Napoli-Venezia 2 a 0 prima vittoria dell’era Spalletti

da | Ago 22, 2021 | Calcio Napoli

Napoli-Venezia 2 a 0, prima vittoria dell’era Spalletti nel giorno del suo battesimo al Diego Armando Maradona e finalmente ritornano i tifosi allo stadio.

Napoli-Venezia è anche la prima partita di Spalletti, da allenatore del Napoli, nell’impianto di Fuorigrotta ribattezzato Diego Armando Maradona. Finalmente si rivede il pubblico all’interno dello stadio per sostenere la maglia azzurra, 25mila circa le anime presenti per incitare i loro beniamini. Spalletti lancia subito Meret tra i pali, mentre la linea difensiva non presenta alcuna novità rispetto allo scorso campionato, Koulibaly e Manolas i centrali, i terzini sono Mario Rui e il solito Di Lorenzo, per il centrocampo c’è Lobotka a sostituire l’infortunato Demme, Zielinski e Fabian Ruiz completano il reparto, in attacco a supportare la punta Osimhen, ci sono Insigne e Politano, il capitano più volte incitato dagli spalti.

Calcio d’inizio affidato al Venezia, si parte tra l’incitamento dell’intero stadio. Gli azzurri fin dai primi minuti, come era prevedibile, conducono il gioco, mentre gli ospiti si limitano a difendere, il più in palla è Osimhen che corre e pressa su ogni palla, proprio la voglia di Victor al minuti 4 viene premiata, il portiere del Venezia non si libera velocemente della palla permettendo il recupero al 9 azzurro, per controllare la sfera il nigeriano esce fuori area e subisce un fallo da buona posizione, il capitano batte la punizione ma colpisce la barriera. Due minuti più tardi è nuovamente Osimhen a far tremare Maenpaa, il portiere del Venezia questa volta non si libera del pallonepermettendo ad Osimhen di chiudergli lo spazio per il passaggio, l’estremo difensore calcia sul nigeriano e per poco la sfera finisce fuori non distante dal palo. Buon Napoli quello che si vede per i primi 20 minuti, la squadra di Spalletti fa girare palla con pazienza riuscendo più volte a rendersi pericolosa. Minuto 22 cambia il match, sugli sviluppi di un calcio d’angolo per gli azzurri, l’arbitro Aureliano, vede un intervento di Osimhen sul suo marcatore per liberarsi, per il direttore di gara è rosso diretto. Altra tegola per il Napoli alla mezz’ora, brutta botta per Zielinski che poco più tardi è costretto a lasciare il campo, al suo posto Elmas. Nonostante l’uomo in meno, i ragazzi di Spalletti non si disuniscono e continuano a fare la partita anche se il match diventa più equilibrato. Si arriva all’intervallo a reti bianche, peccato per gli azzurri, sforutnati nel perdere Osimhen, tra i migliori in campo e Zielinski puro talento dalle qualità conosciute a tutti.

Secondo tempo che inizia sullo stesso andamento del primo, gli azzurri ci provano ma non riescono a trovare la via della porta, il Venezia si limita a difendersi. Minuto 55 la svolta, Mario Rui crossa verso il centro dell’area, Svoboda appena entrato impatta con il braccio, per Aureliano non ci sono dubbi, penalty ma manca il cartellino giallo. Sul dischetto si presenta Insigne, il capitano acclamato da tutti i sostenitori presenti all’interno dello stadio, si lascia prendere dall’emozione e calcia clamorosamente fuori, il risultato non si sblocca. Cinque minuti più tardi, a provare il cross è l’altro terzino, Di Lorenzo, ma il risultato è sempre lo stesso, questa volta è Ceccaroni ad impattare con il braccio, Aureliano fischia il penalty e questa volta estrae anche il giallo, dal dischetto si presenta nuovamente il capitano azzurro che calcia alla destra di Maenpaa spiazzandolo, Napoli in vantaggio al minuti 62. Gli azzurri dopo il gol sembrano avere un uomo in più, continuano a premere sull’accelleratore in cerca del doppio vantaggio. Spalletti inserisce Gaetano per Fabian Ruiz e Lozano per Politano. Al primo affondo Lozano viene servito in profondità da Insigne, solo l’intervento in extremis di Ceccaroni evita al messicano di battere in rete, ma la sfera finisce a Elmas che rientra sul destro e batte per la seconda volta Maenpaa. Per il resto della partita c’è solo da segnalare la standig ovation per Insigne all’uscita dal campo, al suo posto Petagna.

Prima vittoria per il Napoli di Spalletti, il tecnico toscano nel giorno del suo battesimo al Maradona, nonostante l’uomo in meno conquista i 3 punti, buona la prestazione della squadra che non si è mai disunita, nemmeno quando ha subito il doppio colpo prima con l’espulsione di Osimhen e poi con l’infortunio di Zielinski, nella ripresa il rigore sbagliato da Insigne poteva influire negativamente sul match, ma anche in quel frangente la squadra ha dimostrato carattere continuando a cercare la via del gol. Peccato solo per il rosso ad Osimhen, il nigeriano oltre al danno per un’espilsione eccessiva, rischia la beffa perchè se il giudice sportivo deciderà, e prevedibilmente così sarà, per le due giornate di squalifica, il 9 azzurro salterà la trasferta di Genova della prossima settimana e il match casalingo contro la Juventus dopo la sosta del campionato.

 

 

Napoli Cagliari: 2-0 sesta vittoria consecutiva

Napoli Cagliari: 2-0 sesta vittoria consecutiva

Napoli Cagliari finisce 2 a 0, azzurri nuovamente primi in classifica e sesta vittoria consecutiva su sei giornate di campionato, Osimhen la sblocca poi è lui stesso a procurarsi il rigore nel secondo tempo, trasformato da Insigne per il 2 a 0 finale. Napoli Cagliari...

