Campania, al via Argo Digital Care: teleassistenza medica per i pazienti affetti da Covid-19

da | Giu 9, 2021 | Cronaca

Un progetto innovativo ideato per fronteggiare numerose difficoltà a cui i pazienti affetti da Covid-19 in osservazione domiciliare sono costretti a rapportarsi.

Ideato da Improve Communications e realizzato con il contributo non condizionante di Gilead Sciences e la direzione scientifica dei prof. Ivan Gentile e Nicola Coppola: Argo Digital Care è uno strumento di teleassistenza medica che consente di monitorare una serie di parametri biomedici del paziente (SpO2 e Frequenza cardiaca) e di avere accesso in tempo reale alle informazioni raccolte – sia tramite un portale web navigabile sia attraverso 2 app mobile dedicate (iOS e Android) – con possibilità di creare uno storico di tutte le informazioni con grafici e/o tabelle di riferimento.

Uno strumento importante per il territorio campano in cui, dall’inizio della pandemia, si sono registrati oltre quattrocentomila contagi e, bollettino del 17 maggio 2021, la morte di 6844 persone.

Un progetto innovativo che si avvale dell’ausilio di un software per applicazioni di telemedicina e telemonitoraggio, coadiuvato da uno specifico device con certificazione CE.

L’iniziativa risponde ad una grave conseguenza strutturale determinata dalla pandemia da Covid-19: gli ospedali e le loro strutture di medicina di emergenza hanno di fatto sostituito la figura e il ruolo del medico di base. Tale dinamica- soprattutto nelle fasi in cui si sono registrati i più alti picchi di contagio – ha determinato profonde criticità di natura non soltanto organizzativa ma anche, appunto, di natura igienica e sanitaria.

In tale contesto, Argo Digital Care intercetta l’importanza strategica della riorganizzazione della medicina del territorio senza più prescindere dall’utilizzo delle nuove tecnologie ed in particolar modo delle potenzialità della telemedicina.

Il monitoraggio dei pazienti attraverso l’ausilio di specifici device, i cui valori rilevati vengono inviati al medico di base, può rendere più efficace la gestione del paziente stesso e anche migliorare la prognosi della malattia, riducendo il tasso di ospedalizzazioni e di utilizzo della terapia intensiva.

Di pari importanza, il positivo impatto psicologico ed emotivo di tale strumento sui pazienti che, nel periodo dell’osservazione domiciliare, avranno una percezione reale di vicinanza emotiva e costante monitoraggio dei propri parametri biomedici.

Argo_Digital_Care è stato concepito in collaborazione con alcuni tra i più importanti specialisti infettivologi e con un cluster di MMG, immaginando tale sistema come un utile ausilio agli strumenti per il trattamento del Covid-19 già attivi sul territorio.

Il fine ultimo della progettualità resta quello di migliorare il management della malattia nel paziente in domiciliare, aumentando la tempestività degli interventi, qualora i criteri specificati dalle linee guida e individuati tramite il sistema Argo Digital_Care suggerissero al medico che ha in carico il paziente stesso determinate scelte terapeutiche.

Nel progetto pilota è previsto il coinvolgimento, nell’arco temporale di quattro mesi, di un cluster di N. 11 MMG afferenti alla FIMMG (patrocinante gratuito dell’iniziativa): i medici sono stati individuati con lo scopo di monitorare un gruppo totale di massimo N.1000 propri assistiti, affetti da Covid-19.

Tutte le trasmissioni dei dati avverranno tramite protocollo sicuro SSL, che prevede la negoziazione tra il mittente e il destinatario di una chiave di crittografia con cui vengono criptati i dati trasmessi affinché non possano essere intercettati da estranei e letti in chiaro.

 

QUOTE

Vomero, donna muore in un incendio

Vomero, donna muore in un incendio

Allarme al Vomero attorno alle 12 vigili del fuoco ambulanze e forze dell'ordine dirette verso piazza Fuga. Angoscia dei genitori con i figli che anche stamattina nelle vicine scuole. Una donna 94enne è morta carbonizzata. Al momento si sa che l'incendio era in una...

“Libera il tuo segreto”, un progetto per tutelare i più deboli

“Libera il tuo segreto”, un progetto per tutelare i più deboli

Vaccinarsi contro il Covid in farmacia a Napoli è già realtà ma da oggi, grazie all’iniziativa privata, nei locali della “Croce verde” si potranno “curare” anche il disagio e la solitudine delle persone più deboli. L’idea è semplice e nasce dalla sinergia tra la...

Casalnuovo, attraversa i binari con il passaggio a livello chiuso

Casalnuovo, attraversa i binari con il passaggio a livello chiuso

Nei giorni scorsi un uomo è rimasto ferito a un passaggio a livello nei pressi della stazione di Casalnuovo. All’arrivo della chiamata alla Sala Operativa del Compartimento Polfer di Napoli si è subito attivata la macchina dei soccorsi: sul posto è giunto personale...

Restituire la fiducia ai giovani

Restituire la fiducia ai giovani

di Cinzia Rosaria Baldi * Intervista a Emilia Narciso neo presidente Unicef Campania L’Unicef  Italia in questi giorni  festeggia  i trent’anni dalla ratifica nel nostro Paese della Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, diritti messi direttamente...

Napoli, completato il progetto esecutivo del Lungomare

Napoli, completato il progetto esecutivo del Lungomare

È stato completato e consegnato all’Amministrazione Comunale il progetto esecutivo del Lungomare di Napoli, dal titolo "Riqualificazione ciclo-pedonale del Lungomare di Napoli, tratto compreso tra Piazza Vittoria e il Molosiglio". Il progetto, esito di una gara...

Napoli, addio al professore Giacomo De Cristofaro

Napoli, addio al professore Giacomo De Cristofaro

Addio al professore Giacomo De Cristofaro, luminare del Diritto romano, per lunghi anni docente alla Federico II (in stretta collaborazione con Casavola) e poi in tempi più recenti  al Suor Orsola Benincasa. Uomo di grande intelligenza e cultura e, soprattutto, di...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te