Definitivamente chiuse 4 filiali di Intesa (ex Banco Napoli) e tutte della zona collinare

da | Ott 16, 2021 | Primo piano

Definitivamente chiuse da oggi, sabato 16 ottobre, ben quattro filiali di Intesa San Paolo spa (ex Banco di Napoli) e tutte della zona collinare. Si tratta degli sportelli di via Aniello Falcone, di piazza degli Artisti, di piazza Muzii all’Arenella e di via Girolamo Santacroce. I clienti erano stati avvertiti, ma oggi s’è registrato qualche disagio  per gli utenti occasionali che avevano necessità di fare prelievi: bancomat fuori uso  ed aria di smobilitazione…

“Si chiudono le sedi piccole per potenziare le principali”, sibila frettolosamente uno degli impiegati che stanno  trasferendo il materiale cartaceo in  scatoloni da portare via. Secondo rumors non confermati, ci sarebbero altre filiali a rischio (lo stop a quella di via Manzoni  arebbe slittato di qualche mese).

 I clienti delle quattro filiali vomeresi  appena abolite ora dovranno fare capo alla sede di via Merliani  o  a quella di  San Giacomo dei Capri.  Una novità che determina non pochi disagi, soprattutto alla clientela anziana con difficoltà a spostarsi e poco avvezza all’home banking  (operazioni bancarie da casa per via telematica)…  Intanto decine di impiegati della zona collinare (in altre aree della città, alcuni dipendenti  sono mantenuti ancora  a lavorare da casa in smart working, dall’inizio della pandemia) temono di  essere  sballottati tra le restanti filiali prima di lasciare definitivamente l’impiego…  “Con la chiusura delle quattro filiali”, ipotizza un altro dei dipendenti trasferiti, “aumenterà considerevolmente il carico di lavoro per  gli impiegati che operano nelle sedi principali, per cui è prevedibile che,  anche in caso di urgenze (vedi operazione per il rinnovo di carta bancomat smagnetizzata o perduta!) bisognerà attendere un bel po’ per ottenere un appuntamento: si immagini la ressa, specialmente in  occasione delle scadenze fiscali, con relativi assembramenti… ”.  Ma  a quanto pare  le sedi restanti sono già state ampliate (ieri si notavano operai al lavoro in via Merliani) e potenziate con l’arrivo di nuovo personale.

Per moltissimi cittadini dunque cambiano le filiali e anche le coordinate bancarie (numero del rapporto e codice Iban) ma Intesa San Paolo nelle comunicazioni spedite ai clienti assicura che dopo il cambio dell’Iban  “i bonifici in entrata che perverranno con indicazione del vecchio codice Iban verranno reindirizzati automaticamente verso il nuovo Iban  per un periodo di dodici mesi”.  Gli ordini permanenti di bonifici in uscita dal proprio conto “continueranno ad essere eseguiti normalmente”. E che anche per gli addebiti diretti (o domiciliazioni)  autorizzati sul proprio conto  non ci saranno problemi. “Nulla cambia per quanto riguarda le condizioni economiche e contrattuali e le deleghe”.

La razionalizzazione delle filiali ovviamente  rientra in una strategia nazionale, riguarda anche altre regioni. Secondo un accordo sindacale raggiunto alla fine del 2017  il piano di Intesa San Paolo prevedeva l’uscita volontaria di novemila persone e la chiusura di circa 1100 filiali e ciò nell’ambito di fusioni  tra alcune delle  12 controllate in un’ottica di riduzione dei costi.  A fronte delle uscite,  in quel piano – ma non sappiamo se poi ci siano stati cambiamenti –  era prevista l’assunzione di 1650 nuove risorse…

Il Banco di Napoli (una delle più antiche banche al mondo la cui origine  risale al 1463) fu assorbito ufficialmente nel 2002 dal gruppo San Paolo di Torino e poi sono seguite altre trasformazioni societarie. Il gruppo Intesa opera in tutto il mondo, dal Messico alla Cina.

Suor Orsola parla le “lingue” del lavoro

Suor Orsola parla le “lingue” del lavoro

di Giovanni Basile Innovazione didattica e placement dei laureati: la soddisfazione degli studenti dell’Ateneo napoletano La laurea conseguita all’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli risulta più efficace del 15% rispetto alla media nazionale. È quanto emerge...

E a Salvator Rosa i secchi ormai sono “decori”

E a Salvator Rosa i secchi ormai sono “decori”

Non appena piove a Napoli, nella stazione Salvator Rosa della Linea 1 della metropolitana, spuntano diversi secchi che vengono posizionati dal personale dell’Anm per raccogliere l’acqua piovana che cade dall’alto e arriva fino alla banchina. I secchi ormai sono...

La prima metro al mondo chiusa per umidità

La prima metro al mondo chiusa per umidità

Stop alla stazione Università fino al 15 ottobre. Pavimentazione da sostituire: “materiale non idoneo” A poco più di 11 anni dall’inaugurazione la stazione metropolitana di piazza Bovio necessita di 4 mesi di lavori per sostituire le “pregiate pavimentazioni” con un...

Napoli e la “deriva americana”

Napoli e la “deriva americana”

Finora esente dagli assalti a sfondo razziale che partono dai ghetti (come avvenuto il 2 giugno nel Milanese) L’escalation di risse, pestaggi, accoltellamenti, ragazzini che puntano le pistole contro le forze dell’ordine, ha fatto parlare di “deriva americana” a...

Una Cittadella universitaria da Oscar

Una Cittadella universitaria da Oscar

Da Leonardo Di Costanzo a Nicola Giuliano: straordinario successo ai David di Donatello 2022 per i “Grandi Maestri” del Cinema dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli Si può ormai definire una formazione accademica ‘da Oscar’ quella dell’Università Suor Orsola...

E ora il “branco” va in spiaggia…

E ora il “branco” va in spiaggia…

Non bastava la mala-movida. Ancora gravi i due minorenni accoltellati a Marechiaro. Il mare negato Non bastava la mala-movida notturna, adesso con l’arrivo della bella stagione c’è da fronteggiare anche la violenza collegata all’afflusso alle località balneari,...

Napoli, il futuro è da inventare

Napoli, il futuro è da inventare

Il terzo posto non può diventare il punto di arrivo per una società ambiziosa e per tifosi appassionati Sarà il Milan o l’Inter a fregiarsi del triangolino tricolore ai tifosi del Napoli interessa poco. La delusione, nonostante il terzo posto e la qualificazione...

Il cinema napoletano in cattedra ai David di Donatello

Il cinema napoletano in cattedra ai David di Donatello

Da Leonardo Di Costanzo a Nicola Giuliano: ben 12 nomination ai “Grandi Maestri” dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli Questa sera (diretta su Rai Uno dalle 21.25) negli studi di Cinecittà per la cerimonia di premiazione della 67esima edizione dei David di...

Napoli, riapre al pubblico la passeggiata al Molo San Vincenzo

Napoli, riapre al pubblico la passeggiata al Molo San Vincenzo

Una meravigliosa e poco conosciuta area di Napoli verrà gradualmente aperta ai cittadini, così come promesso dal Sindaco di Napoli Gaetano Manfredi fin dall'inizio. L'intervento fa parte di un progetto più ampio di passeggiata sul mare, finanziato dal Contratto...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te