Napoli: che sorpresa!

Napoli: che sorpresa!

Grande inizio di stagione. E i tifosi tornano a seguire la squadra con passione Dopo appena cinque giornate di campionato è pericoloso azzardare pronostici soprattutto in chiave partenopea, ma in generale si può affermare che le previsioni della vigilia secondo cui la...

Poker bis, il Napoli affonda anche la Samp

Poker bis, il Napoli affonda anche la Samp

Poker bis, il Napoli affonda anche la Sampdoria, Osimhen incontenibile firma una doppietta, doppio assist di Insigne e Lozano, Ruiz raddoppia mentre il sigillo è di Zielinski. Cinque vittorie su cinque e azzurri primi a punteggio pieno. Poker bis - Seconda vittoria...

Un Napoli spettacolare vola in testa alla classifica

Un Napoli spettacolare vola in testa alla classifica

Napoli spettacolare, 4 gol all'Udinese nella Dacia Arena, Osimhen e Rrahmani nel primo tempo, Koulibaly e Lozano per il tris e il poker nella ripresa, unica squadra a punteggio pieno. Napoli spettacolare - Chiamato all'ennesima vittoria in campionato, per conquistare...

Il Napoli domina a Leicester ma finisce 2 a 2

Il Napoli domina a Leicester ma finisce 2 a 2

Il Napoli domina e spreca tanto, va sotto di due gol e nel secondo tempo, con Osimhen la pareggia a 3 minuti dalla fine. Il Napoli domina a Leicester - Partita ricca di emozioni quella che va in scena al Leicester City Stadium, per la prima di Europa League. Il Napoli...

Ancora Koulibaly, Juve KO al Maradona

Ancora Koulibaly, Juve KO al Maradona

Ancora Koulibaly, a 5 minuti dalla fine il senegalese firma il gol vittoria, Juventus KO al Maradona e -8 in classifica. Ancora Koulibaly- Napoli Juventus non può essere una semplice partita, è la partita più sentita del campionato, orario insolito di sabato alle 18...

Napoli incompleto. Inutile cullare sogni di gloria

Napoli incompleto. Inutile cullare sogni di gloria

Salvatore Bagni è sempre stato un inguaribile ottimista. Ma questa volta è proprio andato oltre ogni limite: è bastato che diventasse ufficiale l’acquisto del misconosciuto Anguissa per fargli dichiarare che il Napoli è da scudetto. Anzi a sentirlo quasi il campionato...

Eriksen e l’errore dell’Uefa

Eriksen e l’errore dell’Uefa

Il sorriso stanco di Eriksen su un volto ancora visibilmente sofferente è l’ennesimo campanello d’allarme all’Uefa ed al suo presidente, Ceferin, di una situazione ormai arrivata al limite per come l’organismo di Nyon sta gestendo il calcio europeo. Ceferin dopo la...

Confessioni di una mente geniale

Confessioni di una mente geniale

Dopo mesi di silenzio stampa, finalmente il presidente del Napoli torna a parlare. E lo fa a modo suo Finalmente una reazione, un cenno di vita c’è stato. Non del Napoli ma del suo proprietario che s’è “confessato”, si fa per dire, al “Passepartout Festival” di Asti....

Napoli fuori dalla Champions League

Napoli fuori dalla Champions League

Napoli fuori dalla Champions League, bruttissima prestazione dei ragazzi di Gattuso che non riescono a battere il Verona, 1-1 e i bianconeri ringraziano. Napoli fuori dalla Champions League - Tensione alle stelle al Maradona di Fuorigrotta, dai primi minuti del match,...

Napoli, tre punti per sognare il futuro

Napoli, tre punti per sognare il futuro

Napoli-Verona: gli azzurri giocano per non rovinarsi la Champions e le vacanze; motivi più convincenti di ogni modulo tattico. Difendendo il quarto posto dalla Juventus, posizione appena conquistata a dispetto di Cassandre e menagrami, Gattuso e i suoi avranno...

Due vittorie per l’Europa che conta

Due vittorie per l’Europa che conta

Il lavoro di Gattuso, nonostante difficoltà e critiche, ha aperto il ciclo del Napoli che verrà C’è un proverbio napoletano che recita testualmente “Chi fraveca e sfraveca nun perde maie tiempo”. Cioè, chi costruisce e poi si trova a dover abbattere quello costruito,...

Il Napoli strapazza l’Udinese, al Maradona finisce 5-1

Il Napoli strapazza l’Udinese, al Maradona finisce 5-1

Il Napoli strapazza l'Udinese, al Maradona finisce 5-1, azzurri al secondo posto in attesa delle sfide di domani. Il Napoli strapazza l'Udinese - Dopo essersi insediati in zona Champions, gli azzurri cercano di consolidare la posizione in classifica, Gattuso schiera...

Il Napoli doma il toro e aggancia la zona Champions

Il Napoli doma il toro e aggancia la zona Champions

Il Napoli doma il toro e aggancia la zona Champions, ottima prestazione degli azzurri che risolvono la pratica nei primi 15 minuti, poi in fase di gestione sfiorano il terzo gol in più di dieci occasioni. Il Napoli doma il toro, gli azzurri riescono a spuntarla con la...

Manita del Napoli, al Diego Armando Maradona finisce 5-2

Manita del Napoli, al Diego Armando Maradona finisce 5-2

Manita del Napoli, Lazio battuta 5-2, in gol Insigne, Politano, Insigne, Mertens e Osimhen, per gli ospiti in gol Immobile e Milinkovic Savic. Manita del Napoli - Il Napoli deve provarci a tutti i costi, davanti frenano un pò tutte tranne la Juventus, ma la Lazio è...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te