Allamentarse nunn’ abbasta cchiu’…

da | Lug 17, 2021 | Cultura&Spettacolo

A lengua napulitana verace va scumparenno

Sempe cchiù pperzone s’allamentano pecché ’a lengua napulitana verace va scumparenno e ppecché pure cchille che ancora l’ausano spisso nu’ ssapeno scrivere manco doje righe senza piglià zarre e rrancefellune. E overamente succede ca ’stu povero Nnapulitano ogne juorno è maletrattato, ’mbriacato e ’mvastarduto ’a chille che ppenzano ca nu ‘dialetto’ è na lengua vascia e ppirciò nun tene deritto d’essere rispettata e pprutetta. Sempe cchiù spisso, po’, capita ’e vedé cartellune, manefieste e ppubblecità cu ffrase scritte ’nNapulitano, sulo p’ ’e ffa paré cchiù pupulare, però senza se preoccupà ’e nun sgarrà cu ll’ortografia. ’O prubblema ce sta e nun putimmo fégnere ca se tratta d’ ’e ’mbrusuliamiente ’e gente anziane e ttradizzionaliste. Specialmente ’e giuvene ausano poco e mmalamente ’o Nnapulitano e, quann’ ’o scriveno, fanno aggriccià e azzellechì. Fatt’è ca ll’istituzziune – d’ ’o Ministerio ’e ll’Istruzzione â Reggione Campania, ’nfino ô Cummune ’e Napule – nu’ ppare ca facettero assaje pe ppruteggere ’a lengua napulitana ’a ’sta scajenza. Perzì ’a legge 40, appruvata a lluglio 2019 d’ ’o Cunziglio Reggiunale d’ ’a Campania pe “pruteggere e dda’ valore â lengua napulitana” nun cagnaje ’e ccose. Passate duje anne, ’o Cumitato Scientifico, presieduto ’a Maurizio de Giovanni parturette ’nfatte sulo decramazziune, belli pprumesse e ddoje cummunicate stampa ’ncopp’a “Sergio Bruni e la canzone napoletana”. (https://www.cr.campania.it/comvalnap/ ).
Però manco se po’ ddicere ca int’a cchist’anne nun s’è ffatto niente pe ccagnà ’e ccose e nnemmanco ca nun ce stanno resorze bastante pe pputé ’mparà a pparlà e scrivere cchiù mmeglio ’o Nnapulitano. Pure cu tutt’ ’a pandemia, ’mméce, nun se so’ ffermate cunferenzie, lezziune, articule e attività pe ffa’ avanzà ’a canuscenzia ’e sta lengua e d’ ’o patremmonio storeco e cculturale che sse porta appriesso. S’è cuntinuato ’ncucciosamente a ’mparà a gguagliune e ggruosse comme s’avarrìa ’a parlà e scrivere napulitanamente, ma sulamente grazzie a pperzone che nun se songo maje rassignate e cche spenneno tiempo e ssorde pe ’sta ‘missione’, appujannose a unniverzetà populare e circule culturale. Però si assaje gente prutestano, nun songo assaje chille che fanno quaccosa pe se ’nfurmà cchiù meglio ’ncopp’â lengua napulitana. E ppure abbasta trasì int’a na libbreria pe ttruvà spase int’ ’e scaffale nu cuofeno ’e libbre, dizziunarie e ggrammateche che ppônno ajutà a studià ’sta lengua ‘geniale’, cu 2500 anne ’e storia, cultura e arte che nnisciun’ata po’ avantà. Nun ce stanno sulo pruverbie, canzune e ppuisie. ’A letteratura napulitana è nu scrigno addò chi ’e va cercanno po’ ttruvà tesore ’e tutt’ ’e tiempe – vennute a ppoche sorde pure ’ncopp’ê bbancarelle a Pport’Alba e ô Vommero – assapuranno accussì nu Nnapulitano verace.

