Napoli-Venezia 2 a 0 prima vittoria dell’era Spalletti

da | Ago 22, 2021 | Calcio Napoli

Napoli-Venezia 2 a 0, prima vittoria dell’era Spalletti nel giorno del suo battesimo al Diego Armando Maradona e finalmente ritornano i tifosi allo stadio.

Napoli-Venezia è anche la prima partita di Spalletti, da allenatore del Napoli, nell’impianto di Fuorigrotta ribattezzato Diego Armando Maradona. Finalmente si rivede il pubblico all’interno dello stadio per sostenere la maglia azzurra, 25mila circa le anime presenti per incitare i loro beniamini. Spalletti lancia subito Meret tra i pali, mentre la linea difensiva non presenta alcuna novità rispetto allo scorso campionato, Koulibaly e Manolas i centrali, i terzini sono Mario Rui e il solito Di Lorenzo, per il centrocampo c’è Lobotka a sostituire l’infortunato Demme, Zielinski e Fabian Ruiz completano il reparto, in attacco a supportare la punta Osimhen, ci sono Insigne e Politano, il capitano più volte incitato dagli spalti.

Calcio d’inizio affidato al Venezia, si parte tra l’incitamento dell’intero stadio. Gli azzurri fin dai primi minuti, come era prevedibile, conducono il gioco, mentre gli ospiti si limitano a difendere, il più in palla è Osimhen che corre e pressa su ogni palla, proprio la voglia di Victor al minuti 4 viene premiata, il portiere del Venezia non si libera velocemente della palla permettendo il recupero al 9 azzurro, per controllare la sfera il nigeriano esce fuori area e subisce un fallo da buona posizione, il capitano batte la punizione ma colpisce la barriera. Due minuti più tardi è nuovamente Osimhen a far tremare Maenpaa, il portiere del Venezia questa volta non si libera del pallonepermettendo ad Osimhen di chiudergli lo spazio per il passaggio, l’estremo difensore calcia sul nigeriano e per poco la sfera finisce fuori non distante dal palo. Buon Napoli quello che si vede per i primi 20 minuti, la squadra di Spalletti fa girare palla con pazienza riuscendo più volte a rendersi pericolosa. Minuto 22 cambia il match, sugli sviluppi di un calcio d’angolo per gli azzurri, l’arbitro Aureliano, vede un intervento di Osimhen sul suo marcatore per liberarsi, per il direttore di gara è rosso diretto. Altra tegola per il Napoli alla mezz’ora, brutta botta per Zielinski che poco più tardi è costretto a lasciare il campo, al suo posto Elmas. Nonostante l’uomo in meno, i ragazzi di Spalletti non si disuniscono e continuano a fare la partita anche se il match diventa più equilibrato. Si arriva all’intervallo a reti bianche, peccato per gli azzurri, sforutnati nel perdere Osimhen, tra i migliori in campo e Zielinski puro talento dalle qualità conosciute a tutti.

Secondo tempo che inizia sullo stesso andamento del primo, gli azzurri ci provano ma non riescono a trovare la via della porta, il Venezia si limita a difendersi. Minuto 55 la svolta, Mario Rui crossa verso il centro dell’area, Svoboda appena entrato impatta con il braccio, per Aureliano non ci sono dubbi, penalty ma manca il cartellino giallo. Sul dischetto si presenta Insigne, il capitano acclamato da tutti i sostenitori presenti all’interno dello stadio, si lascia prendere dall’emozione e calcia clamorosamente fuori, il risultato non si sblocca. Cinque minuti più tardi, a provare il cross è l’altro terzino, Di Lorenzo, ma il risultato è sempre lo stesso, questa volta è Ceccaroni ad impattare con il braccio, Aureliano fischia il penalty e questa volta estrae anche il giallo, dal dischetto si presenta nuovamente il capitano azzurro che calcia alla destra di Maenpaa spiazzandolo, Napoli in vantaggio al minuti 62. Gli azzurri dopo il gol sembrano avere un uomo in più, continuano a premere sull’accelleratore in cerca del doppio vantaggio. Spalletti inserisce Gaetano per Fabian Ruiz e Lozano per Politano. Al primo affondo Lozano viene servito in profondità da Insigne, solo l’intervento in extremis di Ceccaroni evita al messicano di battere in rete, ma la sfera finisce a Elmas che rientra sul destro e batte per la seconda volta Maenpaa. Per il resto della partita c’è solo da segnalare la standig ovation per Insigne all’uscita dal campo, al suo posto Petagna.

