Genoa-Napoli 1-2 gol vittoria di Petagna e Marassi espugnato

da | Ago 29, 2021 | Calcio Napoli

Genoa-Napoli 1-2, gol del primo vantaggio di Fabian Ruiz, i padroni di casa pareggiano con Cambiaso, poi la mossa vincente di Spalletti, dentro Petagna che dopo 2 minuti firma il gol vittoria.

Genoa-Napoli è il momento del riscatto per gli azzurri, lo scorso campionato a Marassi gli azzurri persero sotto i colpi di Pandev. Spalletti senza lo squalificato Osimhen e l’infortunato Zielinski, si affida a capitan Insigne per sostituire il nigeriano, mentre a centrocampo Elmas sostituisce il polacco.

Inizia il match, il Napoli mostra fin da subito la sua organizzazione di gioco, infatti, dopo pochi minuti sfiora subito il vantaggio con Lozano, il chuky viene trovato da un bel cross di Politano, buono il movimento della squadra per arrivare al cross e buono il movimento del messicano che da buona posizione colpisce di testa ma spedisce la palla alta sopra la traversa. Il capitano azzurro tra i piĂą vivaci del primo tempo, sfiora per ben due volte il vantaggio, una prima volta dettando il passaggio in profonditĂ  con il suo movimento, servito da Lobotka, controlla in area e calcia di destro, palla deviata e Sirigu salvato solo dal palo, la seconda volta il portiere italiano del Genoa deve respingere il destro potente di Insigne che si crea l’occasione con un controllo perfetto in area. Il Genoa nonostante le varie occasioni del Napoli, risulta ben organizzato nel contrastare i partenopei, spingendosi anche piĂą volte in attacco dove, in un occasione di svarione della difesa partenopea, trova Meret a respingere la sfera evitando il gol dei padroni di casa. A 5 minuti dalla fine, il Napoli passa, bella manovra della squadra azzurra, Insigne ritorna al suo posto scambiandosi con Lozano, il capitano cambia campo con precisione su Politano, l’esterno offensivo azzurro controlla e rientra sul sinistro, scarica per il vicino Fabian Ruiz il quale elude la marcatura con una finta e calcia da fuori area con il sinistro alla destra di Sirigu che non arriva sulla sfera, 0-1.

Secondo tempo che inizia non al meglio per il Napoli, la squadra partenopea rientra in campo non con la stessa convinzione de primi 45 minuti, a causa anche di un Genoa che inizia la ripresa con piĂą aggressivitĂ  e con un Pandev in piĂą. Passano 5 minuti e i padroni di casa trovano il pareggio, lancio di Sturaro verso l’area di Meret, il portiere esce in presa alta ma Buksa lo colpisce facendolo cadere in modo scomposto, la palla finisce a Pandev che con il portiere a terra dolorante calcia da fuori area con la porta vuota, clamorosamente il signor Di Bello a due passi convalida il gol, il Var richiama il fischietto di Brindisi al monitor, dopo aver rivisto il contatto il direttore di gara annulla il gol del pareggio. Si riscaldano gli animi e la partita sale di tono. Il gol del pareggio arriva ugualmente al minuto 69, Ghiglione arriva sul fondo e mette un cross dalla parte opposta dove arriva Cambiaso lasciato tutto solo da Di Lorenzo, sinistro a volo sul palo del portiere e pareggio genoano. Gli azzurri faticano a riemergere, ma la mossa giusta la trova Spalletti che inserisce Petagna al posto di Politano quando mancano 8 minuti piĂą recupero alla fine, bastano due minuti alla punta azzurra per trovare il gol vittoria, su una punizione battuta da Mario Rui, il 37 azzurro trova la girata di testa che regala i 3 punti al Napoli.

Vittoria importante per gli azzurri che dopo due giornate sono a pieni punti, adesso c’è la sosta del campionato e alla ripresa ci sarĂ  da affrontare la Juventus al Diego Armando Maradona, aspettando l’esito del ricorso per la squalifica di Osimhen e sperando nel recupero di Zielinski.

 

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Lo scudetto potrebbe essere assegnato sul filo di lana e allora quanti rimpianti Noi non sappiamo come andrà a finire. Oggi il Napoli ha tre punti di distacco dal Milan e forse anche dall’Inter, se i nerazzurri dovessero vincere la partita che devono recuperare. Ci...

Vomero, controlli movida dei carabinieri

Vomero, controlli movida dei carabinieri

Tra mercoledì e venerdì, nell'ambito dei servizi predisposti dalla Questura di Napoli nelle aree della “movida”,  i poliziotti del Commissariato Vomero, i militari dell’Arma dei Carabinieri, i finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza, con il...

E servono sempre terzino e centrale di difesa

E servono sempre terzino e centrale di difesa

L’arrivo del solo Tuanzebe non ha risolto i problemi strutturali dell’organico degli azzurri Nel momento di maggior fulgore, dopo le otto vittorie consecutive ad inizio di campionato, osservatori e tifosi, sull’onda dell’entusiasmo, avevano già indicato il Napoli...

Napoli, un futuro da inventare

Napoli, un futuro da inventare

I vuoti del Maradona non dipendono solo dal Covid.Tifosi sempre più spaesati e meno innamorati Un giorno, neanche tanto all’improvviso, sembra che l’amore dei tifosi azzurri per la loro squadra sia evaporato in modo pressochè totale e definitivo. L’avvio di Insigne,...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te