Usare Facebook può provocare invidia e depressione

da | Lug 1, 2021 | Psicologia

di Cinzia Rosaria Baldi *

La navigazione su Facebook è diventata un’attività quotidiana per quasi 2 miliardi e mezzo di persone. L’uso dei social network  nel complesso non è dannoso anzi ci ha aiutato  durante il lockdown a restare in contatto con la nostra famiglia e con gli amici, ed altre volte si è dimostrato un passatempo divertente ed anche  salutare.
L’utilizzo  dei social  contribuisce,infatti,  a farci stare meglio se utilizzato per relazionare o per svago. Ma attenzione, un po’ tutti in generale quando navighiamo su Facebook siamo portati a dare una sbirciatina a cosa fanno i nostri amici o conoscenti, in modo innocente,  ma se questa attività si trasforma in una forma  di  ‘sorveglianza’ allora siamo di fronte ad un altro genere di situazione che può essere causa di invidia e portare alla depressione.

I lookers sono invidiosi

FB continua ad essere la piattaforma social più diffusa al mondo, nonostante da qualche anno   si assista ad un abbandono sempre più consistente  da parte dei giovanissimi; gli under 18 preferiscono, infatti, dedicarsi alle Stories di Instagram, comunicare con Whatsapp, condividere con Youtube, e trovano FB superato.
Non è facile  determinare il tempo di utilizzo di Facebook, perché come la maggior parte dei social network, Facebook viene utilizzato più volte durante il giorno, in i momenti diversi e spesso solo per un passaggio veloce. Un numero significativo di utenti,  soprattutto durante la pandemia, è entrato su facebook varie volte al giorno, dozzine di volte al giorno anche solo per una sbirciata a volo.
Ed è proprio trai consumatori più assidui di FB che  si nascondono  coloro che utilizzano Facebook con lo scopo di indagare nella vita altrui,  ci sono persone, infatti,  che navigano su faceboook con l’unico scopo di  spiare ed osservare gli altri, per scoprire il benessere economico di un amico, oppure  come va il suo lavoro o  la  sua relazione sentimentale.
Ecco cosa hanno cosa hanno scoperto i ricercatori della University of Missouri. La ricerca, divenuta un riferimento per gli studi sul collegamento tra  depressione e giovani utenti dei social, è stata effettuata nel 2015 su 736 studenti universitari intervistati in modalità sorveglianza  [significa accedere al social network per vedere cosa gli amici stanno facendo] Ed hanno scoperto che gli ‘stati’ postati in Facebook, soprattutto quando i post riguardano fare vacanze costose, nuove case, automobili, o rapporti felici, possono evocare sentimenti di forte invidia tra gli utenti “di sorveglianza” [definiti lookers].
Nel loro studio, Duffy e Edson Tandoc, un ex studente dell’Università del Missouri e ora professore presso Nanyang Technological University di Singapore, hanno potuto osservare che coloro che utilizzano Facebook con lo scopo di indagare sulla vita altrui prima o poi provano sentimenti d’invidia e dopo  manifestano sintomi depressivi e avvertono bassa Autostima; al contrario chi, invece utilizza il sito semplicemente per rimanere in contatto con gli altri, non soffre di effetti negativi anzi ne riceve un beneficio. La ricerca ha, infatti, evidenziato che a causare la depressione non è semplicemente mettersi in agguato su Facebook, secondo i ricercatori, invece, a provocarla sono meccanismi più complessi.
Una delle cause più rilevanti è la ruminazione [ in psicologia si intende un processo cognitivo caratterizzato da uno stile di pensiero disfunzionale e maladatattivo che si focalizza principalmente sugli stati emotivi negativi interni e sulle loro conseguenze negative].
Altra causa potrebbe essere attribuita all’ Overthinking [ che può essere tradotto come “pensare troppo”]. In senso assoluto, non ha una connotazione negativa, ma l’assume quando i pensieri diventano ossessivi, si accumulano e si avvitano su se stessi senza portare a una soluzione, ma assumendo la forma di veri e propri ostacoli ad agire.
Soprattutto nel caso dei giovani utenti di Facebook il pensare troppo e la ruminazione mentale sono la conseguenza di una condizione di insicurezza, che deriva dalla poca conoscenza di sé e dalla incapacità di gestire le proprie emozioni e i propri sentimenti.
Nello studio i ricercatori hanno applicato la teoria del rango sociale della depressione e concettualizzato l’invidia come un possibile collegamento tra l’uso della sorveglianza di Facebook e la depressione tra gli studenti universitari. Utilizzando il sondaggio hanno scoperto che l’effetto dell’uso di sorveglianza di Facebook sulla depressione è mediato dall’invidia di Facebook. Infatti, quando l’invidia di Facebook è ‘controllata’, l’uso di Facebook riduce effettivamente la depressione. Quindi la depressione si manifesta,  viceversa, solo quando si  innesca l’invidia di Facebook.
Dare una sbirciare su FB nella vita altrui deve,infatti, combinarsi con i sentimenti di invidia reale verso gli altri prima che si possa parlare di  dati statisticamente significativi  che mettano in  relazione l’uso di facebok con i sentimenti depressivi.
I ricercatori hanno,infatti,  scoperto, in modo chiaro, che l’uso di Facebook nel complesso non aveva alcuna relazione con la depressione tra la popolazione degli studenti universitari. E’ comunque difficile generalizzare i risultati dell’indagine anche se sono coerenti con altri studi, perché intervengono altri fattori personali, la ricerca andrebbe, quindi,  replicata su un campione più ampio e di differente età.

