Studio e impresa, opportunità Deloitte per dieci giovani della Federico II

da | Giu 8, 2021 | Primo piano

Nasce “Operazione Talenti”, il programma con cui Deloitte offre a 10 diplomati l’opportunità di proseguire gli studi affacciandosi al mondo del lavoro. Il progetto permetterà fin dal primo giorno il contatto diretto con la realtà di Deloitte e la possibilità, al conseguimento della laurea, di avviare un rapporto di lavoro. Un finanziamento per uno dei corsi di laurea triennale tra Ingegneria Informatica, Ingegneria Gestionale, Informatica, Economia e Commercio, Culture digitali e della comunicazione presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II: ecco cosa offrirà il progetto “Operazione Talenti” di Deloitte e Federico II a 10 giovani brillanti in uscita dalle scuole superiori nell’anno scolastico 2020/2021.

«Grazie al progetto Operazione Talenti, 10 ragazzi talentuosi, ma che forse non avrebbero modo di proseguire il percorso scolastico, avranno la possibilità di frequentare l’università e di costruirsi un futuro: un progetto di grande valore sociale che si inserisce nel solco della nostra iniziativa Impact for Italy», spiega Fabio Pompei, CEO di Deloitte Italia. «Un’iniziativa di cui andiamo particolarmente fieri, perché per fare ripartire il Paese non esiste modo migliore che investire nella formazione dei nostri giovani. E questo è esattamente ciò che facciamo con il progetto: investiamo nei nostri ragazzi per creare competenze e valore nel lungo periodo».
Gli studenti selezionati inizieranno un percorso durante il quale saranno già inseriti all’interno di Deloitte. Oltre all’impegno per conseguire la laurea triennale, infatti, sono previste due giornate di coinvolgimento a settimana su progetti Deloitte. Al finanziamento per conseguire la laurea triennale si aggiungerà anche quello per l’acquisto dei materiali didattici e la dotazione di un computer aziendale. «I diplomati che verranno scelti saranno completamente sovvenzionati da Deloitte nel loro percorso di studi: una scelta che premia il talento e le capacità dei ragazzi, a prescindere dalle condizioni sociali di provenienza. Così ci assicuriamo di premiare il merito e di coltivare giovani destinati a diventare brillanti professionisti. Inoltre, le competenze che acquisiranno i ragazzi con il progetto “Operazione Talenti” sono quelle più strategiche per il futuro e sono anche quelle che oggi in Italia è più raro trovare», afferma Alessandro Mercuri, Amministratore Delegato di Deloitte Consulting.

“Un progetto importante che speriamo si possa estendere anche a un numero superiore di beneficiari, che ha il pregio di unire placement e formazione professionalizzante, diritto allo studio e sostegno ai più meritevoli e talentuosi. Con esso si intensifica il rapporto con un partner importante, con il quale il nostro Ateneo ha scelto di collaborare su temi di notevole rilevanza anche nel contesto post-pandemico”, prosegue Matteo Lorito, Rettore Università degli studi di Napoli Federico II.
“La collaborazione strategica con Deloitte, che nasce con DIGITA e prosegue ora con Operazione Talenti, evidenzia quanto sia importante creare una sinergia tra l’Università e le aziende e come questa sinergia possa avere un impatto importante sul territorio. Realizzare progetti concreti e ambiziosi, che consentano di fare formazione di qualità e dare opportunità di lavoro qualificato, rappresenta un valore aggiunto per la società. Con DIGITA ci siamo rivolti a giovani laureati, con Operazione Talenti mettiamo in campo un’azione rivolta ai diplomati dando loro l’opportunità di iscriversi all’Università e conseguire una Laurea lavorando nel contempo in Deloitte. Un contributo nell’ambito della terza missione nella direzione della riduzione della disoccupazione giovanile nel Sud Italia con un’attenzione particolare all’uguaglianza di genere”, afferma Antonio Pescapè, Direttore di DIGITA e Delegato alla Innovazione e Terza Missione dell’Università di Napoli Federico II.

“Operazione Talenti” è destinato a giovani diplomati con background scolastico eccellente e una forte motivazione a mettersi in gioco, pronti a crescere e ad imparare. Per partecipare alla selezione per l’anno accademico 2021/2022 è possibile inviare on line la propria candidatura   entro il 5 settembre accedendo a una pagina dedicata sul sito di Deloitte. I candidati parteciperanno alla selezione che valuterà competenze, attitudine, motivazione e situazione economica. La fase di selezione, che si completerà dopo l’estate, sarà composta da un test attitudinale, un colloquio in gruppo, un colloquio individuale e un test d’inglese. Per l’edizione 2021/2022 sono previsti 10 studenti, ma l’obiettivo è di arrivare a 50 borsisti in totale. I referenti di Operazione Talenti per Deloitte sono Alessandro Lizzi, Partner di Deloitte Consulting e Stefania Pizzuto, Director di Deloitte Consulting.

