Ricerca sulle malattie pediatriche rare, la donazione dell’associazione Piccolo Grande Amore

da | Ott 15, 2021 | Cronaca

L’associazione Piccolo Grande Amore ha consegnato 10.000 euro al Centro Nemo Ospedale Gemelli di Roma per la ricerca delle malattie pediatriche rare.
L’amore genera sempre piccoli grandi miracoli, perché consente di trovare la forza e la motivazione per realizzare sogni e progetti, anche quando sembrano impossibili.
Ed è proprio l’amore per i più piccoli, bisognosi di cure mediche speciali, che ha motivato l’associazione Piccolo Grande Amore, nella realizzazione di un evento benefico “Guerrieri
per La Ricerca” con l’obiettivo di raccogliere fondi da destinare alla ricerca di malattie pediatriche rare.

L’undici settembre, data dell’ evento, grazie alla sinergia di tutti i membri dell’associazione, ai tanti sostenitori e ad ogni singolo donatore, sono stati raccolti cinquemila e cinquecento
euro, la restante parte è stata aggiunta in seguito grazie anche a donazioni personali dei membri del direttivo.
Col cuore straripante di gioia, il dodici ottobre, una rappresentanza dell’associazione costituita dal presidente Alfonso Malafronte, dal vice Presidente Giuseppe De Rosa, la segretaria Anna Tramparulo, il tesoriere Giordano Raffaele e i consiglieri  Maria Teresa Sansone, Domenico Abagnale, Massimo Cannavacciuolo,  ha consegnato alla dott.ssa Marika Pane, direttrice dell’area pediatrica del Centro Nemo Ospedale Gemelli di Roma, la considerevole cifra di diecimila euro da destinare alla ricerca per le malattie pediatriche rare come: SMA, SLA e Distrofia Muscolare.

Il direttivo è stato accolto con grandissimo affetto e gratitudine perché le donazioni sono linfa vitale per tali centri al fine di consentire agli stessi di svolgere il loro delicato lavoro.
La ricerca è l’unica arma che può donare a questi piccoli guerrieri la speranza di un futuro migliore.
All’associazione è stata inoltre donata una targa come encomio per l’operato svolto per sostenere il Nemo e per suggellare una futura e proficua collaborazione onde assicurare approvvigionamenti continui che possano sostenere i ricercatori. Le forti emozioni hanno reso questo giorno indimenticabile, perché l’idea di donare una speranza, un futuro, un sogno ai bambini rende nobile ogni causa e lieve ogni fatica.
Ed è proprio sulla scia di queste straordinarie e indimenticabili sensazioni che l’ associazione “Piccolo Grande Amore” sta già progettando nuove importanti iniziative, perché la ricerca non può e non deve fermar

“Agropoli più pulita”: le parole di Maria Cuono

“Agropoli più pulita”: le parole di Maria Cuono

La giornalista Maria Cuono direttrice di Newspage Allinfo, scrittrice e docente di materie umanistiche presso l’Istituto Vico De Vivo di Agropoli spinta da rapporti amichevoli ha deciso di scendere in campo a sostegno del candidato a sindaco Elvira Serra nella lista...

Fermo amministrativo, come difendersi

Fermo amministrativo, come difendersi

Lo Studio legale Rubinacci-Molaro spiega le modalità di verifica e i casi in cui è possibile fare ricorso Questo mese, lo Studio legale degli avvocati Giovanni Rubinacci ed Andrea Molaro, prende in esame l’annosa questione del fermo amministrativo, “tanto cara” per...

Via al Mam, museo aperto della metro

Via al Mam, museo aperto della metro

Il Comune rilancia il Mam, il Museo Aperto della Metropolitana, un progetto innovativo finalizzato a valorizzare le opere pubbliche che fanno parte del patrimonio artistico della metropolitana cittadina. Otto grandi imprese italiane sono pronte a investire al fine di...

Affido, tema di attualità. Se ne parla a Pompei

Affido, tema di attualità. Se ne parla a Pompei

A Pompei un convegno su un tema di scottante attualità. “L’affido, una scelta d’amore” è il tema di studio nazionale scelto dai Lions e fatto proprio dai Lions Distretto 108 YA  e per esso dal presidente del Comitato Marina Latella e dal componente del Comitato per la...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te