Il Napoli piega anche la Fiorentina, Lozano nel primo tempo e Rrahmani nel secondo, ribaltano il risultato al Franchi e sono 7 vittorie su 7 per gli azzurri di Spalletti che sono sempre più primi a punteggio pieno.

Il Napoli piega anche la Fiorentina – Fiorentina Napoli è la prova del nove per gli azzurri, la squadra di Spalletti è chiamata a riscattare subito il passo falso fatto in Europa League, di fronte non un avversario facile, la Fiorentina di Italiano sta dimostrando di essere una squadra tosta e ben organizzata e con un centravanti che ha il vizio del gol. Il match inizia sotto una grossa influenza tattica, gli azzurri si difendono con ordine subendo il giro palla dei viola che in fase di non possesso effettuano un pressing alto e organizzato impedendo al Napoli di impostare l’azione. Ospina è chiamato ad un grande intervento dopo 18 minuti, Pulgar con un gran tiro potente trova la traiettoria giusta ma il portierone colombiano devia in angolo. Poco prima della mezz’ora arriva il vantaggio viola, su calcio d’angolo Vlahovic di destro rimette la palla in mezzo all’area, Martinez Quarta la gira alla spalle di Ospina portando i viola in vantaggio. Passano 10 minuti e il Napoli pareggia, Osimhen viene lanciato e affronta proprio Quarta che lo stende appena all’interno dell’area viola, rigore netto e ammonizione per il difensore, sul dischetto Insigne, il capitano si fa parare il tiro da Dragowski poi, prova a ribadire di testa ma sempre Dragowski contrasta il tentativo e la sfera finisce a Lozano che di destro la scaraventa in rete. Dopo il pareggio gli azzurri sembrano averne di più e, poco prima dell’intervallo, Osimhen sfiora il gol del vantaggio con un bellissimo gesto in rovesciata, con il portiere battuto la sfera esce di pochissimo lontana dall’incrocio dei pali.

Nel secondo tempo cambia la musica, anche se nei primi 2 minuti la viola sembra ancora pigiare sull’acceleratore, il Napoli alla prima occasione si porta in vantaggio, calcio di punizione dal vertice basso dell’area di rigore dei padroni di casa, Spalletti chiama a gran voce lo schema, Zielinski va in profondità e simula una incomprensione con Insigne che non gli serve la sfera, poi improvviso cross sul secondo palo di Zielinski e colpo di testa vincente di Rrahmani per il vantaggio Napoli. Immediata la reazione dei ragazzi di Italiano, gli azzurri dimostrano di saper soffrire e riescono a limitare, con il passare del tempo, le folate offensive dei viola. La partita scivola via con il Napoli che più volte si divora il terzo gol, prima con Osimhen, poi con Elmas che non riesce a deviare in porta un assist al bacio di Osimhen e ancora con Politano il quale si smarca bene e con il colpo giusto sul sinistro, calcia di poco a lato. Dopo 4 minuti di recupero l’arbitro decreta la fine del match.

Settima vittoria su sette partite degli azzurri che sono sempre più primi in campionato, grande reazione della squadra che non ha accusato alcun contraccolpo psicologico dopo la sconfitta di giovedì, era necessario dare subito una risposta positiva e risposta c’è stata, vittoria su un campo difficilissimo dove non sarà semplice per nessuno conquistare punti. Bello nel finale ritrovare in campo anche Dries Mertens.