Prima vittoria per il Napoli di Spalletti, il tecnico toscano nel giorno del suo battesimo al Maradona, nonostante l’uomo in meno conquista i 3 punti, buona la prestazione della squadra che non si è mai disunita, nemmeno quando ha subito il doppio colpo prima con l’espulsione di Osimhen e poi con l’infortunio di Zielinski, nella ripresa il rigore sbagliato da Insigne poteva influire negativamente sul match, ma anche in quel frangente la squadra ha dimostrato carattere continuando a cercare la via del gol. Peccato solo per il rosso ad Osimhen, il nigeriano oltre al danno per un’espilsione eccessiva, rischia la beffa perchè se il giudice sportivo deciderà, e prevedibilmente così sarà, per le due giornate di squalifica, il 9 azzurro salterà la trasferta di Genova della prossima settimana e il match casalingo contro la Juventus dopo la sosta del campionato.

 

 

Il Napoli ritorna a sorridere al Maradona

Il Napoli ritorna a sorridere al Maradona

Il Napoli ritorna a sorridere al Maradona, dopo tre sconfitte consecutive tra le mura amiche, gli azzurri battono la Sampdoria per 1-0 grazie al gol di Petagna.   Il Napoli ritorna a sorridere - Stadio desolatamente deserto, pocchissimi i sostenitori per questa...

La mossa di Spalletti che ha sorpreso Pioli

La mossa di Spalletti che ha sorpreso Pioli

La mossa di Spalletti - Petagna titolare e una squadra predisposta all'attesa e al contropiede: cosi il tecnico ha vinto il big match con il Milan. E sul gol di Kessie... La mossa di Spalletti - Nella gelida Milano, il Napoli di Spalletti ridimensionato dalle...

I due miracoli di Spalletti

I due miracoli di Spalletti

Rrahmani e Lobotka: Gattuso li aveva ignorati e sembravano due giocatori persi alla causa del Napoli (e di Adl) Rino Gattuso a Napoli non è stato fortunato. In fondo all’ultima giornata di campionato per un misero gol ha perso il quarto posto e la qualificazione...

Tra iella e arbitraggi Napoli urla

Tra iella e arbitraggi Napoli urla

Nonostante infortuni e sfortuna la squadra recrimina per i cinque punti persi con Verona ed Empoli È davvero in fase calante il Napoli o gli ultimi risultati negativi sono solo colpa degli infortuni a ripetizione dei suoi giocatori chiave? Spalletti, in verità, non ha...

Quanti scivoloni, don Aurelio!

Quanti scivoloni, don Aurelio!

Una frana. Il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis passa per un grade comunicatore. Ma in questi ultimi giorni, vittima del suo stesso narcisismo, l’ha fatta veramente grossa. Ha inanellato una serie di dichiarazioni che oltre a portare scompiglio nel mondo del...

Napoli-Leicester festa a metà..

Napoli-Leicester festa a metà..

Napoli-Leicester festa a metà, gli azzurri vincono per 3 a 2 ma non basta per evitare i sedicesimi di finale. Napoli-Leicester festa a metà - Serata di tempesta al Maradona, il Napoli costretto a vincere contro il Leicester per sperare di passare il turno da primo,...

Nella notte per Diego riparte il Napoli

Nella notte per Diego riparte il Napoli

Nella notte per Diego riparte il Napoli, 4-0 alla Lazio e primato solitario in classifica, Zielinski apre le marcature, poi Dries Ciro Mertens firma una straordinaria doppietta, poi Ruiz mette il sigillo nel secondo tempo. Nella notte per Diego riparte il Napoli -...

Napoli gelido a Mosca

Napoli gelido a Mosca

Napoli gelido a Mosca, contro lo Spartak finisce 2-1, gli azzurri si riscaldano nel secondo tempo ma non riescono a recuperare il risultato. Napoli gelido a Mosca, nel pomeriggio freddo della partita contro lo Spartak, gli azzurri non si rialzano e incassano la...

Napoli: stop a San Siro, la spunta l’Inter

Napoli: stop a San Siro, la spunta l’Inter

Napoli: stop a San Siro, la spunta l'Inter per 3-2. Azzurri in vantaggio con Zielinski ma si fanno rimontare dai padroni di casa, sul 3 a 1 entra Mertens che riapre la partita e sfiora il clamoroso pareggio allo scadere. Napoli: stop a San Siro, la squadra di...

DeLa-Insigne: c’eravamo tanto amati(?)

DeLa-Insigne: c’eravamo tanto amati(?)

La proposta di rinnovo al ribasso del patron del Napoli sembra un invito a chiudere dodici anni di storia Che futuro ci sarà per Lorenzo Insigne? Cosa sarà del condottiero della nazionale, leader e capitano del Napoli? Dopo il pareggio con il Verona e il flop con la...

Covid, allarme in casa Napoli: Demme è positivo

Covid, allarme in casa Napoli: Demme è positivo

Torna l’allarme Covid in casa Napoli. Secondo quanto riportato dal Corriere del Mezzogiorno, dopo il consueto giro di tamponi della giornata di ieri,  Diego Demme sarebbe risultato positivo e attualmente asintomatico. Il centrocampista tedesco è già in isolamento...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te