Chiese e palazzi storici a rischio crolli, così si sprecano i fondi dell’Unesco. Troppi gli enti coinvolti nel recupero, ci vuole un “Garante” che li coordini

da | Mag 24, 2021 | Primo piano

Nove chiese a  rischio sprofondamento (e altre 91 da tenere sotto controllo), avvertiva qualche giorno fa “Il  “Mattino” citando uno studio universitario su rilievi satellitari relativi alle variazioni di altezza degli edifici (e dunque ai movimenti del sottosuolo). Ma le chiese abbandonate, chiuse, pericolanti , inagibili (saccheggiate o utilizzate in modo improprio o con cantieri  fantasma)  a Napoli, “città dalle 500 cupole”,  sono molte di più. “Almeno la metà”, secondo Antonio Pariante presidente del Comitato Portosalvo impegnato da sempre in difesa  del patrimonio storico artistico e monumentale  della città.

 Emblematico il caso del complesso dei Girolamini. Lavori per oltre 7 milioni finanziati dall’Unesco. Quattro anni perduti tra aggiudicazioni delle gare e contratti; poi nel 2017 l’apertura del cantiere ma ecco che arriva uno stop per inadeguatezza del progetto… Ed è ancora tutto fermo, perché la variante era troppo costosa (il cantiere tuttora in custodia  alla ditta che avrebbe dovuto fare i lavori).

Ancora off limits (dal 1980) anche la seicentesca chiesa di Santa Maria di Vertecoeli, a due passi da largo Donnaregina: splendida facciata barocca, fronteggiata da un altro pregiato edificio storico. Nel 2017 fu restaurata la facciata per  190mila euro a spese dal Comune, proprietario dell’immobile. Ma all’interno resta uno scempio, tra soffitti  che rovinano, escrementi di animali e altra sporcizia (gli oggetti sacri, rubati o vandalizzati).

Antonio Pariante

E che dire della chiesa di Santa Croce al Mercato, che pure è pericolante? Hanno rifatto la piazza, con fondi Unesco  (“usati materiali impropri, alterati i prospetti visivi”, accusa Pariante)  ma non la chiesa…

Parecchie di queste chiese  un tempo  erano cappelle private, la maggior parte gestite da arciconfraternite che poi si sono estinte  (la gestione dei  beni delle arciconfraternite commissariate fa capo a un ufficio speciale della Curia). Pochi gli immobili che appartengono alla Curia. Alcuni sono del Comune, molti  di proprietà del FEC (fondo edifici culto) che fa capo al Ministero degli Interni.  “Alla luce dei patti lateranensi , il concordato Stato Chiesa del 1929”, ricorda il dottor Pariante, “tocca allo Stato la spesa per la manutenzione ordinaria e straordinaria, ma con un capitolo di bilancio teorico… Non ci sono fondi”.

E però,  quando l’opportunità economica c’è, non si conclude niente. Il centro storico è stato riconosciuto dal 1995 patrimonio dell’umanità dall’Unesco,  con erogazioni  di risorse europee per la messa in sicurezza, restauri, ristrutturazione, riqualificazione di monumenti e strade nel perimetro dell’antico insediamento greco romano . Ma a fronte di 100 milioni disponibili per il “Grande progetto centro storico Unesco”  partito con la programmazione 2007-2013 poi traslato su  quella successiva, ad aprile 2019 la spesa rendicontata era di soli 15 milioni e cioè meno di un terzo. Cento milioni  per interventi previsti  su 27 chiese, “ma i lavori sono iniziati solo in una decina di casi e mai finiti”; in questi 26 anni, secondo Pariante, si sarebbero persi addirittura  500 milioni per tre “grandi progetti” compreso l’ultimo (sindaci Bassolino, Iervolino, De Magistris), tutti falliti…

Un’area, quella del centro storico, su cui insistono diverse normative di scala nazionale, regionale e comunale  con un intreccio di responsabilità istituzionali. Da chi dipende lo stallo? Comune, Regione, Sovrintendenza,  Arcidiocesi, Ministero, Provveditorato opere pubbliche; direzioni dei complessi monumentali… “A prescindere dagli amministratori che si sono succeduti”, commenta Pariante, “non c’è stata una buona gestione politica dei nostri beni culturali”. Si poteva fare meglio. Ritardi ai quali bisognerebbe porre rimedio, per non perdere anche il resto. “L’Unesco è  lontana. E il Ministero dei beni culturali accentra la sua attenzione su Pompei”, riflette il presidente del Comitato Portosalvo. Ed ecco il suggerimento: “A Napoli serve un Garante  per difendere  il centro storico e il paesaggio  dal degrado  e dalle continue trasformazioni urbane/restyling  che stanno alterando l’identità  del territorio. Un difensore civico che raccolga tutti attorno a un tavolo,  per coordinare  gli interventi affinché si proceda in maniera omogenea e non più a macchia di leopardo”. Serve una visione complessiva,  per  salvaguardare il passato puntando al futuro.

