Salernitana ko. Nonostante una prestazione non delle migliori da parte del Napoli, la decima vittoria è servita

Derby che mancava da tantissimo in serie A, quella tra le due campane Napoli e Salernitana è una partita che presenta importanti riscontri per chi si aggiudica i 3 punti, i padroni di casa hanno bisogno di ossigeno essendo in piena zona retrocessione, mentre gli azzurri con la vittoria possono staccare il Milan in attesa della partita di San Siro.

Inizia il match con gli azzurri in pieno controllo del gioco, i padroni di casa si difendono cercando di sfruttare qualche buona ripartenza. Al minuto 7 primo vero pericolo per la porta di Belec, Di Lorenzo calibra un cross basso per Zielinski che tutto solo davanti al portiere non trova la porta. Un paio di minuto più tardi è Lozano a sfiorare il vantaggio con un bel colpo di testa che finisce di poco altro. Non è un errore di scrittura, ma il primo tempo finisce, purtroppo non ci sono altre occasioni degne di nota, il Napoli non riesce a trovare mai la porta nei primi 45 minuti, i due portieri risultano spettatori non paganti, l’unico tiro in porta, se così si può chiamare, è di Bonazzoli che da fuori area con il sinistro praticamente passa la palla ad Ospina. C’è bisogno di un secondo tempo con più convinzione, non basta comandare il gioco, bisogna affondare il colpo e senza Osimhen gli azzurri sembrano spuntati, con un Mertens che non riesce mai ad accendersi, Lozano completamente assente se non sul colpo di testa finito alto e la solita prestazione di Zielinski in ombra.

Secondo tempo che inizia con i padroni di casa più convinti a spingere sull’acceleratore, ma dopo un’interruzione di gioco di 3 minuti, per infortunio di Di Tacchio, gli azzurri riprendono le redini del gioco. Spalletti al quarto d’ora della ripresa, decide di effettuare i primi cambi, dentro Elmas e Petagna per un assente Lozano e uno spento Mertens. Prima azione con i subentrati e Napoli in gol, Elmas per Zielinski che sul filo del fuorigioco tira addosso a Belec, la palla finisce a Petagna il quale con una torsione riesce ad inquadrare la porta ma la palla si stampa sulla traversa, sulla ribattuta c’è Ruiz ma la deviazione vincente è di Zielinski. Al minuto 70 la Salernitana resta in 10, brutto fallo di Kastanos, Fabbri inizialmente ammonisce poi richiamato dal Var da il rosso diretto al numero 20. 6 minuti più tardi anche il Napoli resta in 10, Koulibaly fa fallo da ultimo uomo, il Signor Fabbri deciso mostra il rosso diretto al senegalese. La Salernitana ci crede e sfiora il vantaggio su calcio d’angolo, Ospina attento blocca. Dopo quasi 8 minuti di recupero Fabbri manda tutti sotto la doccia.

Importantissima vittoria del Napoli che in una serata dove la prestazione risulta non particolarmente positiva, riesce comunque a strappare i 3 punti, in attesa della sfida dell’Olimpico tra Roma e Mila, stacca appunto i rossoneri confermandosi primo in classifica, volando a +16 sulla vecchia signora.