Nun ce vo’ niente, po’, a sse fa’ ajutà a scrivere ’a perzone esperte e qualeficate, ausanno pure Internét e ccercanno site e ppaggene specializzate. Vale p’ ’o pueta o scrittore dilettante, p’ ’o cantautore, p’ ’o putecaro che vvo’ mettere na ’nzegna scritta napulitanamente, ma pure pe ll’azzienda che rreclamizza ’e prudutte suoje cu ppubblecità ‘nNnapulitano. ’O guajo overo è ca tuorno tuorno ’nce sta na trascuràggena e nna pultrunaria esaggerata. Nun se legge, nun se studia, nun s’addemannano cunziglie a cchi ’e putarrìa da’, cuntinuanno accussì a sbaglià e a ppruducere messagge scumbinate, che ssongo na parudìa d’ ’o Nnapulitano verace. Poco e nniente se fa pure pe ffà canoscere e ddà valore ê pparlate lucale – penzammo sulo ô turrese, ll’ischitano o ê dialette ’e ll’Irpinia. Accussì s’offre pure nu pretesto a cchi s’ ’a piglia cu chille che vvônno ’mparà â scola sulo ’o Nnapulitano, però manco fa assaje pe’ ffa ascì ’sti ccanuscenze ’a dint’a ll’Unniverzetà. Sulo duje giurnale – ‘o Matino e chillo che state liggenno mo mmò – hanno avuto ’o curaggio ’e pubblecà articule scritte ’nlengua napulitana e ppirciò s’ammeretano n’apprauso, pecché forze è ’a meglia cosa p’ascì d’ ’a sòleta immaggene d’ ’o Nnapulitano che sserve sulo pe ffa’ battute o pe ccantà…

Successo per il Festival delle Arti

Successo per il Festival delle Arti

Grande festa per la cerimonia finale della rassegna di Noi per Napoli giunta alla sua VI edizione Olga De Maio e Luca Lupoli, noti artisti lirici del mondo musicale partenopeo, vincitori di numerosi concorsi internazionali, Pavarotti International, Mascagni, Mario...

“Ferito a morte” di Raffaele La Capria

“Ferito a morte” di Raffaele La Capria

Ferito a morte è uno di quei libri che, grazie alla vita propria dell’opera d’arte, rappresenta  aspetti psicologici e sociologici che trascendono la volontà dell’autore medesimo. Parliamo dunque della seconda, e più nota opera, dello scrittore napoletano Raffaele La...

Neapocalisse di Jean-Noël Schifano

Neapocalisse di Jean-Noël Schifano

  Un altro straordinario ritratto di Napoli è l’oggetto del “classico” di questa settimana, parliamo di Neapocalisse saggio sociologico dal solido impianto narrativo, pubblicato a Napoli nel 1990. L’opera invero risaliva al decennio precedente frutto della...

“Musicista in pochi decenni” di Francesco Libetta

“Musicista in pochi decenni” di Francesco Libetta

La recensione di questa settimana riguarda il denso quaderno di appunti di un grandissimo pianista e compositore meridionale il quale, poco più che cinquantenne, appartiene all’olimpo dei classici del pianismo mondiale. Parliamo di Francesco Libetta, grande musicista...

Lo cunto de li cunti

Lo cunto de li cunti

Il classico dei classici, bello tra i belli, Lo cunto de li cunti di Giambattista Basile è, attualmente, il libro napoletano più noto, meritando persino, in tempi recentissimi, una messinscena cinematografica che, in verità, non ha riscosso consensi straordinari, ma...

Vedi Napoli e poi mangi e bevi

Vedi Napoli e poi mangi e bevi

Un rapporto sul turismo enogastronomico individua la città partenopea come la più “appetibile” Gradualmente le riaperture stanno riportando turisti e visitatori nelle città italiane. Non sarà, purtroppo, un fenomeno di massa, ma considerati i presupposti, bisogna...

Parte il Festival delle Arti 2021

Parte il Festival delle Arti 2021

La rassegna, giunta alla sua sesta edizione, è organizzata dalla storica associazione Noi per Napoli Parte il Festival delle Arti 2021 Noi per Napoli dedicato alla città di Napoli, al suo patrimonio storico e culturale, alle sue tradizioni, alla Lirica e al Bel Canto...

“Il sangue di San Gennaro” di Sàndor Màrai

“Il sangue di San Gennaro” di Sàndor Màrai

Altro classico che ascriviamo alla letteratura di Napoli è “San Gennaro vère” dell’autore ungherese Sàndor Màrai, il cui titolo italiano risponde a “Il sangue di San Gennaro”. E lo poniamo nella letteratura di Napoli non solo perché parla con slancio di una Città, a...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te