Strisce blu mancanti. A quanto ammonta il danno?

da | Giu 19, 2021 | InEvidenza

Stalli per i cassonetti: così il comune priva i cittadini di posti auto e perde soldi

Da quando è partita la raccolta differenziata “porta aporta”, il Comune di Napoli ha fatto rimuovere i vecchi cassonetti della spazzatura lasciando vuoti gli stalli in
ferro in cui erano posizionati, con il risultato che questi continuano ad occupare potenziali posti nelle strisce blu, provocando un danno economico alle casse di Palazzo
San Giacomo. Prendiamo ad esempio una delle tante piazze della città, piazza dell’Immacolata. Siamo nella Quinta Municipalità, quella dei quartieri Vomero e
Arenella.
Quindi una delle zone più valide dal punto di vista del commercio, dove fare incassi attraverso la sosta nelle strisce blu è una necessità per le magre casse del Comune di Napoli. Ebbene, proprio qui invece accade che gli stalli in ferro dove erano posizionati i vecchi contenitori della spazzatura, rimossi ormai da diversi mesi in
questa zona, non siano stati ancora smantellati ed occupino ancora spazio nelle strisce blu, privando i residenti o chi si reca in zona a fare shopping di diversi posti auto
e di conseguenza il Comune di notevoli entrate economiche, che col passare dei giorni aumentano sempre di più. Solo in piazza dell’Immacolata sono quattro gli stalli
che contenevano cassonetti e che non sono stati ancora smantellati: tradotto significa altrettanti posti auto persi e un ammontare di 96 euro al giorno di ticket per la sosta nelle strisce blu non incassato (considerando 24 euro a posto auto al giorno, ovvero la tariffa minima di 2 euro per l’orario 8-20). Solo in piazza Immacolata, dunque,
il Comune perde circa cento euro al giorno, senza considerare le strade adiacenti alla piazza dove ci sono altri stalli ancora non rimossi.
Se considerassimo anche Largo Celebrano e le vie vicine, infatti, i mancati incassi aumenterebbero. Questa situazione, però, non riguarda solo piazza dell’Immacolata ma
molte delle strade della città da cui sono stati rimossi i vecchi cassonetti della spazzatura e da dove però non sono ancora stati smantellati gli stalli in ferro in cui erano
posizionati gli stessi.

A quanto ammonta il danno per le casse del Comune? Quando si interverrà per “liberare” posti nelle strisce blu per i cittadini e per i residenti? A
proposito, ma è possibile mai che l’ingresso del vicino pronto soccorso dell’ospedale pediatrico Santobono sia invaso da auto in doppia fila e a farla da padrone siano
i parcheggiatori abusivi? È normale che le ambulanze debbano trovare sempre l’ingresso del pronto soccorso ostruito dalle auto? I carri attrezzi ora ci sono…

Prima

La prima metro al mondo chiusa per umidità

La prima metro al mondo chiusa per umidità

Stop alla stazione Università fino al 15 ottobre. Pavimentazione da sostituire: “materiale non idoneo” A poco più di 11 anni dall’inaugurazione la stazione metropolitana di piazza Bovio necessita di 4 mesi di lavori per sostituire le “pregiate pavimentazioni” con un...

De Luca trasforma in positivi i primati negativi della regione

De Luca trasforma in positivi i primati negativi della regione

De Luca, dopo un periodo di “appannamento mediatico” sta tornando al proscenio con tutta la sua carica comunicativa. E lo fa, per non smentirsi, nel bene e nel male. Replica, ad esempio, alla stravagante inchiesta della Procura di Napoli sugli appalti durante la prima...

Manfredi hai voluto la bicicletta? Ora pedala

Manfredi hai voluto la bicicletta? Ora pedala

Al sindaco il compito di ben sfruttare i soldi del patto per Napoli. E di darsi una svegliata La pompa è stata davvero magna. Sembrava che il miliardo e duecento milioni di euro consegnati virtualmente da Draghi a Manfredi (nella foto) fossero un grazioso regalo del...

A Napoli l’hub per gli ucraini

A Napoli l’hub per gli ucraini

Città mobilitata per aiutare i profughi. Via alla raccolta di beni per tutto il Sud Italia. Aperto un centro sanitario Decine di scatoloni con medicine, cibo e vestiti per i bambini ucraini. La disponibilità all’accoglienza dei profughi e anche a trovare un lavoro a...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te