito di cittadinanza A Napoli, com’è noto, si vota il prossimo 3 ottobre per scegliere il nuovo sindaco, che governerà la città dopo dieci anni di disastrosa gestione di de Magistris....

Sport e salute col progetto Nalab

Sport e salute col progetto Nalab

A piazza Municipio quattro giorni di iniziative promosse dall’Ortopedia Meridionale Salvio Zungri Promuovere l’attività sportiva gratuita rivolta alla popolazione locale e valorizzare lo sport, incrementandone la funzione sociale, educativa ed etica, anche innalzando...

Campania, open day vaccinale per le donne in gravidanza

Campania, open day vaccinale per le donne in gravidanza

In occasione della Giornata nazionale per la sicurezza delle cure e della persona assistita, promossa dal Ministero della Salute, che quest’anno è dedicata alle cure materne e neonatali sicure con il claim “Agisci adesso per un parto sicuro e rispettoso”, Venerdì 17...

Napoli incompleto. Inutile cullare sogni di gloria

Napoli incompleto. Inutile cullare sogni di gloria

Salvatore Bagni è sempre stato un inguaribile ottimista. Ma questa volta è proprio andato oltre ogni limite: è bastato che diventasse ufficiale l’acquisto del misconosciuto Anguissa per fargli dichiarare che il Napoli è da scudetto. Anzi a sentirlo quasi il campionato...

Le t-shirt firmate Gomorra vanno a ruba sul web

Le t-shirt firmate Gomorra vanno a ruba sul web

Albert Bandura, recentemente scomparso, ammoniva sugli effetti modellanti della tv  di Cinzia Rosaria Baldi * L’ultima moda è indossare le magliette  ispirate ai personaggi di Gomorra, la celebre serie tv ideata da Roberto Saviano.  Vanno a ruba sul web felpe e...

Napoli-Verona, altro che dimenticare. Vogliamo sapere

Napoli-Verona, altro che dimenticare. Vogliamo sapere

La chiusura della prima fase di preparazione al campionato suggerisce una prima serie di considerazioni e di rilievi. La parentesi di Dimaro ha confermato quanto già si sapeva sul carattere forte e carismatico del nuovo allenatore. È il suo grande pregio, unito alla...

Giuntoli tra Adl e Spalletti

Giuntoli tra Adl e Spalletti

Il ds ha il compito di abbassare il tetto degli ingaggi e dare al tecnico una rosa comunque competitiva Passata la sbornia europea, testa al mercato e soprattutto al campionato. “Ricomincia da tre” la stagione 2021/22, per tre ottimi motivi che la rendono già...

Cosa spinge le persone ad essere cattive?

Cosa spinge le persone ad essere cattive?

di Cinzia Rosaria Baldi * La psicologia può spiegare perché accadono fenomeni di estrema crudeltà come le violenze nel carcere a S.M. Capua Vetere Le atroci  violenze avvenute nel carcere a S.M. Capua Vetere lo scorso anno in pieno lock down e portate alla ribalta...

Il caso di Chiara, 15 anni, uccisa da un amico di 16 anni

Il caso di Chiara, 15 anni, uccisa da un amico di 16 anni

I giovani bombardati dal brutto e dal male che toglie la speranza. Genitori distratti, il silenzio degli scienziati L’omicida  sedicenne  ora racconta che sentiva la voce del diavolo,  turbato dalla serie  televisiva  “Lucifer”,  ma la razionalità dimostrata con i...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te