In conclusione

Come commentano gli stessi ricercatori è importante promuovere  l’alfabetizzazione verso i social media ad ogni età. Gli utenti di facebook e di altri social devono sapere che si tratta di vetrine virtuali dove  ognuno si auto presenta nel modo migliore, condividendo le esperienze o i luoghi più belli, descrivendo se stessi e le cose che fa  in modo sempre positivo. Forse raggiungere questa autoconsapevolezza può aiutare a tenere  lontani i sentimenti di invidia e la conseguente depressione.
* psicologa età evolutiva
“Convivia. Il gusto degli antichi”,  la mostra al Lapis Museum

“Convivia. Il gusto degli antichi”, la mostra al Lapis Museum

Tra i reperti esposti, la bottiglia di olio d’oliva più antica del mondo, utensili, vasellame per la tavola e la cucina dalle Collezioni del MANN Utensili, vasellame e commestibili fossili tratti dalla Collezione dei Commestibili del MANN – tra cui la bottiglia di...

Mariani secondo atto. Focus sui clan vesuviani

Mariani secondo atto. Focus sui clan vesuviani

È passato solo un anno dal debutto di Giovanni Taranto, con “La fiamma spezzata”. Ed eccolo ora riproporsi con un nuovo romanzo, sullo stesso tema, intrighi ed affari della criminalità organizzata vesuviana al vaglio di un investigatore serio e determinato. Siamo...

Il “ballo della rosa”, galà di beneficenza dei Lions

Il “ballo della rosa”, galà di beneficenza dei Lions

Ogni anno prende sempre più corpo e si sta imponendo come uno dei più riusciti eventi napoletani di beneficenza. E’ il “ballo della rosa”, il gran galà di solidarietà organizzato dai Lions Club International e dai Lions Club Capri con la sua presidente Rita Colazza,...

Dieci anni del Napoli femminile

Dieci anni del Napoli femminile

Una festa che meglio non poteva riuscire. I dieci anni del Napoli Femminile dalla prima promozione in A sono stati un tripudio di emozioni, ricordi, sfrenata allegria e anche calcio. Un evento organizzato con dovizia di particolari dal gruppo fondatore della società...

Suor Orsola parla le “lingue” del lavoro

Suor Orsola parla le “lingue” del lavoro

di Giovanni Basile Innovazione didattica e placement dei laureati: la soddisfazione degli studenti dell’Ateneo napoletano La laurea conseguita all’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli risulta più efficace del 15% rispetto alla media nazionale. È quanto emerge...

Piazza San Giacomo, denunciato 23enne “curioso”

Piazza San Giacomo, denunciato 23enne “curioso”

Per curiosità. È questo il motivo per il quale un 23enne incensurato di Villaricca ha colpito un Carabiniere. Siamo a Piazza San Giacomo ed è in corso la manifestazione in occasione della “giornata mondiale del rifugiato”. Un migliaio di persone sono partite da piazza...

Freud’s Bones, la psicoanalisi in un gioco

Freud’s Bones, la psicoanalisi in un gioco

La geniale intuizione di Fortuna Imperatore, game designer napoletana laureata in Psicologia A chi poteva venire in mente l’idea di creare un videogioco che avesse per protagonisti Freud e la psicoanalisi? O a un matto o ad un genio, ma sicuramente con l’inventiva e...

Dall’Ape sociale alla pensione di vecchiaia

Dall’Ape sociale alla pensione di vecchiaia

Lo Studio Rubinacci-Molaro spiega come avviene la conversione e tempi e modi per presentare la domanda Negli ultimi mesi si sono recati presso il nostro studio diversi pensionati titolari del beneficio dell’Ape sociale, che al momento della maturazione del diritto...

Applausi per il duo Mosca-Corcione

Applausi per il duo Mosca-Corcione

Grande successo per il concerto di musica classica “Note di pace” a Casavatore Grande successo di partecipazione e di pubblico per il concerto di musica classica per violino e pianoforte tenutosi presso la parrocchia di Gesù Cristo lavoratore a Casavatore, intitolato...

Napoli, capitale della cultura del Mediterraneo

Napoli, capitale della cultura del Mediterraneo

Il Mediterraneo avrà a rotazione una capitale della cultura. Lo annuncia il ministro della cultura Franceschini con la dichiarazione conclusiva della due giorni di summit che ha riunito per la prima volta a Napoli 30 ministri dell’area mediterranea e non solo. La...

E a Salvator Rosa i secchi ormai sono “decori”

E a Salvator Rosa i secchi ormai sono “decori”

Non appena piove a Napoli, nella stazione Salvator Rosa della Linea 1 della metropolitana, spuntano diversi secchi che vengono posizionati dal personale dell’Anm per raccogliere l’acqua piovana che cade dall’alto e arriva fino alla banchina. I secchi ormai sono...

La prima metro al mondo chiusa per umidità

La prima metro al mondo chiusa per umidità

Stop alla stazione Università fino al 15 ottobre. Pavimentazione da sostituire: “materiale non idoneo” A poco più di 11 anni dall’inaugurazione la stazione metropolitana di piazza Bovio necessita di 4 mesi di lavori per sostituire le “pregiate pavimentazioni” con un...

Panni stesi nei vicoli, divieto  scongiurato

Panni stesi nei vicoli, divieto scongiurato

Non ci sarà nessuna ordinanza che vieterà i panni stesi. L’annuncio è del sindaco di Napoli, Gaetano Manfredi in risposta al caso della bozza del regolamento di polizia urbana, nel quale, secondo indiscrezioni di stampa, sarebbe stato inserito il divieto di stendere i...

Napoli, l’aria è pesante

Napoli, l’aria è pesante

Giocatori che vanno via, altri che vogliono andar via, il futuro azzurro è tutto da inventare, e Spalletti… Insigne emigrato d’oro in Canada, Ospina che stacca il telefono che manco “piange”, ricordando una bella canzone di Domenico Modugno, Ciro Mertens che dal...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te