Napoli, tre punti per sognare il futuro

da | Mag 23, 2021 | Calcio Napoli

Napoli-Verona: gli azzurri giocano per non rovinarsi la Champions e le vacanze; motivi più convincenti di ogni modulo tattico. Difendendo il quarto posto dalla Juventus, posizione appena conquistata a dispetto di Cassandre e menagrami, Gattuso e i suoi avranno centrato l’obiettivo – mini, massimo? – di inizio stagione: il ritorno nell’Europa che conta. La gara contro il Verona, show di congedo al Maradona, richiede però un ultimo sforzo e un solo risultato: la vittoria. La Juve gioca a Bologna, il Milan a Bergamo contro l’Atalanta, unica certa con l’Inter campione, della partecipazione alla prossima Champions League. Persa malamente la Coppa Italia con qualche polemica, a vantaggio proprio della Juve, i bergamaschi potrebbero tirare un colpo mancino alla Juve “subendo” le maggiori motivazioni del Milan. in un campionato di biscotti e pasticcini, tutto è possibile. Il Napoli, però, farà bene a prepararsi la torta da solo. Il ritorno degli azzurri in Champions sarà l’argomento forte delle prossime ore, e, forse, di tutta la nuova stagione. Si punterà al massimo o sarà comunque ridimensionamento? Per ora, a nostro sommesso avviso, il Napoli ha fatto il massimo che poteva in una stagione intensa, con infortuni a catena, Covid e comprensibili appannamenti con qualche punto di troppo perso in casa (Torino, Spezia, Sassuolo e Cagliari).

Contro il Verona, squadra tranquilla e soddisfatta per aver raggiunto con grande anticipo la promessa, servono i tre punti e soprattutto un Napoli accorto e deciso. i veronesi, con la testa sgombra e le gambe leggere, possono diventare un brutto cliente per gli azzurri se non avranno pazienza e la giusta carica nervosa. Zaccagni, esterno di buon livello nel mirino del Napoli, il giovane serbo Ilic, Faraoni e il numero uno Silvestri, uomini di maggior spicco e qualità della formazione scaligera. Mancherà Barak, ceco dal gran fisico e dal tiro potente, ma Iuric, tecnico già più volte avvicinato al Napoli e allievo di Gasperini, di cui ricalca il modulo (3-4-2-1) e mentalità non per questo giocherà senza stimoli. Non sarà, infatti, un Verona votato alla difesa strenua, ma una squadra che, ben coperta nella zona centrale del campo, cercherà soprattutto sulle corsie esterne con Faraoni e Lazovic di creare problemi al Napoli. Gattuso, che ha tenuto tutti sulla scorda dopo l’importante vittoria di Firenze, ci tiene a chiudere bene e da vincente un campionato difficile, dove l’idea di una formazione tipo ha subito troppe volte ritocchi tattici o di emergenza per motivi indipendenti dalla volontà del tecnico. Finire a 79 punti, come Ancelotti e dietro solo al triennio di Sarri (82-86 e 81 punti), con 25 vittorie (terzo risultato dopo le 26 di Sarri nella seconda di stagione e le 28 nella terza) è un dato significativo che testimonia il salto di mentalità di una squadra capace di vincere ben 12 volte in trasferta, seconda solo al Milan con 15 vittorie, 16 se stasera vincerà a Bergamo. Numeri importanti che lasciano comunque spazio a qualche rimpianto. Come rimpianto sarà l’addio di Gattuso. C’eravamo tanto amati è il leitmotiv di un anno tribolato tra presidente e tecnico. Leitimotiv che costituisce il mantra di Don Aurelio. L’amore è una cosa meravigliosa. Finché dura. Aurelio è certo per quello eterno, anzi le sue passioni più infatuazioni sono numerose. Quale e chi sarà la prossima? Avrà finalmente la freddezza di far prevalere la ragione sull’impulso? Ne sapremo di più appena tra qualche giorno. Per stasera pensiamo a vincere questa partita decisiva contro il Verona.

