I due ragazzi uccisi per sbaglio ad Ercolano: il giallo degli squilli. E l’importanza di rispondere al telefono

da | Nov 8, 2021 | Primo piano

Le indagini sul duplice omicidio dei due giovani di Portici, Giuseppe Fusella e Tullio Pagliaro –  uccisi il 29 ottobre a colpi d’arma da fuoco da un autotrasportatore di 53 anni, Vincenzo Palumbo, che li aveva scambiati per ladri mentre erano fermi (probabilmente per aver sbagliato strada) davanti alla sua villetta in una zona isolata di Ercolano – continuano per fare verifiche su una telefonata di quella notte al 113 della polizia che avrebbe preceduto quella al 112 dei carabinieri nella mezz’ora che passa dal momento degli spari alla segnalazione della tragedia (tra le 00,25-00,28 gli undici spari, mentre la telefonata ai carabinieri risulta alle 00, 54)… Sappiamo che i centralini sono spesso intasati. In ogni caso, anche se i soccorsi fossero scattati mezz’ora prima, i due giovani di 26 e 27 anni purtroppo non ce l’avrebbero fatta, data la gravità delle ferite.

Da un tragico fatto di cronaca – che ha colpito profondamente l’opinione pubblica già in allerta per la diffusa percezione di insicurezza – a una riflessione semiseria sulle “responsabilità” della comunicazione: l’importanza di rispondere al telefono (e ciò a prescindere dalle questioni di bon ton e di professionalità per non parlare  di stile).

Negli anni Cinquanta-Sessanta del Novecento quando esisteva solo il telefono fisso, per esempio, il professionista di livello evitava che ad alzare la cornetta da casa fossero i figlioletti… I bambini con le loro ciance avrebbero potuto far perdere tempo a qualcuno che telefonava per un motivo serio, urgente. Altra buona abitudine: tenere sempre un block notes con penna accanto al telefono, per segnare chi aveva chiamato in assenza del capofamiglia (o, non si sa mai, avrebbe potuto telefonare qualche parente in affanno, bisognoso di aiuto, di cui prendere un appunto)… Questo per non parlare dell’impressione sconsolante che ne deriva se a NON rispondere subito è il centralino del Comune o delle altre istituzioni (forze dell’ordine e vigili del fuoco compresi)… O, paradossalmente, di un quotidiano.

La sapete quella di quando ai tempi delle Brigate Rosse telefonò – a ora di pranzo – un terrorista ad un giornale per avvertire che era stata messa una bomba in un cassonetto dell’immondizia in una certa via (come si usava allora…) e il centralino rispose: “Chiamate più tardi. Mo’ non c’è nessuno. Sono andati tutti a mangiare”.

Ma in genere anche a quell’ora in redazione o in sala stampa c’era sempre qualcuno pronto a scattare

Una Cittadella universitaria da Oscar

Una Cittadella universitaria da Oscar

Da Leonardo Di Costanzo a Nicola Giuliano: straordinario successo ai David di Donatello 2022 per i “Grandi Maestri” del Cinema dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli Si può ormai definire una formazione accademica ‘da Oscar’ quella dell’Università Suor Orsola...

E ora il “branco” va in spiaggia…

E ora il “branco” va in spiaggia…

Non bastava la mala-movida. Ancora gravi i due minorenni accoltellati a Marechiaro. Il mare negato Non bastava la mala-movida notturna, adesso con l’arrivo della bella stagione c’è da fronteggiare anche la violenza collegata all’afflusso alle località balneari,...

Napoli, il futuro è da inventare

Napoli, il futuro è da inventare

Il terzo posto non può diventare il punto di arrivo per una società ambiziosa e per tifosi appassionati Sarà il Milan o l’Inter a fregiarsi del triangolino tricolore ai tifosi del Napoli interessa poco. La delusione, nonostante il terzo posto e la qualificazione...

Il cinema napoletano in cattedra ai David di Donatello

Il cinema napoletano in cattedra ai David di Donatello

Da Leonardo Di Costanzo a Nicola Giuliano: ben 12 nomination ai “Grandi Maestri” dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli Questa sera (diretta su Rai Uno dalle 21.25) negli studi di Cinecittà per la cerimonia di premiazione della 67esima edizione dei David di...

Lavoro, è il boom dell’archeologo tecnologico

Lavoro, è il boom dell’archeologo tecnologico

di Federico Marazzi * In Campania l’eccellenza della formazione è all’Università Suor Orsola Benincasa Immaginate di vedere per la strada un’auto d’epoca, esteticamente affascinante, capace di ottime performances, ma a prezzo di consumi di carburante decisamente...

Come tutelare il nostro “oro blu”

Come tutelare il nostro “oro blu”

Iniziativa per la candidatura Unesco delle acque sorgive del Golfo a “patrimonio dell'Umanità”. I dati, le ipotesi “Facile aprire il rubinetto ed avere a disposizione una delle acque più pregiate, più controllate d’Italia. Ma ciò richiede un grosso sforzo tecnico, una...

Calcio, l’Italia s’è persa

Calcio, l’Italia s’è persa

Come ripartire dopo la delusione della Nazionale Riparte il campionato e sarà volata tutta d’un fiato fino al 22 maggio quando conosceremo l’esito del torneo più incerto ed emozionante da 10 stagioni a questa parte. Si riparte con gare importantissime ai fini della...

La figuraccia di Milano e l’esempio di Napoli

La figuraccia di Milano e l’esempio di Napoli

Il direttore d’orchestra russo Valery Gergiev cacciato dalla Scala di Milano solo perché non ha accettato l’imposizione di dire due parole contro Putin e contro la sua guerra prima di un’esibizione. Un corso sul grande scrittore russo Fedor Dostoevskij annullato alla...

La stazione che fa acqua da tutte le parti

La stazione che fa acqua da tutte le parti

Metropolitana, Salvator Rosa tra secchi di plastica e “portoghesi”. Una vergogna continua Il battagliero consigliere comunale Nino Simeone ne ha fatto, giustamente, un caso. Non si è mai visto, da nessuna parte al mondo, che per collaudare treni nuovi da immettere in...

Napoli, via Domenico Fontana: residenti in pericolo

Napoli, via Domenico Fontana: residenti in pericolo

È da venerdì 18 marzo che in via Domenico Fontana, all’altezza del civico 115, tra l’ingresso pedonale della Parrocchia di Santa Maria Antesaecula e l’accesso alto del Parco Montedonzelli, staziona un “senza fissa dimora”. Per quanto commossi dal senso di Pietas e dal...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te