Al via le riprese de ‘I Sovrani III’, la storia comica del Regno

da | Giu 30, 2021 | Cultura&Spettacolo

Cento attori, cavalli, costume, carrozze per un grande lavoro corale
Garibaldi “juventino”, Francischiello senza cazzimma, la mazzetta al generale
In autunno in televisione e sul web

La prima mazzetta della storia? Fu consegnata da Cavour al generale Landi per dare via libera ai garibaldini nella risalita del Regno delle due Sicilie. E che dire di Francischiello, il re che non aveva la cazzimma del guerrafondaio, non amava le battaglie e investiva nel progresso?

E’ la storia riletta da Max Adv e dalla sua truppa di cento attori capitanata da Marco Lanzuise (Ferdinando II, Re Bomba) e Salvatore Turco (Tutore di Francesco II, “Franceschiello”) i due autori della fortunata serie I Sovrani arrivata alla terza edizione che in autunno sarà protagonista sulle tv napoletane per dieci puntate le cui riprese sono cominciate a Caserta.

“La prima serie – racconta Massimiliano Triassi, produttore dello sceneggiato in salsa partenopea – racconta gli albori del regno di Napoli, la seconda serie quella del periodo dei Giacobini, ora siamo in piena epoca Garibaldi con tutte le gag che caratterizzano le nostre produzioni ma anche la rivisitazione della storia napoletana”.

Lanzuise e Turco parlano con una sola voce. “I Sovrani III mantiene la stessa verve delle prime due serie: un po’ di storia e tanta fantasia. Ci sono due narrazioni. Quella che si racconta sui libri e quella che amano i napoletani. Non abbiamo la presunzione di raccontare, ma sicuramente qualche episodio della nostra vita passata lo ripercorriamo in chiave comica senza distaccarci troppo da quanto avvenne in quei tempi”. E così la prima mazzetta al Generale Landi, comandante dell’esercito che lasciò passare i garibaldini. Immortalata dal fotografo di turno che entra in scena e invita a sorridere: “Ecco l’immagine della corruzione: sorridete”.

Cento attori coinvolti e ancora carrozze, cavalli, costumi, un galeone, locomotiva a vapore, location borboniche come Villa Raucci a Cardito, villa Tufarelli a San Giorgio, Caiazzo, Caserta Vecchia. Si gira anche all’Edenlandia grazie alla partnership con Gianluca Vorzillo. Euronics Gruppo Tufano è parte del progetto.

“Garibaldi juventino?” Sorride Salvatore Turco nel primo giorno di riprese. “Può essere. O almeno noi lo immaginiamo così”. “Un lavoro corale così non era mai andato in scena in una tv locale” aggiunge Marco Lanzuise – Questo è uno sceneggiato a puntate utilizzando molti attori di teatro”.

Oltre a Lanzuise e Turco ci sono Lisa Fusco, Anna Fusco, Caterina De Santis, Oscar di Maio, Rosario Verde (Fransceschiello); Lino D’Angiò (Cavour), Lello Pirone (Vittorio Emanuele), Pietro Vitolo (ambasciatore) Vincenzo Cuomo (Garibaldi), il cantante Antoine (Liborio, capo della polizia), Andreina Raucci (Maria Teresa), Emanuela Giordano (Sofia d’Austria moglie di Franceschiello), Lucio Ciotola (al quale è commissionato l’inno di Mameli), Luigi Attrice, Antonio Fiorillo (scagnozzi di Tore e Criscienzo), Peppe Laurato (il contadino) e Salvatore Gisonna (il barone). Si parlerà anche degli operai del nord che cercano fortuna e lavoro a Pietrarsa. La voce di Antonio Ottaiano (Tore e Criscienzo) per interpretare la musica del tempo.

I Sovrani III è la nuova produzione di Massimiliano Triassi che pesca nel cabaret napoletano. Nel portafoglio della Max ADV programmi che hanno fatto la storia del genere come “I sovrani”, “Ultimo stadio”, “Barche in onda”, “À ricetta”, “Sasamen”, “Musicaly game show”, Web serie magiche emozioni (caffè borbone)”, “#Approdiche?. L’ultima avventura per unire cucina e sorriso è “Sartù, il Sorriso è servito”. Ora la terza serie de I Sovrani per rivisitare la storia del Regno delle Due Sicilie prendendosi (poco) sul serio.

Perché fu eretta la torre di Palasciano

Perché fu eretta la torre di Palasciano

Tra misteri e leggende Bisogna cercarla con gli occhi, percorrendo la Tangenziale, dall’altezza di Corso Malta in poi e fino a poco prima dell’imbocco della galleria di Capodimonte. Si staglia sulla sinistra e svetta nel nugolo di costruzioni che l’hanno avviluppata...

“Il  mio incontro col male”

“Il mio incontro col male”

Parlano i sacerdoti esorcisti. Squarci su un mondo misterioso Uno degli inganni del Maligno sarebbe quello di far credere che non esiste. Secondo altri Satana sarebbe una proiezione della mente per deresponsabilizzarci rispetto a comportamenti inaccettabili (la lotta...

De Maio e Lupoli tra belcanto e solidarietà

De Maio e Lupoli tra belcanto e solidarietà

ll soprano e il tenore dell’associazione Noi per Napoli impegnati in numerosi progetti artistici e sociali L’associazione Culturale Noi per Napoli, con i suoi artisti e rappresentanti, direttori artistici, il soprano Olga De Maio ed il tenore Luca Lupoli (nella foto),...

Un vademecum sulla pandemia. Emergenza o convivenza?

Un vademecum sulla pandemia. Emergenza o convivenza?

“Pandemia e Pandemie da salto di specie, emergenza o convivenza?”: in distribuzione il prezioso e quanto mai attuale e utile volume instant-book di Academ editore, con le risposte alle tante e complesse domande sull’emergenza sanitaria in corso e le gravi implicazioni...

Eventi e musica, Mooks si allarga

Eventi e musica, Mooks si allarga

Nella libreria del Vomero sarà inaugurato un piano dedicato all’intrattenimento Aprirà le porte al pubblico lunedì 19 luglio il nuovo hub del Mondadori bookstore di via Luca Giordano targato Mooks, un nuovo piano della grande libreria vomerese dedicato...

Allamentarse nunn’ abbasta  cchiu’…

Allamentarse nunn’ abbasta cchiu’…

A lengua napulitana verace va scumparenno Sempe cchiù pperzone s’allamentano pecché ’a lengua napulitana verace va scumparenno e ppecché pure cchille che ancora l’ausano spisso nu’ ssapeno scrivere manco doje righe senza piglià zarre e rrancefellune. E overamente...

Il premio Liburia a Salvio Zungri

Il premio Liburia a Salvio Zungri

La sesta edizione del prestigioso evento condotto dall’attore Gabriele Blair e dall’artista Anna Capasso Si è svolto giovedì 15 luglio, nel Chiostro della Parrocchia del S.S. Rosario ad Afragola in provincia di Napoli con inizio alle ore 19 il “Premio Liburia 2021”,...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te