I due ragazzi uccisi per sbaglio ad Ercolano: il giallo degli squilli. E l’importanza di rispondere al telefono

da | Nov 8, 2021 | Primo piano

Le indagini sul duplice omicidio dei due giovani di Portici, Giuseppe Fusella e Tullio Pagliaro –  uccisi il 29 ottobre a colpi d’arma da fuoco da un autotrasportatore di 53 anni, Vincenzo Palumbo, che li aveva scambiati per ladri mentre erano fermi (probabilmente per aver sbagliato strada) davanti alla sua villetta in una zona isolata di Ercolano – continuano per fare verifiche su una telefonata di quella notte al 113 della polizia che avrebbe preceduto quella al 112 dei carabinieri nella mezz’ora che passa dal momento degli spari alla segnalazione della tragedia (tra le 00,25-00,28 gli undici spari, mentre la telefonata ai carabinieri risulta alle 00, 54)… Sappiamo che i centralini sono spesso intasati. In ogni caso, anche se i soccorsi fossero scattati mezz’ora prima, i due giovani di 26 e 27 anni purtroppo non ce l’avrebbero fatta, data la gravità delle ferite.

Da un tragico fatto di cronaca – che ha colpito profondamente l’opinione pubblica già in allerta per la diffusa percezione di insicurezza – a una riflessione semiseria sulle “responsabilità” della comunicazione: l’importanza di rispondere al telefono (e ciò a prescindere dalle questioni di bon ton e di professionalità per non parlare  di stile).

Negli anni Cinquanta-Sessanta del Novecento quando esisteva solo il telefono fisso, per esempio, il professionista di livello evitava che ad alzare la cornetta da casa fossero i figlioletti… I bambini con le loro ciance avrebbero potuto far perdere tempo a qualcuno che telefonava per un motivo serio, urgente. Altra buona abitudine: tenere sempre un block notes con penna accanto al telefono, per segnare chi aveva chiamato in assenza del capofamiglia (o, non si sa mai, avrebbe potuto telefonare qualche parente in affanno, bisognoso di aiuto, di cui prendere un appunto)… Questo per non parlare dell’impressione sconsolante che ne deriva se a NON rispondere subito è il centralino del Comune o delle altre istituzioni (forze dell’ordine e vigili del fuoco compresi)… O, paradossalmente, di un quotidiano.

La sapete quella di quando ai tempi delle Brigate Rosse telefonò – a ora di pranzo – un terrorista ad un giornale per avvertire che era stata messa una bomba in un cassonetto dell’immondizia in una certa via (come si usava allora…) e il centralino rispose: “Chiamate più tardi. Mo’ non c’è nessuno. Sono andati tutti a mangiare”.

Ma in genere anche a quell’ora in redazione o in sala stampa c’era sempre qualcuno pronto a scattare

Quell’albero pericoloso  in piazza degli Artisti

Quell’albero pericoloso in piazza degli Artisti

A vederlo fa davvero paura. Basta sollevare gli occhi al cielo per accorgersi di quanto sia alto e fronzuto. Svetta nel pieno di piazza degli Artisti, un luogo frequentatissimo. Guardandolo da lontano e da vicino se ne ricava netta la sensazione di imminente pericolo....

E ora Adl metta mano al portafoglio

E ora Adl metta mano al portafoglio

Il Napoli, a dispetto di quanto sostiene Spalletti, presenta gravi lacune di organico in difesa Il Napoli negli anni scorsi (gestione De Laurentiis) per ben quattro volte si è piazzato al secondo posto e due volte ha conquistato il titolo di campione d’inverno. In...

È un’Italia da rifondare

È un’Italia da rifondare

La delusione per la mancata qualificazione fa rivivere periodi bui come l’esclusione ai Mondiali russi Lettori manzoniani, tifosi di calcio potrebbero chiedersi: “Fu vera gloria?”. Sembra passato un secolo dall’Europeo vinto a luglio. E la sentenza, purtroppo, non...

Femminicidio, serve una legge

Femminicidio, serve una legge

Appello del padre di Ornella Pinto al Capo dello Stato: “Norme specifiche ed efficaci” Nella notte tra il 12 e il 13 marzo una professoressa di 39 anni, Ornella Pinto, fu massacrata a coltellate nel sonno dall’ex compagno Pinotto Iacopino, 43 anni, mentre il loro...

Napoli nella top ten dei comuni più social d’Italia

Napoli nella top ten dei comuni più social d’Italia

È stata presentata ieri l’indagine di FPA sull’utilizzo dei social network in 107 comuni capoluogo che ha preso in esame una serie di indicatori per valutare l’efficacia della comunicazione social delle maggiori città italiane. In particolare, la ricerca ha...

Screening gratuiti, al Vomero il Camper della Salute

Screening gratuiti, al Vomero il Camper della Salute

Da questa mattina al Vomero a piazza degli artisti fino alle 18 il Camper della Salute dell’ASL Napoli 1 Centro offre gratuitamente, e senza prenotazione, visite ed esami per la prevenzione di eventuali patologie tumorali con la partecipazione di medici esperti del...

Galleria della Vittoria, il regalo di Natale

Galleria della Vittoria, il regalo di Natale

Potrebbe essere il vero regalo di Natale per tutti i napoletani, la riapertura della galleria della Vittoria. L’infrastruttura, chiusa da oltre un anno, ha rappresentato uno dei temi trainanti della campagna elettorale. Per gli automobilisti è una sorta di incubo e...

La paura del vaccino? È irrazionale

La paura del vaccino? È irrazionale

di Alberto Vito * La contrapposizione del pensiero tra chi valuta la profilassi come una salvezza e chi è perplesso Nel nostro Paese è iniziata la somministrazione della terza dose di vaccino anti-Covid per le persone “fragili”, affette da patologie importanti, e a...

Non spaventate l’aggressore!

Non spaventate l’aggressore!

Criminalità “diffusa” e camorristica. Troppi giovani tra le vittime. È emergenza armi ed educativa Qualora vi aggredisse un uomo armato, state attenti a non spaventarlo, perché magari non ha alcuna intenzione di sparare ma, se fate qualche gesto che potrebbe...

Napoli, lavora e sogna!

Napoli, lavora e sogna!

Spalletti ha rivitalizzato un ambiente che sembrava in piena crisi dopo il Verona Convinto e determinato, diretto come mai e con il suo sguardo, a tratti luciferino, Luciano Spalletti si era presentato così da allenatore di un Napoli dell’anno zero dopo la delusione...

La missione del nuovo sindaco

La missione del nuovo sindaco

Tutti i compiti di Manfredi per riparare dieci anni di guasti Come sempre accade quando ci si appresta a scrivere un articolo affiora la necessità di riordinare preliminarmente le idee, prima di passare a “mettere penna su carta”. Ma mai come in questa circostanza...

Manfredi, vittoria annunciata. E c’è un perché

Manfredi, vittoria annunciata. E c’è un perché

Spentosi l’entusiasmo per la schiacciante vittoria di Gaetano Manfredi, neo sindaco di Napoli, appare opportuna, per non dire obbligatoria, una riflessione più serena sull’esito della competizione elettorale. Sine ira ac studio, avrebbe detto Tacito. Quindi più...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te