Napoli-Verona, altro che dimenticare. Vogliamo sapere

da | Lug 28, 2021 | Primo piano

La chiusura della prima fase di preparazione al campionato suggerisce una prima serie di considerazioni e di rilievi. La parentesi di Dimaro ha confermato quanto già si sapeva sul carattere forte e carismatico del nuovo allenatore. È il suo grande pregio, unito alla sapienza tattica, alla esperienza accumulata in tanti anni di panchina e alla meticolosità organizzativa.
Restano sullo sfondo i suoi limiti temperamentali. Il suo ego esasperato dovrà necessariamente trovare un punto di sintesi con quello del fumantino De Laurentiis, e sarà obbligato a ridimensionarlo, quando, e verrà il momento, le circostanze lo metteranno al cospetto dell’ambiente, della tifoseria e del mondo dell’informazione.
Ad oggi Spalletti merita apprezzamenti per come si è calato nel ruolo, anche se, concedetecelo, qualche perplessità l’ha pure suscitata. Piccoli incidenti di percorso, che forse è utile segnalare per tempo, prima che diventino pesanti macigni sul cammino della squadra.
Prendiamo, ad esempio, quella frase infelice: “dimentichiamo Verona!”. Dimenticare? No, caro Spalletti. Certo, lei fa il suo gioco, vorrebbe seppellire il passato e badare solo al presente. Ma gli Spalletti passano, il Napoli resta. E in questo caso, cancellare una parentesi oscura, far finta che non sia mai esistita, a distanza di meno di tre mesi dall’accaduto, può lasciare una scia di mistero dannosissima. Quel Napoli di finale di campionato si era reso protagonista di una rimonta entusiasmante (eccettuata la parentesi del pareggio con il Cagliari). Quello stesso Napoli apparve incomprensibilmente spento ed abulico, persino Gattuso, quel giorno, se ne stette impietrito e tranquillo in panchina. Nessuno poté fornire spiegazioni, perché De Laurentiis da padre padrone aveva messo il bavaglio a tutti, con il silenzio stampa, un residuo di barbarie e di inciviltà, che solo una Federazione debole può ancora tollerare negli anni Venti del Duemila, al tempo cioè della comunicazione di massa e del dominio dei social. Il problema è che nessuno, ancor oggi, intende fornire chiarimenti. Quando affiora l’interrogativo il chiamato in causa continua a dribblare l’argomento.
Il match con il Verona rimarrà quindi come una macchia oscura sulla storia del Napoli, come lo è rimasto, a trenta anni di distanza, quello scudetto incredibilmente perduto a vantaggio del Milan e al termine di un campionato che il Napoli aveva dominato. Se Spalletti lo avesse capito, prima di chiedere di dimenticare si sarebbe battuto invece per un chiarimento pubblico, forte e inequivocabile. Anche perchÊ quello che è accaduto al Napoli tre mesi fa potrebbe ripetersi anche sotto la sua gestione. Dovrebbe essere un suo interesse capire. Noi da queste pagine continueremo a chiederlo.
Ultimo breve appunto: Spalletti continua a ribadire che il Napoli è forte e continua ad esprimere giudizi positivi sull’organico, anche se poi vuole incatenarsi solo di fronte ad un’eventuale cessione di Koulibaly (e di Insigne no?). Lui è qui da venti giorni. Noi seguiamo il Napoli da cinquant’anni. L’organico non è da gettare, questo sì. Ma vi sono buchi giganteschi, che da anni non vengono coperti e che invano denunciamo. A prescindere dall’emergenza scaturita dagli infortuni di Demme, Lozano e Mertens, al Napoli mancano: un terzino sinistro di livello, un centrocampista specialista in interdizione, insomma un sostituto di Allan, due centrali (ammesso che i tre in organico restino), visto che si è dimostrato che non si può affrontare una stagione lunga e dispendiosa con impegni su tre fronti solo con quattro difensori. E se proprio vogliamo dircela tutta, visto che Spalletti insiste sul 4-2-3-1 manca anche un sostituto di Zielinski. A meno che non si voglia dar credito a Gaetano, che oltretutto tornerebbe utile anche come prodotto del vivaio. Insomma mancano all’appello quattro-cinque giocatori. De Laurentiis lo ha capito, ma fa il pesce in barile. Anche Spalletti ovviamente lo ha capito. Ma, e questo lo abbiamo capito anche noi, gli piace fare l’aziendalista. Fino a che le cose vanno bene, esserlo è un pregio per De Laurentiis. Ma nei momenti di difficoltà diventa un difetto. Chiedere ad Ancelotti, a Sarri e a Gattuso.
P.S.
Giudizio ovviamente rimandato sulla disposizione tattica della squadra. Ma lodi al tecnico per la scelta inequivocabile di Meret titolare. Brividi invece se dovesse confermare, come pare, l’impostazione suicida voluta da Gattuso, quella stucchevole e pericolosissima “partenza dal basso”, che ha creato solo guai (vedi Lazio, Verona e tanti altri casi ancora). Su questo punto faremo una guardia grintosa, niente scelleratezze. I soloni dicono che è il calcio moderno. Fare il tiki-taka nella propria area di rigore è un insulto all’intelligenza. La palla va allontanata il più presto possibile (ricordate Reina?) dalla propria zona minata. E’ una regola che vale da un secolo. E’ questo il calcio, la modernità non può legittimare follie. Speriamo che Spalletti intenda.
Una Cittadella universitaria da Oscar

