E ora Adl metta mano al portafoglio

da | Nov 20, 2021 | Primo piano

Il Napoli, a dispetto di quanto sostiene Spalletti, presenta gravi lacune di organico in difesa

Il Napoli negli anni scorsi (gestione De Laurentiis) per ben quattro volte si è piazzato al secondo posto e due volte ha conquistato il titolo di campione d’inverno. In tutte queste circostanze avrebbe potuto tentare di contrastare la Juventus e magari arrivare al titolo (con Sarri) lo sfiorò con adeguate campagne di potenziamento sul mercato di gennaio. Ma in tutte queste circostanze De Laurentiis venne meno all’appello. Ricordiamole quelle esperienze negative.

Nel 2012-2013 con Mazzarri gli acquisti di gennaio furono: Rolando, Armero, Radovanovic e Calaiò (che tornava dopo i fasti della serie B, ma non fu decisivo). Poi negli anni successivi un costante peggioramento qualitativo. Nel 2016-2016 acquistati a gennaio Regini e Grassi, nel 2017-2018 (l’anno in cui fu sfiorato il colpo) Machach e tal Bangoura (!), nel 2018.2019 con Ancelotti nessun acquisto.
Questa volta il Napoli è primo in classifica e si appresta a lottare con il Milan per il titolo di inverno. Purtroppo però tutto lascia presagire che può giocarsela fino alla fine. Ma purtroppo i segnali non sono incoraggianti. Per legittimare le aspirazioni, De Laurentiis è chiamato a mettere mano al portafoglio. Perché quest’organico, a dispetto degli strombazzamenti estivi del super aziendalista Spalletti, è carente in almeno due ruoli. Un deficit che potrebbe risultare decisivo, soprattutto a febbraio, quando contemporaneamente verranno meno per oltre un mese Koulibaly, Ounas, Anguissa e Osimhen.
I ruoli scoperti sono quelli del terzino sinistro e del centrale di difesa. Sulla carta in organico esistono infatti oltre ai titolari Di Lorenzo e Mario Rui le alternative: a destra Malcuit e a sinistra Ghoulam. Ma è evidente che non si può fare affidamento su nessuno dei due, come anche queste gare iniziali hanno confermato. Di Lorenzo sta compiendo autentici miracoli, non salta un match, che sia di campionato, di Coppa o della Nazionale. E a marzo sarà chiamato anche ai supplementari con la maglia dell’Italia, finita inopinatamente ai play off per accedere ai Mondiali. Ma fino a quando potrà reggere? Lo stesso dicasi per Mario Rui, recuperato da Spalletti ad un ottimo livello, ma anche lui esposto al superaffaticamento, a qualche infortunio e persino a qualche squalifica.
Ed è proprio la casella del terzino sinistro che richiede un immediato intervento. De Laurentiis non ha che l’imbarazzo della scelta: puntare sul navigato Mandava o sul giovane Parisi dell’Empoli. Non si tratta di fuoriclasse, ma entrambi potrebbero garantire quella copertura quantitativa che oggi risulta chiaramente debole. A meno che non si voglia optare per un ambidestro che possa così venire incontro a tutte le esigenze del reparto ed assicurare un sollievo anche a Di Lorenzo.
E veniamo alla questione del centrale difensivo. Anche in questo caso urge un rinforzo. Koulibaly andrà in Africa, Manolas sta più in infermeria che in campo, restano Rahamani e Jesus.
In sostanza tre operativi per due ruoli. Un’inezia di fronte agli impegni che attendono la squadra. De Laurentiis ha davanti a sé un ampio ventaglio di scelte: l’esperto Bremer del Torino, il già inseguito argentino Senesi o il promettente Gatti del Frosinone, una scommessa a costi ora accessibili (si parla di cinque milioni), che forse non sarebbe ottimale in ottica scudetto, ma che potrebbe rivelarsi però un ottimo investimento per il futuro se tutte le relazioni positive sul suo conto dovessero corrispondere poi al rendimento sul campo nella serie maggiore e all’interno di una compagine con obiettivi molto più ambiziosi. Su tutte e due i fronti si potrebbe anche virare su qualche vecchio campione al termine della carriera, in grado di assicurare un contributo nell’immediato. Qualche anno fa il Milan con una scelta del genere alla fine vinse il torneo.
Per il resto mercato fermo o quasi.
Nelle ultime ore si è parlato di uno scambio Lobotka-Vecino, con lo slovacco che verrebbe poi girato dall’Inter al Cagliari per avere in cambio Nandez. Giri complessi che quasi mai vanno a termine. Dallo scambio secco comunque il Napoli potrebbe riceverne un ceto vantaggio, visto che Lobotka sembrava essere rinato con la cura Spalletti e che poi, complice un infortunio, è sembrato perdere lo smalto di inizio stagione ed è ripiombato nella più assoluta mediocrità. Staremo a vedere.