Il Napoli ritorna a sorridere al Maradona

Il Napoli ritorna a sorridere al Maradona

Il Napoli ritorna a sorridere al Maradona, dopo tre sconfitte consecutive tra le mura amiche, gli azzurri battono la Sampdoria per 1-0 grazie al gol di Petagna.   Il Napoli ritorna a sorridere - Stadio desolatamente deserto, pocchissimi i sostenitori per questa...

La mossa di Spalletti che ha sorpreso Pioli

La mossa di Spalletti che ha sorpreso Pioli

La mossa di Spalletti - Petagna titolare e una squadra predisposta all'attesa e al contropiede: cosi il tecnico ha vinto il big match con il Milan. E sul gol di Kessie... La mossa di Spalletti - Nella gelida Milano, il Napoli di Spalletti ridimensionato dalle...

I due miracoli di Spalletti

I due miracoli di Spalletti

Rrahmani e Lobotka: Gattuso li aveva ignorati e sembravano due giocatori persi alla causa del Napoli (e di Adl) Rino Gattuso a Napoli non è stato fortunato. In fondo all’ultima giornata di campionato per un misero gol ha perso il quarto posto e la qualificazione...

Tra iella e arbitraggi Napoli urla

Tra iella e arbitraggi Napoli urla

Nonostante infortuni e sfortuna la squadra recrimina per i cinque punti persi con Verona ed Empoli È davvero in fase calante il Napoli o gli ultimi risultati negativi sono solo colpa degli infortuni a ripetizione dei suoi giocatori chiave? Spalletti, in verità, non ha...

Quanti scivoloni, don Aurelio!

Quanti scivoloni, don Aurelio!

Una frana. Il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis passa per un grade comunicatore. Ma in questi ultimi giorni, vittima del suo stesso narcisismo, l’ha fatta veramente grossa. Ha inanellato una serie di dichiarazioni che oltre a portare scompiglio nel mondo del...

Napoli-Leicester festa a metà..

Napoli-Leicester festa a metà..

Napoli-Leicester festa a metà, gli azzurri vincono per 3 a 2 ma non basta per evitare i sedicesimi di finale. Napoli-Leicester festa a metà - Serata di tempesta al Maradona, il Napoli costretto a vincere contro il Leicester per sperare di passare il turno da primo,...

Nella notte per Diego riparte il Napoli

Nella notte per Diego riparte il Napoli

Nella notte per Diego riparte il Napoli, 4-0 alla Lazio e primato solitario in classifica, Zielinski apre le marcature, poi Dries Ciro Mertens firma una straordinaria doppietta, poi Ruiz mette il sigillo nel secondo tempo. Nella notte per Diego riparte il Napoli -...

Napoli gelido a Mosca

Napoli gelido a Mosca

Napoli gelido a Mosca, contro lo Spartak finisce 2-1, gli azzurri si riscaldano nel secondo tempo ma non riescono a recuperare il risultato. Napoli gelido a Mosca, nel pomeriggio freddo della partita contro lo Spartak, gli azzurri non si rialzano e incassano la...

Napoli: stop a San Siro, la spunta l’Inter

Napoli: stop a San Siro, la spunta l’Inter

Napoli: stop a San Siro, la spunta l'Inter per 3-2. Azzurri in vantaggio con Zielinski ma si fanno rimontare dai padroni di casa, sul 3 a 1 entra Mertens che riapre la partita e sfiora il clamoroso pareggio allo scadere. Napoli: stop a San Siro, la squadra di...

DeLa-Insigne: c’eravamo tanto amati(?)

DeLa-Insigne: c’eravamo tanto amati(?)

La proposta di rinnovo al ribasso del patron del Napoli sembra un invito a chiudere dodici anni di storia Che futuro ci sarà per Lorenzo Insigne? Cosa sarà del condottiero della nazionale, leader e capitano del Napoli? Dopo il pareggio con il Verona e il flop con la...

Covid, allarme in casa Napoli: Demme è positivo

Covid, allarme in casa Napoli: Demme è positivo

Torna l’allarme Covid in casa Napoli. Secondo quanto riportato dal Corriere del Mezzogiorno, dopo il consueto giro di tamponi della giornata di ieri,  Diego Demme sarebbe risultato positivo e attualmente asintomatico. Il centrocampista tedesco è già in isolamento...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te