Gli architetti si confrontano: quando conservare e quando restaurare

da | Giu 18, 2021 | Cronaca

di Loris Buffardi

“Opere di architettura moderna: quando conservare, quando restaurare”: questo il titolo del webinar promosso dall’Ordine degli Architetti di Napoli e Provincia (oggi, 18 giugno dalle 15 alle 19) col fine di contribuire al confronto sulle opere di architettura moderna presenti nella città e nell’area metropolitana.
Il tema della rigenerazione urbana oramai prioritario in tutte gli indirizzi politici, amministrativi e culturali, assieme alla necessità di coniugare la conservazione e valorizzazione delle testimonianze architettoniche di riconosciuto interesse rappresentano una sfida ardua a cui i professionisti dell’architettura assieme alle amministrazioni non possono sottrarsi.
Conciliare la storia urbana della città e la memoria collettiva della stessa con la necessità inevitabile di implementare un percorso di valorizzazione e trasformazione delle città, nel rispetto di vincoli e norme, è una condizione necessaria per garantire un futuro alla stessa e ai suoi abitanti.
Focus del dibattito e del confronto promosso dall’Ordine degli Architetti con i rappresentanti di vari enti ed amministrazione è alimentare una discussione che guardi al futuro, nell’intento di garantire una sana stratificazione urbana, che non  precluda la possibilità di progettare, recuperare e valorizzare anche attraverso la sostituzione di parti del tessuti edilizio consolidato di discutibile pregio ed intervenire in tal modo in specifici contesti preservando il valore paesaggistico ed ambientale: la trasformazione della città come opportunità.
Gli incontri tra istituzioni, enti e addetti ai lavori, promossi dall’Ordine degli Architetti di Napoli e Provincia si prefiggono di diventare l’occasione per incentivare il confronto provando a alimentare un dialogo e a risolvere problematiche ataviche al fine di attivare un’adeguata riqualificazione del territorio di Napoli e dell’area metropolitana.
Dopo i saluti e l’introduzione di Leonardo Di Mauro, Presidente dell’Ordine degli architetti di Napoli e provincia, sono previsti gli interventi di: Silvano Arcamone, Agenzia  del Demanio, Ugo Carughi, Presidente DO.CO.MO.MO. Italia APS, Alessandro Castagnaro, presidente ANIAI, Christian De Iuliis, Architetto e Scrittore, Claudio Grimellini, dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, Andrea Pane dell’Università degli Studi di Napoli Federico II e di Davide Vargas, Architetto e Scrittore. I lavori saranno moderati dal giornalista Franco Buononato
“Agropoli più pulita”: le parole di Maria Cuono

“Agropoli più pulita”: le parole di Maria Cuono

La giornalista Maria Cuono direttrice di Newspage Allinfo, scrittrice e docente di materie umanistiche presso l’Istituto Vico De Vivo di Agropoli spinta da rapporti amichevoli ha deciso di scendere in campo a sostegno del candidato a sindaco Elvira Serra nella lista...

Fermo amministrativo, come difendersi

Fermo amministrativo, come difendersi

Lo Studio legale Rubinacci-Molaro spiega le modalità di verifica e i casi in cui è possibile fare ricorso Questo mese, lo Studio legale degli avvocati Giovanni Rubinacci ed Andrea Molaro, prende in esame l’annosa questione del fermo amministrativo, “tanto cara” per...

Via al Mam, museo aperto della metro

Via al Mam, museo aperto della metro

Il Comune rilancia il Mam, il Museo Aperto della Metropolitana, un progetto innovativo finalizzato a valorizzare le opere pubbliche che fanno parte del patrimonio artistico della metropolitana cittadina. Otto grandi imprese italiane sono pronte a investire al fine di...

Affido, tema di attualità. Se ne parla a Pompei

Affido, tema di attualità. Se ne parla a Pompei

A Pompei un convegno su un tema di scottante attualità. “L’affido, una scelta d’amore” è il tema di studio nazionale scelto dai Lions e fatto proprio dai Lions Distretto 108 YA  e per esso dal presidente del Comitato Marina Latella e dal componente del Comitato per la...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te