Quando Missiroli scriveva a Del Secolo. Una rassegna ricca di pezzi esclusivi

da | Lug 7, 2021 | Cultura&Spettacolo, Primo piano

L’emeroteca ai tempi del web – 2

Sull’importanza del carteggio inedito Missiroli-Del Secolo (trentacinque lettere scritte dal 1906 al 1930) si sono soffermati a lungo la professoressa Emma Giammattei dell’Università Suor Orsola Benincasa e il professor Ernesto Mazzetti della “Federico II” relatori al convegno sui “Due giganti del giornalismo” svoltosi nella sede dell’Emeroteca-Biblioteca Tucci nel Palazzo delle Poste di Napoli dove, insieme con l’esposizione dei preziosi documenti cartacei, è stata inaugurata anche una mostra dei libri dei due giornalisti-scrittori, tutti nella loro rarissima prima edizione, nonché di quotidiani e riviste. Una rassegna ricca di pezzi esclusivi come “Scienza e Diletto”, settimanale di Cerignola , sul quale il ventenne Floriano Del Secolo, conseguita la laurea con Giosuè Carducci a Bologna, scrisse il suo primo saggio di critica letteraria o come il “Nuovo Don Chisciotte” di Bologna, mancante a tutte le biblioteche italiane, sul quale a quindici anni debuttò l’aspirante giornalista Mario Missiroli che avrebbe poi scritto trentadue libri e diretto quattro importanti quotidiani: il Resto del Carlino, Il Secolo, Il Messaggero e Corriere della Sera.

Introdotti dal presidente della ”Tucci” Salvatore Maffei, che ha ricordato un’ erudita affabulazione su Henry Mondor, Oscar Wilde e Andrè Gide fatta nel 1968, a Grado, da Missiroli presidente della Federazione della Stampa prima dell’apertura del Congresso dei giornalisti, i due relatori hanno convenuto sull’ironia missiroliana nel giudicare il Duce “profeta e poeta” che si elevava al “livello del genio”, come si legge nella bacheca che espone l’articolo “Eloquenza di Mussolini” pubblicato sulla prima pagina della rivista illustrata “Omnibus” del 23 ottobre del 1937, diretta dal maestro d’ironia Leo Longanesi .

La mostra, nata come il convegno all’interno delle quattro giornate di “Napoli città libro”, resterà aperta fino al 31 luglio e dal primo al 10 settembre (ore 9-16) .

 

 

Successo per il Festival delle Arti

Successo per il Festival delle Arti

Grande festa per la cerimonia finale della rassegna di Noi per Napoli giunta alla sua VI edizione Olga De Maio e Luca Lupoli, noti artisti lirici del mondo musicale partenopeo, vincitori di numerosi concorsi internazionali, Pavarotti International, Mascagni, Mario...

I giallorossi rivivono solo a Napoli

I giallorossi rivivono solo a Napoli

Pd e 5 Stelle uniti nel sostenere il candidato sindaco Manfredi. Ma ce la faranno a vincere? A Napoli si risperimenterà, per il momento caso unico in Italia, la coalizione Pd-5Stelle. Ricordate, è quell’alleanza tra forze assolutamente incompatibili, contro natura,...

“Ferito a morte” di Raffaele La Capria

“Ferito a morte” di Raffaele La Capria

Ferito a morte è uno di quei libri che, grazie alla vita propria dell’opera d’arte, rappresenta  aspetti psicologici e sociologici che trascendono la volontà dell’autore medesimo. Parliamo dunque della seconda, e più nota opera, dello scrittore napoletano Raffaele La...

Neapocalisse di Jean-Noël Schifano

Neapocalisse di Jean-Noël Schifano

  Un altro straordinario ritratto di Napoli è l’oggetto del “classico” di questa settimana, parliamo di Neapocalisse saggio sociologico dal solido impianto narrativo, pubblicato a Napoli nel 1990. L’opera invero risaliva al decennio precedente frutto della...

“Musicista in pochi decenni” di Francesco Libetta

“Musicista in pochi decenni” di Francesco Libetta

La recensione di questa settimana riguarda il denso quaderno di appunti di un grandissimo pianista e compositore meridionale il quale, poco più che cinquantenne, appartiene all’olimpo dei classici del pianismo mondiale. Parliamo di Francesco Libetta, grande musicista...

Lo cunto de li cunti

Lo cunto de li cunti

Il classico dei classici, bello tra i belli, Lo cunto de li cunti di Giambattista Basile è, attualmente, il libro napoletano più noto, meritando persino, in tempi recentissimi, una messinscena cinematografica che, in verità, non ha riscosso consensi straordinari, ma...

Vedi Napoli e poi mangi e bevi

Vedi Napoli e poi mangi e bevi

Un rapporto sul turismo enogastronomico individua la città partenopea come la più “appetibile” Gradualmente le riaperture stanno riportando turisti e visitatori nelle città italiane. Non sarà, purtroppo, un fenomeno di massa, ma considerati i presupposti, bisogna...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
Ricerca Anima Gemella

Ricerca Anima Gemella

badando a te