Hirohito, l’esploratore e quel granchio gigante. Passa per la cultura il legame tra Napoli e il Giappone

da | Ott 7, 2021 | Primo piano

Napoli e il Giappone: un legame che passa anche attraverso  “L’Orientale”, il più antico centro di sinologia e orientalistica  d’Europa, e attraverso la rete di relazioni di questa università  (il professor Giorgio Amitrano, ordinario di Lingua e letteratura giapponese nonché traduttore di  Murakami e di Banana Yoshimoto,  vissuto per anni a Tokyo, è tra i pochi italiani insigniti dell’onorificenza dell’Ordine del Sol Levante). Napoli  e la città giapponese Kagoshima (simili per lo skyline e per il clima) sono gemellate da sessant’anni… Al Museo archeologico nazionale si è appena conclusa – in collaborazione con l’associazione “L’altro Giappone” – una rassegna sul Paese del Sol Levante (e già si progetta una importante rassegna  del Mann  a Tokyo nel 2022).

Un rapporto solido, animato dalla reciproca ammirazione per le rispettive culture.

Particolare rilevanza storica rivestì, cento anni fa, la visita a Napoli del principe ereditario Hirohito che,  dopo un viaggio di sei mesi con visite di Stato nelle capitali europee,  volle  assolutamente conoscere la nostra città  come turista, prima di ripartire per il suo Paese (dove di lì a poco sarebbe diventato imperatore)…  Ne abbiamo già parlato il 29 aprile scorso, ma ecco altri particolari inediti, rivelati su storiedinapoli.it dallo scrittore Federico Quagliuolo, che ci consentono di ricostruire quei  giorni.

Hirohito arrivò a Napoli in treno  Il 17 luglio 1921, il sindaco era Alberto Geremicca  che in poco tempo riuscì a organizzare un’accoglienza all’altezza della situazione. A riceverlo, il duca di Spoleto. Per la parata al corso Umberto,  fu la famiglia Maffettone a prestare la più bella carrozza a cavalli della città. Il giovane Hirohito volle assolutamente conoscere l’ingegnere esploratore Umberto Nobile (tra i primi nella storia a raggiungere, con una trasvolata in dirigibile, il Polo Nord)  e durante la visita alle industrie aeronautiche a Capodichino incontrò pure Francesco De Pinedo, altro leggendario aviatore.  In cacciatorpediniere si recò a Torre Annunziata e a Torre del Greco per visitare  le fabbriche  di lavorazione del corallo e da qui, in automobile, a Pompei.  Poi una puntata a Capri dove però, causa mare agitato, non riuscì a visitare la grotta azzurra…

Ripartì in nave da Napoli dopo tre giorni, il 19 luglio, carico di meraviglie e di “ricordi dolcissimi” come poi avrebbe rivelato  egli stesso nel 1984 ad Alfonso Maffettone, corrispondente dell’Ansa da Tokyo,  unico giornalista ad essere stato mai ricevuto nel Palazzo imperiale. Maffettone gli aveva donato delle foto della visita a Napoli che erano state scattate dal nonno (proprietario della carrozza per la sfilata al Rettifilo). Hirohito non aveva alcuna immagine di quella visita  a Napoli perché i fotografi giapponesi, una volta concluso il viaggio ufficiale, se n’erano andati…  e gradì molto quel “pensiero“ che gli ricordava la sua gioventù.

Nel 1921 tra gli accompagnatori di Hirohito c’era l’ammiraglio Isoroku Yamamoto  (che nel 1941 avrebbe organizzato l’attacco di Pearl Harbor). Furono elargite onorificenze al sindaco Geremicca. E alla città di Napoli, il dono di un granchio gigante, esemplare rarissimo di un crostaceo che vive nelle acque del Pacifico (Hirohito era appassionato di biologia marina). Un dono di valore. Dopo cento anni, quel granchio è ancora esposto in bella vista nel Museo di scienze naturali della facoltà di Zoologia della Federico II.

Cosa spinge le persone ad essere cattive?

Cosa spinge le persone ad essere cattive?

di Cinzia Rosaria Baldi * La psicologia può spiegare perché accadono fenomeni di estrema crudeltà come le violenze nel carcere a S.M. Capua Vetere Le atroci  violenze avvenute nel carcere a S.M. Capua Vetere lo scorso anno in pieno lock down e portate alla ribalta...

Il caso di Chiara, 15 anni, uccisa da un amico di 16 anni

Il caso di Chiara, 15 anni, uccisa da un amico di 16 anni

I giovani bombardati dal brutto e dal male che toglie la speranza. Genitori distratti, il silenzio degli scienziati L’omicida  sedicenne  ora racconta che sentiva la voce del diavolo,  turbato dalla serie  televisiva  “Lucifer”,  ma la razionalità dimostrata con i...

I giallorossi rivivono solo a Napoli

I giallorossi rivivono solo a Napoli

Pd e 5 Stelle uniti nel sostenere il candidato sindaco Manfredi. Ma ce la faranno a vincere? A Napoli si risperimenterà, per il momento caso unico in Italia, la coalizione Pd-5Stelle. Ricordate, è quell’alleanza tra forze assolutamente incompatibili, contro natura,...

Noemi e il murale della speranza

Noemi e il murale della speranza

“Street art” ideata dalla bambina che fu ferita in piazza Nazionale. No ai modelli negativi per i giovani Un messaggio di speranza partirà oggi da piazza Nazionale dove, salvo ritardi nell’erogazione dei permessi, nell’anfiteatro centrale sarà disegnato un murale per...

Gattuso da incapace a fenomeno

Gattuso da incapace a fenomeno

Come i media napoletani hanno trattato l’allenatore protagonista di una stagione fra luci e ombre C’è una sorta di schizofrenia dell’informazione sportiva che atavicamente si accompagna al cammino del Napoli Calcio. E mai come in questo frangente essa si è palesata...

Italia tutta gialla si torna a vivere

Italia tutta gialla si torna a vivere

Indice rt in discesa: da lunedì in tutte le regioni sarà possibile sedersi in bar e ristoranti Si torna a vivere. Come prima e più di prima. Stando attenti a non commettere l’errore di creare inutili assembramenti e circolare senza mascherine, ovviamente. Dopo la...

Voglia di tornare in campo

Voglia di tornare in campo

di Cinzia Rosaria Baldi* Il 26 aprile è stato  il giorno più atteso da adulti e ragazzi:  a Napoli è ripresa l'attività sportiva anche di contatto ma all'aperto. Un sospiro di sollievo per i tanti amanti del calcetto e dello sport amatoriale in generale, ma...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te