Casa Fiorinda, la visita a sorpresa di Federica Pellegrini

da | Set 25, 2021 | Cronaca

“Grazie alle operatrici che danno pieno sostegno a Donne coraggiose

Visita a sorpresa di Federica Pellegrini a Casa Fiorinda a Napoli. L’atleta azzurra ha trascorso una serata in compagnia con le ospiti della casa per donne maltrattate Fiorinda.

Un luogo fisico di accoglienza e solidarietà dove poter sperimentare, attraverso la relazione tra donne, che uscire dalla violenza è possibile. Dove le violenze più indicibili possono trovare ascolto, un luogo dove le parole possono trasformarsi in progetti e in azioni per ricostruire una vita libera dalla violenza.

“Grazie a Casa Fiorinda e a tutte le operatrici che danno pieno sostegno a DONNE coraggiose ……(per ovvie ragioni di sicurezza qui nella foto sono presenti solo le operatrici e l’assessore ma non le ragazza della #casaprotetta)” ha scritto su Instagram la Pellegrini che ha visitato la casa con l’assessore alle politiche sociali del Comune di Napoli Donatella Chiodo.

“Oggi mi sono recata, insieme a Federica Pellegrini, a Casa Fiorinda, la casa comunale destinata alle donne vittime di violenza. Abbiamo trascorso un po’ di tempo insieme ascoltando i loro racconti difficili. Che il loro coraggio sia da esempio per tutte le donne che non riescono a farlo” il pensiero dell’assessore Chiodo.

Un’ora in cui Federica Pellegrini ha chiesto la storia delle ragazze, dei bambini, il percorso che le ha portate alla denuncia e allo stesso modo i timori che hanno nel tornare semplicemente a passeggiare. Tutte insieme sedute in cerchio. Donne che hanno parlato a donne raccontando le loro paure, le loro speranze, i loro percorsi come amiche di sempre

Da Las Vegas a Monte Carlo: le città celebri per i loro casinò

Da Las Vegas a Monte Carlo: le città celebri per i loro casinò

Oggi sentiamo spesso parlare di casinò e di gioco d’azzardo, soprattutto per via del boom della loro controparte digitale registrato negli ultimi anni. Se è vero che il gambling si sta trasferendo in maniera sempre più consistente sul web, il fascino di alcune città...

Ascensore del Monte Echia, è battaglia

Ascensore del Monte Echia, è battaglia

Dopo il vano Sos a Franceschini, i comitati: “La legge è con noi, ricorreremo alla magistratura” Per il ministro Franceschini non ci sono le condizioni per “revocare” l’approvazione della Sovrintendenza territoriale alla realizzazione dell’ascensore (di collegamento...

Linea 1, corto circuito durante il test del nuovo treno

Linea 1, corto circuito durante il test del nuovo treno

Ieri sera intorno alle 23 si è verificato un problema tecnico durante i test per la messa in esercizio del primo treno di fornitura Caf per la Linea 1 di Anm. Un sovraccarico correlato a un corto circuito sul treno ha creato dei forti surriscaldamenti e fumi tra il...

Vomero, eseguita ordinanza per uno scippo

Vomero, eseguita ordinanza per uno scippo

Nei giorni scorsi gli agenti del Commissariato Vomero hanno eseguito un’ordinanza di applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari emessa lo scorso 25 giugno dal G.I.P. del Tribunale di Napoli su richiesta della locale Procura della Repubblica nei...

Ischia, si gode beatamente una serie tv mentre guida: multato

Ischia, si gode beatamente una serie tv mentre guida: multato

Controlli a tappeto anche sull’isola di Ischia, nell’ambito di un servizio disposto dal Comando Provinciale Carabinieri di Napoli. I militari della Compagnia locale hanno identificato 147 persone e controllato 61 veicoli. Quindici le contravvenzioni notificate: gran...

Villa Domi, piantato l’ulivo per il “Giardino della Memoria”

Villa Domi, piantato l’ulivo per il “Giardino della Memoria”

Il progetto internazionale "Il Giardino della Memoria" si è svolto il  22 giugno nella città di Napoli (Italia), nel giorno del "Ricordo e dolore", in occasione dell'80° anniversario dell'inizio della Grande Guerra Patriottica.  Il Consolato Onorario della Federazione...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te