La laurea in Napoletanità ideata da Francesco Spinosa

da | Ott 16, 2021 | Cronaca

Si è conclusa con un grandissimo riscontro di pubblico e critica la tredicesima edizione della Crociera della Musica Napoletana, l’evento transnazionale, esperienziale ed emozionale organizzato da Scoop Travel a bordo delle navi della Msc Crociere, evento che tende a valorizzare nel corso di una settimana di navigazione del Mediterraneo, la canzone, il teatro, la lingua, le arti figurative e tutto ciò che fa parte dell’espressione artistica e del patrimonio culturale partenopeo. Svoltasi dal 4 all’11 ottobre a bordo di Msc Seashore, attraverso le città di Napoli, Messina, Malta, Barcellona, Marsiglia, Genova, Napoli, la tredicesima edizione si è rivelata un evento ricco di qualità nei suoi ospiti. Testimonial di eccezione si è rivelato Andrea Sannino, l’artista che oggi meglio incarna la buona e sana musica classica napoletana.

Le performance teatrali sono continuate poi le altre sere sempre a teatro con l’esilarante esibizione di Peppe Iodice, maestro di sana comicità napoletana. Autentica sorpresa si è rivelato lo show di Diego Sanchez, mentre protagonista assoluto delle lezioni di napoletanità e storia della lingua napoletana si è dimostrato il professor Amedeo Colella, che con un tono leggero e spensierato ha raccontato, nel corso di 5 conferenze, l’etimologia di tutte le principali espressioni idiomatiche napoletane ed i piatti tipici della gastronomia regionale, le cui denominazioni abbracciano tutte le lingue europee, dal greco antico allo spagnolo e al francese parlato dalle dinastie reali che per secoli si sono avvicendate sul trono del Regno di Napoli. Nel corso dell’ultimo appuntamento, novità assoluta di questa edizione, a tutti i passeggeri è stata consegnata dopo un esame di Napoletanità una laurea ad personam, consegnata da una commissione di Professori Universitari della Gennarino II (ateneo nato per l’occasione) rigorosamente in abito universitario investendo tutti della carica di ambasciatori della cultura Napoletana invitando tutti a diventare dei paladini a difesa della nostra città e della nostra cultura. Insomma, l’edizione del dopo pandemia, ha dato grande soddisfazione. Francesco Spinosa, ideatore dell’evento, ha ribadito ancora una volta come una piccola azienda sia riuscita a fungere da esempio per lo sviluppo di numerose iniziative private dedicate alla valorizzazione delle eccellenze cittadine, atte a mostrare al mondo che Napoli non è solo la capitale di tutti i mali del Paese dipinta dai media, ma una città che rivendica la propria centralità e leadership nel bacino del Mediterraneo.

“Agropoli più pulita”: le parole di Maria Cuono

“Agropoli più pulita”: le parole di Maria Cuono

La giornalista Maria Cuono direttrice di Newspage Allinfo, scrittrice e docente di materie umanistiche presso l’Istituto Vico De Vivo di Agropoli spinta da rapporti amichevoli ha deciso di scendere in campo a sostegno del candidato a sindaco Elvira Serra nella lista...

Fermo amministrativo, come difendersi

Fermo amministrativo, come difendersi

Lo Studio legale Rubinacci-Molaro spiega le modalità di verifica e i casi in cui è possibile fare ricorso Questo mese, lo Studio legale degli avvocati Giovanni Rubinacci ed Andrea Molaro, prende in esame l’annosa questione del fermo amministrativo, “tanto cara” per...

Via al Mam, museo aperto della metro

Via al Mam, museo aperto della metro

Il Comune rilancia il Mam, il Museo Aperto della Metropolitana, un progetto innovativo finalizzato a valorizzare le opere pubbliche che fanno parte del patrimonio artistico della metropolitana cittadina. Otto grandi imprese italiane sono pronte a investire al fine di...

Affido, tema di attualità. Se ne parla a Pompei

Affido, tema di attualità. Se ne parla a Pompei

A Pompei un convegno su un tema di scottante attualità. “L’affido, una scelta d’amore” è il tema di studio nazionale scelto dai Lions e fatto proprio dai Lions Distretto 108 YA  e per esso dal presidente del Comitato Marina Latella e dal componente del Comitato per la...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te