Insigne, contratto ridotto! Addio?

Insigne, contratto ridotto! Addio?

Gioiello della Nazionale di Mancini, il capitano azzurro ridimensionato dall'offerta di De Laurentiis Vedendo numerose gare dei gironi di qualificazione ai mondiali catarioti del 2022, la prima domanda che mi sono posto è stata: in quali condizioni fisiche e mentali...

Zona rossa? Si fa per dire

Zona rossa? Si fa per dire

A Napoli pochi controlli, ha ragione De Luca a protestare. I più giovani appaiono poco consapevoli Certo lo sceriffo De Luca non ha più lo smalto della prima ondata, quando con lo spauracchio del lanciafiamme conquistò la ribalta mediatica nazionale e impose un ferreo...

I “no Vax”? Sempre di più

I “no Vax”? Sempre di più

di Cinzia Rosaria Baldi * La colpa è delle emozioni e della percezione del rischio dovuto alla profilassi La Campania lancia il passaporto vaccinale Covid-19, un segnale per trasmettere la speranza di tornare a circolare liberamente in tranquillità, ma all’iniziativa...

La scoperta del Ceinge sul Covid-19

La scoperta del Ceinge sul Covid-19

I ricercatori del Ceinge-Biotecnologie avanzate di Napoli hanno analizzato i dati genetici di oltre 1 milione e 7mila campioni di cittadini europei sani e pazienti positivi ricoverati in ospedale. È noto che i fattori di rischio per la malattia da Sars-CoV-2 sono...

Riapriamo le nostre botteghe

Riapriamo le nostre botteghe

di Gianni Lepre L'esempio di Leonardo: dalla fiction su Rai Uno la strada da seguire per fronteggiare la crisi Il Leonardo televisivo proposto in prima serata da Rai Uno ha, tra i tanti altri meriti, ricordato a milioni di spettatori la figura di un artista grande,...

In Villa spunta il Museo del mare

In Villa spunta il Museo del mare

L’ex Circolo della Stampa “rinasce” dopo 22 anni dall’abbandono. Il fabbricato fu progettato da Canino La clamorosa notizia della “cessione” della villa comunale da parte di Palazzo San Giacomo all’Istituto Anton Dohrn (Il Mattino 21/3/21) - che avrà il compito di...

Ansaldo e il mitico re degli scoop

Ansaldo e il mitico re degli scoop

Quando il direttore del Mattino chiese a Salvatore Maffei di tradurgli le parole di Truman Quando Giovanni Ansaldo arrivò al “Mattino” si capì subito che in pochi sarebbero stati ammessi alla sua corte. Il direttore ligure seguiva le vie gerarchiche (vicedirettore,...

La Regione diventa “anziana”

La Regione diventa “anziana”

L’anniversario dei 50 anni di vita in una mostra fotografica curata con l’archivio dell’Ansa La Regione Campania sta diventando ormai “anziana”, come testimonia, in occasione dei 50 anni di vita, un libro fotografico edito dall’Ansa. Quando nacque, appunto mezzo...

Piazza Dante e gli umori della città

Piazza Dante e gli umori della città

Luogo di incontri, commerci, feste e proteste. Gli imprenditori storici, presidi di civiltà Napoli città teatro, e piazza Dante ne è uno dei più vivaci palcoscenici, “contenitore” che accoglie e rappresenta fatti e misfatti di una intera comunità. La lucida sintesi è...

Dpcm 16 gennaio, ecco tutte le regole

Dpcm 16 gennaio, ecco tutte le regole

In vigore da oggi il nuovo decreto di gennaio: spostamenti fra regioni vietati. Norme su palestre, musei, bar, visite in due, seconde case Entra in vigore oggi 16 gennaio 2021 il nuovo Dpcm che regola le norme anti-contagio per fronteggiare il Covid-19. Gli impianti...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
Ricerca Anima Gemella

Ricerca Anima Gemella

badando a te