Il gioco legale riparte. Con uno sguardo già al futuro

da | Giu 14, 2021 | Cronaca

Sicurezza, occupazione, esperienza di gioco. Ecco le tre risposte che il gambling italiano deve dare al futuro.

Da quando per la prima volta, per contrastare la diffusione della pandemia Covid 19, i lavoratori del settore del gioco legale hanno dovuto tirare giù la saracinesca sono passati 300 giorni. Era il 2020, si è provato a riaprire qualcosa nell’estate scorsa, ma è durato poco: i contagi sono tornati a salire e le chiusure sono rimaste le uniche armi da giocare. 300 giorni. Un’enormità per chi vive di quel lavoro. Aziende in ginocchio, lavoratori allo stremo. Stando a quanto si legge su Gaming Report, “oltre il 53% delle attività legate a lotterie e scommesse sono ritenute a rischio operativo, con il restante 47% in tenuta strutturale in bilico”.

Per questo la Luiss Business School ha effettuato una ricerca per studiare le evoluzioni del mondo del gambling. Un progetto che ha un duplice obiettivo. Il primo è quello di offrire una fotografia precisa, completa e dettagliata della filiera del gioco regolamentato, illustrando in che modo questo si articoli tra tecnologia, concessionari e distributori. Il secondo, invece, è quello di analizzare il legame che esiste tra gioco legale e illegale, per capire come una riduzione del primo, registratasi durante il lockdown di marzo 2020, possa portare a un mento di casi illeciti.

A spiegare queste finalità è stato direttamente Raffaele Oriani, docente di finanza aziendale alla Luiss Business School e componente del comitato scientifico dell’Osservatorio sul mercato regolato, che ha sottolineato anche un aspetto fondamentale. I primi dati raccolti infatti hanno evidenziato come l’aumento del mercato illegale, in netta contrapposizione con il settore dei casinò online autorizzati, potrebbe aver raggiunto i 4 milioni di giocatori, spesso non consapevoli di questa scelta e a rischio dipendenze, come si legge in questo articolo pubblicato dalla nostra redazione. Altro numero inquietante è quello occupazionale: il settore del gioco illegale potrebbe impiegare oltre 100 mila persone, molte di più rispetto a quelle del gioco legale.

Per questo è fondamentale investire e innovare le aziende. Infatti l’ultimo capitolo della ricerca Luiss si basa su questo: sono il 63% le imprese con oltre 10 addetti ad aver investito nelle tecnologie digitali, rispetto al 61% della media nazionale. Un dato alto, che spiega il grande contenuto tecnologico del nostro gambling. E un’evoluzione continua, diretta a migliorare l’esperienza del giocatore ma non solo: anche proteggere i clienti e i lavoratori, favorendo il gioco legale.

 

Terrazza Zungri, serata benefica delle socie Innerine

Terrazza Zungri, serata benefica delle socie Innerine

Il 21 settembre alle ore 20,00 puntualissime ed eleganti, come loro costume  si sono incontrate tutte le socie del Club Inner Weel Luisa Bruni (il più antico club d'Italia)  sulla "Terrazza Zungri". Il Club Inner Wheel è un'associazione femminile strettamente legata...

Ipazia, vista con gli occhi dei giovani d’oggi

Ipazia, vista con gli occhi dei giovani d’oggi

  "Ipazia, punti di vista" è il titolo della mostra/performance, che si è tenuta nei giorni scorsi nell’aula 18 (ex Galleria del Giardino) dell’Accademia di Belle Arti di Napoli. L’evento, ideato e curato dal Professor Mauro Maurizio Palumbo, artista e docente di...

La serata della solidarietà sulla Terrazza Zungri

La serata della solidarietà sulla Terrazza Zungri

Lo scorso venerdì 1 luglio si sono incontrati i rappresentanti delle 11 Associazioni afferenti  al  Servizio divulgazioni  donazione organi, tessuti e cellule  “Ancora insieme” presso la Regione Campania, sono stati ospiti del Cav Salvio Zungri ed Imma, dopo che è...

Napoli, spiagge libere a numero chiuso

Napoli, spiagge libere a numero chiuso

È in vigore dallo scorso primo luglio la  la delibera approvata dal Comune di Napoli che fissa il numero chiuso per le spiagge libere di Palazzo Donn’Anna e delle Monache, con il tracciamento numerico dei bagnanti ad opera del personale dei lidi limitrofi che regolano...

“Convivia. Il gusto degli antichi”,  la mostra al Lapis Museum

“Convivia. Il gusto degli antichi”, la mostra al Lapis Museum

Tra i reperti esposti, la bottiglia di olio d’oliva più antica del mondo, utensili, vasellame per la tavola e la cucina dalle Collezioni del MANN Utensili, vasellame e commestibili fossili tratti dalla Collezione dei Commestibili del MANN – tra cui la bottiglia di...

Il “ballo della rosa”, galà di beneficenza dei Lions

Il “ballo della rosa”, galà di beneficenza dei Lions

Ogni anno prende sempre più corpo e si sta imponendo come uno dei più riusciti eventi napoletani di beneficenza. E’ il “ballo della rosa”, il gran galà di solidarietà organizzato dai Lions Club International e dai Lions Club Capri con la sua presidente Rita Colazza,...

Piazza San Giacomo, denunciato 23enne “curioso”

Piazza San Giacomo, denunciato 23enne “curioso”

Per curiosità. È questo il motivo per il quale un 23enne incensurato di Villaricca ha colpito un Carabiniere. Siamo a Piazza San Giacomo ed è in corso la manifestazione in occasione della “giornata mondiale del rifugiato”. Un migliaio di persone sono partite da piazza...

Dall’Ape sociale alla pensione di vecchiaia

Dall’Ape sociale alla pensione di vecchiaia

Lo Studio Rubinacci-Molaro spiega come avviene la conversione e tempi e modi per presentare la domanda Negli ultimi mesi si sono recati presso il nostro studio diversi pensionati titolari del beneficio dell’Ape sociale, che al momento della maturazione del diritto...

Napoli, capitale della cultura del Mediterraneo

Napoli, capitale della cultura del Mediterraneo

Il Mediterraneo avrà a rotazione una capitale della cultura. Lo annuncia il ministro della cultura Franceschini con la dichiarazione conclusiva della due giorni di summit che ha riunito per la prima volta a Napoli 30 ministri dell’area mediterranea e non solo. La...

Panni stesi nei vicoli, divieto  scongiurato

Panni stesi nei vicoli, divieto scongiurato

Non ci sarà nessuna ordinanza che vieterà i panni stesi. L’annuncio è del sindaco di Napoli, Gaetano Manfredi in risposta al caso della bozza del regolamento di polizia urbana, nel quale, secondo indiscrezioni di stampa, sarebbe stato inserito il divieto di stendere i...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te