“Ferito a morte” di Raffaele La Capria

da | Giu 6, 2021 | Cultura&Spettacolo

Ferito a morte è uno di quei libri che, grazie alla vita propria dell’opera d’arte, rappresenta  aspetti psicologici e sociologici che trascendono la volontà dell’autore medesimo. Parliamo dunque della seconda, e più nota opera, dello scrittore napoletano Raffaele La Capria, vincitrice dell’ambito “Strega” nel 1961 ( seguente a Un giorno d’impazienza  del 1952). Romanzo bello come un quadro di fine ‘800 napoletano, colpisce per la vividezza dei paesaggi marini, la limpidezza delle acque che lasciano trasparire pesci guizzanti, veri protagonisti dell’Opera, e che gli danno un principio ad effetto, come il tocco di “biacca” sul riccio dell’onda dei “migliori” pittori di genere:

« La spigola, quell’ombra grigia profilata nell’azzurro, avanza verso di lui e pare immobile, sospesa, […] L’occhio fisso, di celluloide, il rilievo delle squame […] Luccica li, sul fondo di sabbia […] passa lenta come se lui non ci fosse, quasi potrebbe toccarla, e scompare in una zona d’ombra […] ».

I suoi personaggi, non diversi dalle figure pittoresche dei quadri di Vincenzo Migliaro, di Alceste Campriani si tuffano, oziano, seducono nello scenario di un Palazzo Donn’Anna perfettamente aderente ai timbri dorati di un Gaetano Esposito che mi lasciò incantato, ancora bambino, alla Galleria di Arte Moderna di Valle Giulia a Roma. E però, fin dalla lettura prima e giovanile di questo quadro bellissimo fui colpito da una dissonanza di fondo che mi ci vollero anni per interpretarla.

Tratteggiandone rapidamente la trama spieghiamo che il protagonista, certo Massimo, alter ego dell’Autore, è un giovane borghese in procinto di un trasferimento, volontario, a Roma. Il periodo è quello del decennio post bellico in una Napoli ancora non ricostruita in cui avrà ragione la figura di Achille Lauro, anticipatore dei “valori” e di certa mitologia imprenditoriale  che, osteggiata dal sistema di allora, perché espressa da Napoli, vedrà un trionfo ventennale, a partire dal 1994, quando prodotta da Milano.

Il “povero” protagonista, insofferente a questa propensione alla speculazione che, nelle sue parole, sembrano colpire solo, o principalmente, Napoli (profilando l’idea di un resto d’Italia virtuosa e proba che si ingegna al positivo rinnovamento) trascorre il tempo dell’attesa fra gite in barca a Capri o al Circolo Nautico per l’aperitivo, corteggiando una ragazza  che ama e che non lo seguirà.

Napoli è dunque il luogo della sua spensieratezza ma anche dell’insoddisfazione; configurando così uno scenario che restituisce la Città come una fucina di  irresponsabilità. L’uomo che verrà, l’aspirante intellettuale, deve perciò abbracciare i valori dell’ “altra” Italia, quella “impegnata” e responsabile.

Avviene dunque che Massimo si decida a varcare la soglia dell’adultità ma  senza chiarire, profondamente, se per la consapevolezza della fatuità dei suoi aperitivi o solo per  il rammarico dell’estinzione di una Napoli ottocentesca, quella che con il suo splendore richiamava viaggiatori d’ Europa e che consentiva la “vacanza permanente” a quella compagnia di fortunati.

Nell’uno e nell’altro caso è sempre Napoli che gli offre lo spunto per la pagina, e per il successo, e  – curiosamente – mi viene da dire, mai l’Italia responsabile, proba e positiva cercata altrove.