Una Cittadella universitaria da Oscar

Da Leonardo Di Costanzo a Nicola Giuliano: straordinario successo ai David di Donatello 2022 per i “Grandi Maestri” del Cinema dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli Si può ormai definire una formazione accademica ‘da Oscar’ quella dell’Università Suor Orsola...

E ora il “branco” va in spiaggia…

E ora il “branco” va in spiaggia…

Non bastava la mala-movida. Ancora gravi i due minorenni accoltellati a Marechiaro. Il mare negato Non bastava la mala-movida notturna, adesso con l’arrivo della bella stagione c’è da fronteggiare anche la violenza collegata all’afflusso alle località balneari,...

Napoli, il futuro è da inventare

Napoli, il futuro è da inventare

Il terzo posto non può diventare il punto di arrivo per una società ambiziosa e per tifosi appassionati Sarà il Milan o l’Inter a fregiarsi del triangolino tricolore ai tifosi del Napoli interessa poco. La delusione, nonostante il terzo posto e la qualificazione...

Il cinema napoletano in cattedra ai David di Donatello

Il cinema napoletano in cattedra ai David di Donatello

Da Leonardo Di Costanzo a Nicola Giuliano: ben 12 nomination ai “Grandi Maestri” dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli Questa sera (diretta su Rai Uno dalle 21.25) negli studi di Cinecittà per la cerimonia di premiazione della 67esima edizione dei David di...

Napoli, riapre al pubblico la passeggiata al Molo San Vincenzo

Napoli, riapre al pubblico la passeggiata al Molo San Vincenzo

Una meravigliosa e poco conosciuta area di Napoli verrà gradualmente aperta ai cittadini, cosÏ come promesso dal Sindaco di Napoli Gaetano Manfredi fin dall'inizio. L'intervento fa parte di un progetto piÚ ampio di passeggiata sul mare, finanziato dal Contratto...

Lavoro, è il boom dell’archeologo tecnologico

Lavoro, è il boom dell’archeologo tecnologico

di Federico Marazzi * In Campania l’eccellenza della formazione è all’Università Suor Orsola Benincasa Immaginate di vedere per la strada un’auto d’epoca, esteticamente affascinante, capace di ottime performances, ma a prezzo di consumi di carburante decisamente...

Come tutelare il nostro “oro blu”

Come tutelare il nostro “oro blu”

Iniziativa per la candidatura Unesco delle acque sorgive del Golfo a “patrimonio dell'Umanità”. I dati, le ipotesi “Facile aprire il rubinetto ed avere a disposizione una delle acque più pregiate, più controllate d’Italia. Ma ciò richiede un grosso sforzo tecnico, una...

Calcio, l’Italia s’è persa

Calcio, l’Italia s’è persa

Come ripartire dopo la delusione della Nazionale Riparte il campionato e sarà volata tutta d’un fiato fino al 22 maggio quando conosceremo l’esito del torneo più incerto ed emozionante da 10 stagioni a questa parte. Si riparte con gare importantissime ai fini della...

La figuraccia di Milano e l’esempio di Napoli

La figuraccia di Milano e l’esempio di Napoli

Il direttore d’orchestra russo Valery Gergiev cacciato dalla Scala di Milano solo perché non ha accettato l’imposizione di dire due parole contro Putin e contro la sua guerra prima di un’esibizione. Un corso sul grande scrittore russo Fedor Dostoevskij annullato alla...

La stazione che fa acqua da tutte le parti

La stazione che fa acqua da tutte le parti

Metropolitana, Salvator Rosa tra secchi di plastica e “portoghesi”. Una vergogna continua Il battagliero consigliere comunale Nino Simeone ne ha fatto, giustamente, un caso. Non si è mai visto, da nessuna parte al mondo, che per collaudare treni nuovi da immettere in...

Napoli, via Domenico Fontana: residenti in pericolo

Napoli, via Domenico Fontana: residenti in pericolo

È da venerdì 18 marzo che in via Domenico Fontana, all’altezza del civico 115, tra l’ingresso pedonale della Parrocchia di Santa Maria Antesaecula e l’accesso alto del Parco Montedonzelli, staziona un “senza fissa dimora”. Per quanto commossi dal senso di Pietas e dal...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te