Una Cittadella universitaria da Oscar

Una Cittadella universitaria da Oscar

Da Leonardo Di Costanzo a Nicola Giuliano: straordinario successo ai David di Donatello 2022 per i “Grandi Maestri” del Cinema dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli Si può ormai definire una formazione accademica ‘da Oscar’ quella dell’Università Suor Orsola...

E ora il “branco” va in spiaggia…

E ora il “branco” va in spiaggia…

Non bastava la mala-movida. Ancora gravi i due minorenni accoltellati a Marechiaro. Il mare negato Non bastava la mala-movida notturna, adesso con l’arrivo della bella stagione c’è da fronteggiare anche la violenza collegata all’afflusso alle località balneari,...

Napoli, il futuro è da inventare

Napoli, il futuro è da inventare

Il terzo posto non può diventare il punto di arrivo per una società ambiziosa e per tifosi appassionati Sarà il Milan o l’Inter a fregiarsi del triangolino tricolore ai tifosi del Napoli interessa poco. La delusione, nonostante il terzo posto e la qualificazione...

Il cinema napoletano in cattedra ai David di Donatello

Il cinema napoletano in cattedra ai David di Donatello

Da Leonardo Di Costanzo a Nicola Giuliano: ben 12 nomination ai “Grandi Maestri” dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli Questa sera (diretta su Rai Uno dalle 21.25) negli studi di Cinecittà per la cerimonia di premiazione della 67esima edizione dei David di...

Lavoro, è il boom dell’archeologo tecnologico

Lavoro, è il boom dell’archeologo tecnologico

di Federico Marazzi * In Campania l’eccellenza della formazione è all’Università Suor Orsola Benincasa Immaginate di vedere per la strada un’auto d’epoca, esteticamente affascinante, capace di ottime performances, ma a prezzo di consumi di carburante decisamente...

Come tutelare il nostro “oro blu”

Come tutelare il nostro “oro blu”

Iniziativa per la candidatura Unesco delle acque sorgive del Golfo a “patrimonio dell'Umanità”. I dati, le ipotesi “Facile aprire il rubinetto ed avere a disposizione una delle acque più pregiate, più controllate d’Italia. Ma ciò richiede un grosso sforzo tecnico, una...

Calcio, l’Italia s’è persa

Calcio, l’Italia s’è persa

Come ripartire dopo la delusione della Nazionale Riparte il campionato e sarà volata tutta d’un fiato fino al 22 maggio quando conosceremo l’esito del torneo più incerto ed emozionante da 10 stagioni a questa parte. Si riparte con gare importantissime ai fini della...

La figuraccia di Milano e l’esempio di Napoli

La figuraccia di Milano e l’esempio di Napoli

Il direttore d’orchestra russo Valery Gergiev cacciato dalla Scala di Milano solo perché non ha accettato l’imposizione di dire due parole contro Putin e contro la sua guerra prima di un’esibizione. Un corso sul grande scrittore russo Fedor Dostoevskij annullato alla...

La stazione che fa acqua da tutte le parti

La stazione che fa acqua da tutte le parti

Metropolitana, Salvator Rosa tra secchi di plastica e “portoghesi”. Una vergogna continua Il battagliero consigliere comunale Nino Simeone ne ha fatto, giustamente, un caso. Non si è mai visto, da nessuna parte al mondo, che per collaudare treni nuovi da immettere in...

Napoli, via Domenico Fontana: residenti in pericolo

Napoli, via Domenico Fontana: residenti in pericolo

È da venerdì 18 marzo che in via Domenico Fontana, all’altezza del civico 115, tra l’ingresso pedonale della Parrocchia di Santa Maria Antesaecula e l’accesso alto del Parco Montedonzelli, staziona un “senza fissa dimora”. Per quanto commossi dal senso di Pietas e dal...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te