Operazione Talenti, che si rivolge a giovani diplomati, si aggiunge al progetto della Academy DIGITA, che Deloitte porta avanti con l’Università Federico II di Napoli e con cui condivide valori, visione e attenzione a giovani talenti laureati in tutte le discipline. A oggi, DIGITA vanta oltre 250 studenti formati, la maggioranza dei quali lavora stabilmente presso Deloitte, multinazionali, aziende e PMI italiane.

Il cinema napoletano in cattedra ai David di Donatello

Il cinema napoletano in cattedra ai David di Donatello

Da Leonardo Di Costanzo a Nicola Giuliano: ben 12 nomination ai “Grandi Maestri” dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli Questa sera (diretta su Rai Uno dalle 21.25) negli studi di Cinecittà per la cerimonia di premiazione della 67esima edizione dei David di...

Lavoro, è il boom dell’archeologo tecnologico

Lavoro, è il boom dell’archeologo tecnologico

di Federico Marazzi * In Campania l’eccellenza della formazione è all’Università Suor Orsola Benincasa Immaginate di vedere per la strada un’auto d’epoca, esteticamente affascinante, capace di ottime performances, ma a prezzo di consumi di carburante decisamente...

Come tutelare il nostro “oro blu”

Come tutelare il nostro “oro blu”

Iniziativa per la candidatura Unesco delle acque sorgive del Golfo a “patrimonio dell'Umanità”. I dati, le ipotesi “Facile aprire il rubinetto ed avere a disposizione una delle acque più pregiate, più controllate d’Italia. Ma ciò richiede un grosso sforzo tecnico, una...

Calcio, l’Italia s’è persa

Calcio, l’Italia s’è persa

Come ripartire dopo la delusione della Nazionale Riparte il campionato e sarà volata tutta d’un fiato fino al 22 maggio quando conosceremo l’esito del torneo più incerto ed emozionante da 10 stagioni a questa parte. Si riparte con gare importantissime ai fini della...

La figuraccia di Milano e l’esempio di Napoli

La figuraccia di Milano e l’esempio di Napoli

Il direttore d’orchestra russo Valery Gergiev cacciato dalla Scala di Milano solo perché non ha accettato l’imposizione di dire due parole contro Putin e contro la sua guerra prima di un’esibizione. Un corso sul grande scrittore russo Fedor Dostoevskij annullato alla...

La stazione che fa acqua da tutte le parti

La stazione che fa acqua da tutte le parti

Metropolitana, Salvator Rosa tra secchi di plastica e “portoghesi”. Una vergogna continua Il battagliero consigliere comunale Nino Simeone ne ha fatto, giustamente, un caso. Non si è mai visto, da nessuna parte al mondo, che per collaudare treni nuovi da immettere in...

Napoli, via Domenico Fontana: residenti in pericolo

Napoli, via Domenico Fontana: residenti in pericolo

È da venerdì 18 marzo che in via Domenico Fontana, all’altezza del civico 115, tra l’ingresso pedonale della Parrocchia di Santa Maria Antesaecula e l’accesso alto del Parco Montedonzelli, staziona un “senza fissa dimora”. Per quanto commossi dal senso di Pietas e dal...

Napoli, meno ansia

Napoli, meno ansia

Gli azzurri “tradiscono” quando aumenta la pressione Diciamolo francamente: a Napoli ce la suoniamo e ce la cantiamo come vogliamo a seconda dello spirare del vento, soprattutto quando l’oggetto o il sogno delle nostre fantasie, viene meno ribellandosi a etichette,...

Wilson, laziale sì. Ma soprattutto napoletano

Wilson, laziale sì. Ma soprattutto napoletano

L’omaggio al grande difensore ex Internapoli morto nei giorni scorsi a Roma Se ne è andato all’improvviso, accompagnato dall’omaggio scontato e doveroso di tutto il mondo calcistico laziale. Prima la bara esposta nella camera ardente poi un funerale, a Roma, con la...

Morte di Ornella, a maggio la sentenza

Morte di Ornella, a maggio la sentenza

Il processo all’ex compagno della docente uccisa un anno fa. Lunedì incontri alla Uil e al Liceo artistico Un otto marzo trascorso col pensiero rivolto alle donne russe e ucraine… Intanto in Italia non si ferma la violenza di genere: 118 le vittime di femminicidi nel...

Errore medico: quando c’è il risarcimento

Errore medico: quando c’è il risarcimento

Lo Studio Rubinacci-Molaro spiega la normativa che regola la responsabilità sanitaria Con l’articolo di oggi lo Studio legale degli avvocati Giovanni Rubinacci ed Andrea Molaro, si occupa della tematica del risarcimento del danno derivante dall’errore del medico...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te