Napoli: che sorpresa!

da | Set 25, 2021 | Calcio Napoli, InEvidenza

Grande inizio di stagione. E i tifosi tornano a seguire la squadra con passione

Dopo appena cinque giornate di campionato è pericoloso azzardare pronostici soprattutto in chiave partenopea, ma in generale si può affermare che le previsioni della vigilia secondo cui la stagione sarebbe stata contrassegnata da un equilibrio e un’incertezza come non si vedevano da anni, sono pienamente rispettate. Inter, Milan, Napoli, Roma, la “sorpresa” Fiorentina stanno confermando ciò che da loro ci si aspettava: voglia di gioco e di spettacolo e conseguente maggiore incertezza su un pronostico finale che fino a due stagioni addietro vedeva al massimo due squadre nettamente favorite per la vittoria. Le soprese in negativo, per ora, si limitano alla Juventus, cui neanche il ritorno di Allegri sembra aver restituito certezze antiche, personalità e carattere per raggiungere gli obiettivi fissati, e alla Lazio che sembra ancora molto lontana dall’aver “digerito” le idee calcistiche di Sarri. La stessa Atalanta di Gasperini nonostante i dieci punti non è ancora la squadra ammirata per il gioco nelle ultime stagioni. Insomma, è un campionato che, nonostante Dazn, appassiona per la sua incertezza e per un equilibrio di valori finora inedito.

Merito, grande merito, va ai tecnici sedutisi sulle panchine più importanti: da Mourinho che ha riportato entusiasmo e convinzione a Roma a Spalletti che, senza far proclami, s’è preso il Napoli per mano, per finire al giovane italiano della Fiorentina e a Simone Inzaghi che pian piano sta modificando l’impianto di gioco voluto da Conte per puntare a un possesso palla in grado di costruire un armonioso gioco di squadra. E venendo agli azzurri è un campionato dove il Napoli sta riempiendo la scena da protagonista grazie all’equilibrio tattico e alla serenità che Spalletti ha saputo infondere al gruppo e ai singoli. Un Napoli, cui il tecnico di Certaldo, senza abbandonare la linea tracciata da Gattuso, ha sviluppato nella squadra una consapevolezza di sè, un’autostima, che danno la sensazione forte di un gruppo che sa quel che vuole e soprattutto sa come arrivare all’obiettivo. Inutile far nomi singoli perché tutti, ma proprio tutti i giocatori hanno sin qui dimostrato un equilibrio e una maturità che si fondono in modo assolutamente armonioso nel gioco che la squadra esprime, regalando spettacolo e divertimento ai tifosi e voglia di giocare divertendosi agli stessi protagonisti in campo. I tasselli sono tutti al posto giusto e Spalletti gestisce rosa e partite con grande intelligenza e acume tattico. Vien da pensare a quello che potrà essere il Napoli quando saranno disponibili anche Demme, Mertens e Lobotka e magari anche Ghoulam. Perché se ci sarà la giusta continuità non sarà vietato pensare a qualcosa di più importante del quarto posto. Perché per ora non è un sogno questo Napoli ma una splendida realtà che può far sognare per il futuro, senza creare però illusioni al momento perché occorrerà vedere come reagirà la squadra agli inevitabili cali di flessione atletica, senza contare a un gennaio priva dei suoi pezzi migliori per la partecipazione alla Coppa d’Africa. Una certezza per ora c’è: Luciano Spalletti, tornato con una “voglia” di allenare contagiosa, che in questo momento fa la differenza nel gruppo e in campionato. Un torneo, forse, dai toni tecnici minori per l’addio di molti big ma stiamo scoprendo con piacevole sorpresa un campionato che con la forza delle idee degli allenatori in panchina si sta rivelando incerto e terribilmente… vero, e il Napoli sta recitando un ruolo da protagonista, un ruolo che anche grazie al ritorno dei tifosi sugli spalti del Maradona potrebbe regalargli inaspettate e piacevoli soprese.

Dieci anni del Napoli femminile

Dieci anni del Napoli femminile

Una festa che meglio non poteva riuscire. I dieci anni del Napoli Femminile dalla prima promozione in A sono stati un tripudio di emozioni, ricordi, sfrenata allegria e anche calcio. Un evento organizzato con dovizia di particolari dal gruppo fondatore della società...

La prima metro al mondo chiusa per umidità

La prima metro al mondo chiusa per umidità

Stop alla stazione Università fino al 15 ottobre. Pavimentazione da sostituire: “materiale non idoneo” A poco più di 11 anni dall’inaugurazione la stazione metropolitana di piazza Bovio necessita di 4 mesi di lavori per sostituire le “pregiate pavimentazioni” con un...

Napoli, l’aria è pesante

Napoli, l’aria è pesante

Giocatori che vanno via, altri che vogliono andar via, il futuro azzurro è tutto da inventare, e Spalletti… Insigne emigrato d’oro in Canada, Ospina che stacca il telefono che manco “piange”, ricordando una bella canzone di Domenico Modugno, Ciro Mertens che dal...

Procuratori? No, mediatori

Procuratori? No, mediatori

Scandalo infinito, impazza il calciomercato e crescono gli affari. Il coraggio di Iervolino che si è ribellato Le vicende quasi parallele del divorzio di Sabatini dalla Salernitana e della richiesta dei legali di Mertens (4 milioni netti più 800 mila euro di...

De Laurentiis basta prendere in giro i tifosi

De Laurentiis basta prendere in giro i tifosi

Presidente De Laurentiis ora basta! Adesso stai esagerando, continuando a prendere in giro un popolo di tifosi calorosi e appassionati che hai anestetizzato con le tue controverse esternazioni prive di senso. Anzi, a senso unico: il tuo. Hai sempre messo in cattiva...

Santo subito

Santo subito

Gioite amori, amorini e Cupidi. Abbiamo un santo in più che ci protegge e si espone all'umano sacrificio di sofferenze e critiche feroci come novello Salvatore. E' lui, San Aurelio da Roma, cittadino del mondo ora innamorato perso di Partenope e dei suoi abitanti,...

De Luca trasforma in positivi i primati negativi della regione

De Luca trasforma in positivi i primati negativi della regione

De Luca, dopo un periodo di “appannamento mediatico” sta tornando al proscenio con tutta la sua carica comunicativa. E lo fa, per non smentirsi, nel bene e nel male. Replica, ad esempio, alla stravagante inchiesta della Procura di Napoli sugli appalti durante la prima...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te