A questo punto entra in gioco l’interpretazione dello scrivente, crocianamente consapevole che l’opera d’arte non va intesa per i contenuti (veri o presunti) che ne muovono la dinamica costitutiva. E tuttavia non ho potuto fare a meno di chiedermi se quei valori della probità, contrapposti a quelli dell’ozio, che evidentemente toccava pochi eletti ai quali fortunatamente poteva dirsi appartenente, l’autore li abbia mai trovati  nell’altrove vagheggiato. E poi, nel caso li avesse trovati, se non erano incarnati proprio dai suoi concittadini che l’aperitivo al circolo non potevano permettersi e andavano a ingrossare le fila della forza lavoro in quell’altrove, fino a determinare una Napoli nel mondo dieci, venti, trenta volte, più grande di quella geografica. Mi chiedo se, alla luce della storia, quella vocazione all’irresponsabilità di Napoli non sia stata poi smentita dalla fiducia che quel resto d’Italia, cercato dal ragazzo che vuole emanciparsi, ha poi riposto nel ventennale “Ghe pensi mì”. Soprattutto non posso fare a meno di chiedermi  se il modello speculativo, alla luce dei traffici di rifiuti tossici, vecchi e nuovi, prodotti dalla parte “proba”; dei ponti di autostrada crollati, alla cui manutenzione avrebbe dovuto provvedere la medesima parte “proba”, abbiano fatto ripensare alla effettiva consistenza dei disvalori, motore della volontà di cambiamento dell’ Autore (e oggetto del proprio successo letterario). Una dissonanza francamente irrisolta e che, forse, rappresenta la contraddittoria bellezza dell’opera d’arte. Ferito a Morte, pubblicato da Bompiani nel 1961, è oggi disponibile in edizione Mondadori.

 

“Maradò”, le voci del popolo

“Maradò”, le voci del popolo

Nel libro di Anna Copertino, l’universo napoletano del Dios Che cosa non si è scritto e detto di Maradona che ormai non si sappia? Artisti, grandi firme, uomini di cultura e registi ne hanno la grandezza, miseria e nobiltà ma ognuno con la propria idea e l’immagine ed...

Procida, un’intera giornata dedicata alla cultura

Procida, un’intera giornata dedicata alla cultura

Un evento di un’intera giornata dedicato alla cultura. A Procida” l’isola che non si isola” e che quest’anno sta celebrando il suo essere capitale della cultura l’appuntamento è fissato per domenica 29 maggio. Un evento che si snoderà in tre momenti, tutti idealmente...

Campania, Puglia & Mendoza in tour

Campania, Puglia & Mendoza in tour

Le domeniche dal 1° maggio al 5 giugno si terranno cinque concerti di musica dal vivo nei luoghi incantevoli della Campania Napoli – Ercolano – Vico Equense – Sorrento – Ravello. Il Chitarrista Max Puglia (Hermanos, Ruggiero, Buonocore, Gragnaniello, Fò, Hernadez,...

Arte e solidarietà con Noi per Napoli

Arte e solidarietà con Noi per Napoli

L’associazione culturale organizza e promuove anche iniziative sociali a favore dei bisognosi L’associazione culturale Noi per Napoli, con i suoi artisti e rappresentanti il soprano Olga De Maio ed il tenore Luca Lupoli, ispirata sempre ai principi e finalità...

A tu per tu con Maria Cuono

A tu per tu con Maria Cuono

L’intervista di Noi per Napoli alla scrittrice, giornalista e docente cilentana: una vita per il teatro A tu per tu con Maria Cuono, docente, giornalista e valente scrittrice cilentana. Le abbiamo rivolto qualche domanda per farla parlare di sé, della sua arte e per...

Nuova indagine per il Capitano Giulio Mariani

Nuova indagine per il Capitano Giulio Mariani

In libreria entro fine primavera il secondo giallo del giornalista Giovanni Taranto Torna il Capitano Giulio Mariani: entro fine primavera la seconda inchiesta del detective dell’Arma protagonista ci dei gialli del giornalista Giovanni Taranto sarà sugli scaffali di...

Carnevale, ballo a corte dentro al Palazzo Reale

Carnevale, ballo a corte dentro al Palazzo Reale

Oggi, lunedì 28 febbraio e martedì 1 marzo alle ore 15 e 17 e domani, domenica 27 febbraio, alle ore 10, 12, 15, 17 va in scena l’insolita esperienza di fruizione museale, ideata e realizzata da Le Nuvole con Casa del Contemporaneo e la collaborazione della direzione...

Musica, ecco “Niente è niente”

Musica, ecco “Niente è niente”

Il nuovo progetto musicale degli artisti partenopei Olga De Maio e Luca Lupoli che unisce pop e lirica Si chiama “Niente è niente” il nuovo progetto discografico del soprano Olga De Maio e del tenore Luca Lupoli, noti artisti lirici partenopei ed internazionali,...

San Ciro e l’«ex voto» di Pietro Gargano

San Ciro e l’«ex voto» di Pietro Gargano

Il retroscena del libro del noto giornalista-scrittore sul santo protettore degli ammalati “Ho avuto due infarti nel giro di nove mesi, e ogni volta dicevo ‘San Ciro, pensaci tu, patrono del paese’. Sto ancora qui, e allora ho scritto un libro sul millenario culto del...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te